Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
55 Euro
Data di uscita
17/3/2006

24: The Game

24: The Game Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment Europe
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
17/3/2006
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
55 Euro

Hardware

Per giocare a 24: The Game serve possedere una PlayStation 2 europea, una confezione originale del gioco, una Memory Card per i salvataggi e un joypad.

Multiplayer

Non è prevista alcuna modalità multigiocatore.

Link

Recensione

24 ore di... minigiochi

Con 24: The Game alla scoperta del lavoro "sporco".

di Simone Soletta, pubblicato il

Come sanno gli appassionati di 24, attorno ai movimenti di Jack Bauer e degli altri agenti federali opera una serie di professionisti esperti in tutto quanto riguarda le reti e l'informatica. Persone capaci di gestire in momenti di assoluta emergenza compiti complicati come disinnescare una bomba, introdursi in una rete informatica, recuperare i dati da un disco compromesso. Per non parlare della necessità di estorcere qualche informazione ai "cattivi" catturati...

L'ANIMA DA PUZZLE GAME DI 24

Grazie a questi diversivi, il gioco si mostra sempre piuttosto vario e capace di proporre un'esperienza di gioco molto diversificata. I minigiochi sono sostanzialmente dei puzzle game piuttosto semplici da risolvere, che vengono proposti in situazioni piuttosto particolari. Per esempio, quando si rende necessario recuperare i dati da un disco rovinato o da un PDA, ci troveremo a dover "confermare" i cluster recuperati premendo rapidamente sul tasto associato al colore. Oppure, ci troveremo ad aprire porte studiando semplici circuiti: nostro compito sarà trovare in un breve lasso di tempo il percorso che ci permetterà di toccare tutti i blocchi gialli e di sbloccare quindi la serratura.
Un altro minigioco ricorda i tentativi di trovare la sequenza di lancio dei missili del super mainframe Joshua in WarGames - Giochi di Guerra, con noi nei panni di Joshua intenti a trovare la giusta sequenza tra le lettere proposteci; in altri casi dovremo semplicemente inserire password che però ci saranno sempre comunicate in precedenza. Infine, capiterà di dover "camuffare" la nostra connessione e di dover accedere alle reti informatiche planetarie per deviarla attraverso il maggior numero di nodi per guadagnare così tempo prezioso.
Insomma, tutti questi brevi e semplici rompicapo intervengono a spezzare un'azione che già di per sé non poteva dirsi monotona. Una componente decisamente riuscita di questo tie-in, che purtroppo non può però avere un peso troppo decisivo nella valutazione globale, visto che sostanzialmente i minigiochi sono per lo più un diversivo.

PARLA, TI CONVIENE!

Merita un discorso a parte il sistema studiato per gestire gli interrogatori: il nostro alter-ego avrà a sua disposizione tre atteggiamenti tra cui scegliere, uno rassicurante, uno neutro e uno aggressivo. Sul lato destro dello schermo il gioco propone un indicatore del livello di stress subito dall'interrogato, ed è nostro compito mantenere la "conversazione" all'interno dell'intervallo evidenziato.
Per ottenere tutte le informazioni dovremo per forza di cose completare la sequenza, convincendo il nostro malcapitato amico a darci dieci risposte, un'operazione tutt'altro che semplice visto che nelle fasi più avanzate il livello consigliato comincia a spostarsi repentinamente, oppure considerando i casi in cui il livello di stress di un soggetto è talmente elevato da rischiare che perda del tutto conoscenza.
Insomma, bisogna andarci un po' con i piedi di piombo quando si interroga un sospetto, usando con saggezza bastone e carota. Per fortuna, le frasi pronunciate dai protagonisti dell'interrogatorio sono sufficientemente varie da non rendere monotona e noiosa tutta la sequenza.