Genere
Sportivo
Lingua
Italiano
PEGI
3+
Prezzo
€ 64,90
Data di uscita
30/4/2010

Mondiali FIFA Sudafrica 2010

Mondiali FIFA Sudafrica 2010 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
EA Sports
Genere
Sportivo
PEGI
3+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
30/4/2010
Lingua
Italiano
Giocatori
8
Prezzo
€ 64,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Per la versione completa saranno richiesti una console PlayStation 3 e un controller compatibile. Oltre che su PS3, Mondiali FIFA Sudafrica 2010 uscirà anche su PSP, Xbox 360 e Wii.

Multiplayer

Il gioco completo ci permetterà di giocare in rete se collegati a Xbox Live o PlayStation Network nelle versioni Xbox 360 e PlayStation 3 (otto giocatori online e quattro offline anche in cooperativa). A fianco del multiplayer via Internet, sarà sempre possibile sfidare gli amici sulla stessa console e TV.

Link

Hands On

La difesa del titolo è imminente

Il calcio di EA Sports si avvicina al Sudafrica...

di Alessandro Martini, pubblicato il

Con regolarità invidiabile, da oltre un decennio ogni uscita della serie FIFA che coincide con l'anno di mondiali o europei vede una versione "extra" dedicata proprio a queste competizioni e concentrata sulle nazionali. Mondiali FIFA Sudafrica 2010 continua il trend avviato nei lontani anni '90 e promette di ricreare al meglio tutta l'atmosfera della competizione, risolvendo i pochi difetti emersi con il tempo in FIFA 10. Di seguito, trovate riassunte le prime impressioni ricavate da una versione per PlayStation 3 non ancora definitiva.

cassano, balotelli o nessuno dei due?

Con un'interfaccia e menu a cartoni animati in stile Madagascar (il film non l'isola), il gioco ci presenta le tre modalità principali ossia la versione "mondiale" di Be a Pro (Professionista in Italiano), gli scenari delle qualificazioni ispirati a partite importanti e infine l'intero percorso "mondiale" dai gironi alle fasi conclusive. Ovviamente la completa licenza sull'evento sudafricano consente ad EA Sports di ricreare stadi, palloni e loghi che vedremo ben presto in TV, compresa tutta la grafica televisiva e le sue animazioni. Tornando alle modalità disponibili, iniziamo dalla versione "nazionale" di Professionista (chiamata Guida la tua Nazione) che ci vede impegnati a lottare con i compagni per diventare capitani del nostro paese. Controllando sempre un unico giocatore, dovremo impressionare il mister in allenamento e in partita, tenendo d'occhio le performance dei nostri "rivali" indicate a schermo da valutazioni che si aggiornano nel corso della partita, e relative barre colorate. In campo, possiamo scegliere naturalmente se usare una telecamera concentrata solo sul nostro atleta o un'inquadratura standard simile alle altre modalità, ed i controlli riflettono quanto visto nelle ultime edizioni (possiamo infatti chiamare palla con un tasto per non restare esclusi dal gioco).
Solo raccogliendo buone prestazioni riusciremo a scalare il "ranking" interno alla nostra squadra, passando da un buon panchinaro a idolo di un'intera nazione nelle partite più importanti. Un apposito menu riassuntivo in stile sito Internet ci aggiorna con regolarità dopo ogni partita, riportando le dichiarazioni dell'allenatore, le valutazioni dell'intera squadra e un riassunto della nostra evoluzione (o involuzione).

cambiare la storia con un pallone

Gli scenari delle qualificazioni, ispirati a partite giocate realmente, si rifanno a serie come ISS di Konami, inserendo maggiore realismo grazie alla base di licenze sterminata della serie FIFA (nomi, squadre, giocatori e statistiche a migliaia). In pratica si inizia la partita a match già abbondantemente avviato, di solito poco dopo aver subito un gol, un'espulsione o nei pressi di un altro evento decisivo per l'incontro.
Ovviamente queste "missioni calcistiche" ci chiedono di recuperare una partita ormai compromessa in tempo record, completando se possibile alcuni obiettivi bonus (non subire altri gol, segnarne più di uno e così via). Per esempio, possiamo rigiocare il match dei gironi tra Italia e Irlanda, pareggiando nei panni degli irlandesi e cercando addirittura di vincere nei pochi minuti rimasti. Superando le varie prove, si possono sbloccare anche altri scenari "storici" che arrivano, ad esempio, dal mondiale 2006 o da altre competizioni internazionali, giusto per aumentare lo spessore di questa modalità.
Chi desidera invece dedicarsi a un gioco di calcio "tradizionale" potrà ritrovare la classica partita veloce, ideale con gli amici, il multiplayer via Internet e il Campionato del Mondo a partire dalle qualificazioni. In questo caso, le voci rimanenti dei menu (con alcune assenze come la modalità allenatore) riflettono quanto visto in FIFA 10 aggiornando in parte l'allenamento. Va infatti segnalata la nuova gestione dei calci di rigore, che usa entrambe le leve analogiche per effetti e parate, ma soprattutto richiede una certa pratica per misurare la forza del tiro e non spedire la palla in tribuna.

dribblare senza "combo" è possibile

Al di là di aggiunte, opzioni e cotillons, l'aspetto più importante rimane quello legato al gameplay ed è proprio qui che troviamo buone notizie. Sembra infatti che il team (pur diverso da quello impegnato sull'ultima fatica calcistica di EA Sports) abbia fatto tesoro di critiche e consigli emersi dopo l'uscita di FIFA 10 migliorando vari aspetti legati ai controlli, ai contrasti e alla fisica del pallone.
Pur avendo sempre la classica "leggerezza" della serie FIFA, i tiri appaiono più potenti e realistici, ma è sopratutto il sistema di dribbling a non richiedere improbabili virtuosismi con i pulsanti. I giocatori più abili, infatti, riescono ora a saltare l'avversario nell'uno contro uno e richiedono quindi un sistematico raddoppio, cosa che non accadeva quasi mai nel "predecessore". In generale, il controllo di palla (già migliorato nelle due passate edizioni) è ancora più immediato e veloce, come si nota negli spazi ristretti, dove finalmente è possibile mantenere il controllo senza dover "dar via" la sfera per paura di perderla. Giocando con i controlli manuali, il modo migliore per apprezzare i nuovi FIFA, il realismo è notevole grazie alla difficoltà nel segnare e alla prontezza delle difese, evidente nei contropiedi o quando i compagni guidati dal computer devono compiere recuperi veloci.
Sul lato estetico, emergono vari miglioramenti come la maggiore atmosfera che circonda le partite o le varie animazioni di contorno che usano modelli 3D veramente molto vicini agli atleti reali. Il sonoro resta invece sugli stessi livelli di FIFA 10 (la telecronaca è sempre firmata Caressa/Bergomi con qualche commento inedito) con più cori ed esultanze, condite da tamburi, sirene e altri rumori di fondo immancabili per simili eventi.
Naturalmente, torneremo su questi aspetti e sull'analisi completa di Mondiali FIFA Sudafrica 2010 quando avremo sottomano l'uscita definitiva, quindi tenete d'occhio la prossima apparizione "mondiale" di FIFA sulle pagine di Videogame.it!


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!