Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
55 Euro
Data di uscita
17/3/2006

24: The Game

24: The Game Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment Europe
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
17/3/2006
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
55 Euro

Link

Anteprima

24: The Game

24 ore sembrano tantissime, ma quando c'è da salvare il mondo da una minaccia terroristica sono sempre poche. Basta vedere quello che capita a Kiefer Sutherland aka Jack Bauer, agente di un'agenzia governativa americana specializzato nella risoluzione di crisi giornaliere. In 24 ore della sua vita e altrettante di spettacolo televisivo ne succedono di tutti i colori!

di Simone Gerevini, pubblicato il

Jack Bauer approda su PlayStation 2 e nonostante la console Sony sia un media molto diverso da un telefilm, sembra in grado di mantenere tutte le caratteristiche che ne hanno fatto negli ultimi anni uno dei personaggi più interessanti della televisione. Il videogioco di 24 è collocato cronologicamente circa sei mesi dopo la fine della seconda serie televisiva e circa un anno prima dell'inizio della terza. La storia non è ancora stata svelata completamente, ma sicuramente vedrà l'agente del CTU impegnato nello sventare l'ennesima minaccia terroristica e come nella serie televisiva lo scorrere delle ore avrà molta importanza. Fate conto che le missioni in stile action dovranno essere portate a termine entro un determinato periodo di tempo, per conservare la sensazione di urgenza che caratterizza quasi ogni minuto della serie televisiva.

QUATTRO GIOCHI IN UNO

Abbiamo parlato di missioni in stile action perché 24: The Game sarà fondamentalmente suddiviso in quattro tipi di gameplay: delle classiche missioni in terza persona, sessioni di guida, interrogatori e utilizzo di tecnologie avanzate come satelliti e sistemi di decodifica. Le missioni hanno una prevalenza stealth. Bauer pur essendo molto bravo con la pistola non è certamente un centravanti di sfondamento; tra le tattiche a disposizione, provando il gioco abbiamo trovato molto utile quella di appoggiarsi a una parete vicina a una porta e di sporgersi per mirare a eventuali bersagli. Nulla di nuovo intendiamoci, ma le sensazioni offerte in 24: The Game sono positive. Come in tutti i giochi stealth che si rispettino, Bauer dovrà occuparsi anche di nascondere i cadaveri ed evitare di essere scoperto. Cosa parecchio difficile, considerando che ha un cellulare che non si fa problemi a squillare nel bel mezzo di una missione. Inoltre la difficoltà dei livelli sarà anche data dal fatto che Jack non è mai dotato di un arsenale imponente, avendo poco tempo per prepararsi. Gran parte delle armi dovrà recuperarle sul campo, nella fattispecie dai cadaveri dei nemici.

SPEZZARE LA VOLONTA'

Gli interrogatori si presentano in maniera completamente differente. Il giocatore premendo tre tasti - uno per spaventare, uno per mantenere sotto pressione l'interrogato ed uno per calmarlo - deve riuscire in un certo periodo di tempo a mantenerlo a un predeterminato livello di pressione - chiaramente indicato sullo schermo - così da spezzarne la volontà farsi e fornire preziose informazioni. Ancora differente l'utilizzo di tecnologie avanzate: abbiamo provato la scansione via satellite dei palazzi che danno sul percorso di un politico minacciato da agguati. In pochi minuti bisogna esaminare attraverso lo scanner del satellite, mirando il palazzo e premendo un tasto, tutti i piani degli edifici che danno sul percorso e analizzare eventuali persone che hanno una chiara visione della strada da pattugliare. Nel caso vengano confermati come possibili terroristi verranno automaticamente messi fuori combattimento dagli agenti del CTU.

BUONE PREMESSE

L'ultima sessione di gioco visionata, vede Jack a bordo di un veicolo cercare di fuggire da alcuni automezzi nemici. A parte il gioco in sé, in questa situazione è stato molto interessante vedere l'utilizzo dinamico dello schermo. In più di un'occasione l'immagine principale si rimpicciolisce e lascia spazio ai tipici split-screen della serie televisiva, inquadrando l'inseguimento da un altro punto di vista. Sinceramente crediamo che 24: The Game sia in grado di rappresentare lo spirito della serie televisiva. Pur non avendo mostrato, per ora, nulla di rivoluzionario, il gioco di Cambridge Studio sembra mettere insieme meccaniche consolidate a un nome intrigante per qualunque appassionato di televisione di qualità. L'appuntamento con 24: The Game è fissato per l'autunno 2005: restate con noi per ulteriori futuri dettagli su questa interessante produzione targata Sony.