Genere
Sportivo
Lingua
Italiano
PEGI
3+
Prezzo
€ 39,98
Data di uscita
30/4/2010

Mondiali FIFA Sudafrica 2010

Mondiali FIFA Sudafrica 2010 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
EA Sports
Genere
Sportivo
PEGI
3+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
30/4/2010
Lingua
Italiano
Giocatori
4
Prezzo
€ 39,98
Formato Video
PAL
Formato Audio
Dolby Surround

Lati Positivi

  • Semplice, immediato, divertente
  • Stile grafico accattivante
  • Licenza dei Mondiali ben sfruttata

Lati Negativi

  • Poco profondo
  • Alla lunga monotono

Hardware

La versione dedicata a Nintendo Wii di Mondiali FIFA Sudafrica 2010 può essere giocata con la combinazione Wiimote + Nunchuck, con il solo Wiimote o con il Classic Controller. La prima soluzione è forse la più adatta per divertirsi e far casino, mentre l'ultima è quella che può dare più soddisfazioni ai giocatori tradizionali.

Multiplayer

Tutte le modalità possono essere affrontate in compagnia e fino a quattro giocatori possono partecipare allo stesso match. Disponibile anche una modalità online, che prevede scontri due contro due, ma che non abbiamo avuto modo di provare.

Link

Recensione

In Sud Africa col Wii!

I Mondiali 2010 si giocano in piedi.

di Andrea Maderna, pubblicato il

Realizzare un videogioco sportivo su Wii è sempre una bella sfida, che in genere si declina secondo una fra tre possibili vie. Puoi ignorare del tutto il motion control e realizzare un videogioco di stampo classico. Puoi sfruttare il Wiimote per simulare in qualche modo i movimenti degli atleti e virare quindi pesantemente nella direzione del party game in stile Wii Sports. Puoi scegliere la via intrapresa da Konami con PES, realizzando un gioco innovativo, tattico e complesso, dalle grandi potenzialità ma anche estremamente difficile padroneggiare. Oppure puoi cercare di muoverti fra le linee e pescare idee da tutte le parti. Quel che è certo è che non esiste una formula perfetta e il successo, come sempre, non è assicurato. A parte forse in paesi come il nostro o come l'Inghilterra, in cui qualsiasi gioco che riguardi anche solo lontanamente il calcio va via come il pane.

un mondiale rilassato

In realtà c'è anche un'altra questione di cui tenere conto: a che pubblico ci si rivolge? Certo, Wii ha dimostrato a più riprese di non essere la console di riferimento per il cosiddetto "hardcore gamer", ma nel caso di titoli dal grosso richiamo come possono essere i giochi Nintendo, i Call of Duty o i Resident Evil si sono visti anche numeri interessanti. Electronic Arts, però, forse perché bruciata da esperimenti come Dead Space: Extraction, non sembra avere dubbi e mira dritto al cuore di chi cerca un'esperienza semplice, immediata, priva di complicazioni.
Mondiali FIFA Sudafrica 2010, insomma, non ci pensa neanche per sbaglio ad accontentare i fanatici del realismo e della simulazione, puntando piuttosto al divertimento senza fronzoli. Il sistema di controllo è ridotto all'osso, poco versatile, ma proprio per questo perfetto allo scopo. Chi è abituato a decenni di ricerca del verosimile da parte di FIFA e PES storcerà il naso di fronte - per esempio - all'unione di passaggio normale e lancio in profondità sullo stesso tasto e imprecherà selvaggiamente nel fallire la costruzione di manovre basate su fitte reti di passaggi. Ma, inutile girarci attorno, non è questo il punto.

spostare l'inerzia

Il punto sta tutto nella presenza di un indicatore che segnala quanto l'inerzia della partita si stia spostando dall'una o dall'altra parte. Più una squadra tiene palla, esegue passaggi e avanza verso l'area di rigore, più l'indicatore sale. Più l'indicatore sale, maggiori saranno la potenza e l'efficacia dei tiri in porta, da effettuare come al solito tramite un veloce colpo di frusta col Wiimote. Se la barra è piena oltre metà, il tiro viene visualizzato tramite un'animazione al rallentatore, che dona potenza e spettacolarità all'azione. La cosa funziona molto bene e regala emozioni certe in multiplayer, anche se ha un po' il classico limite di tutti i titoli sportivi di stampo arcade: quando la giocata spettacolare ed esaltante si ripete ad ogni singola azione, beh, diventa in fretta routine.
E proprio qui sta la chiave per comprendere al meglio il "senso" di Mondiali FIFA Sudafrica 2010 in edizione Wii. La gestione dell'inerzia si unisce a un sistema di controllo come detto molto semplice e privo di profondità tattica. Le azioni essenziali ci sono tutte e con un minimo di dimestichezza è possibile sfruttare i lanci lunghi per imbastire manovre avvolgenti, ma sulla distanza mancano quella varietà e quella versatilità che rendono grande il fratello maggiore per console HD. Senza contare che nell'anno 2010 un sistema di controllo ancora basato sulle otto direzioni, e che non sfrutta quindi le potenzialità della levetta analogica, appare un po' anacronistico. Chiaramente il problema si sente meno affrontando il gioco in multiplayer, situazione per cui - in linea col trend dominante sulla console Nintendo - è stato pensato.

una cofana di modalità

Non solo è possibile affrontare l'intera Coppa del Mondo coinvolgendo tonnellate di partecipanti umani (e modificando come meglio si crede la composizione delle squadre, fra una selezione di quasi duecento), ma c'è anche la modalità Global Elimination, pensata nello specifico per organizzare tornei di gruppo. Al di là delle opzioni, poi, tutto il gioco è pensato per dare vita a un'atmosfera festosa e colorata, che si respira in ogni singola schermata, nei menu, nel modo in cui il puntatore del Wiimote semina coriandoli in giro per lo schermo. Tenendo anche conto delle limitate capacità hardware della console, è apprezzabile il tentativo di dare personalità all'aspetto grafico virando verso uno stile cartoonesco che poco ricorda le altre simulazioni calcistiche ma ben si adatta alle ambizioni da party game.
Da segnalare, comunque, il minimo di attenzione riservata anche al giocatore solitario, rinchiuso nella sua ombrosa stanzetta e poco avvezzo al contatto umano. La modalità Zakumi's Dream Team offre una squadra di scarponi da rimettere in sesto e portare alla conquista dell'universo, sconfiggendo gli avversari e rubando loro i calciatori più forti. Non bastasse questo, c'è il supporto all'online, che per i meno asociali prevede anche la possibilità del due contro due.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Mondiali FIFA Sudafrica 2010 rappresenta, su Wii, un'esperienza del tutto diversa da quella presente sulle console HD, ma paradossalmente altrettanto vicina a quella festa di luci, colori, suoni e spettacolo che sono i Mondiali di calcio. Chi cerca una simulazione deve starne il più lontano possibile, ma chi vuole un'esperienza semplice, immediata, adatta ai neofiti e per questo inevitabilmente piuttosto limitata, sarà soddisfatto.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!