Genere
Guida
Lingua
Manuale in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
69 Euro
Data di uscita
20/5/2002

4x4 Evolution 2

4x4 Evolution 2 Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Take 2 Interactive
Sviluppatore
Terminal Reality
Genere
Guida
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
20/5/2002
Lingua
Manuale in Italiano
Giocatori
2
Prezzo
69 Euro

Lati Positivi

  • Ottima varietà
  • Buona realizzazione tecnica
  • Immediato e divertente

Lati Negativi

  • Fluidità incostante
  • Caricamenti esagerati

Hardware

E' necessario un Xbox in versione PAL/europea, un joypad e una copia del gioco. Non è supportata la modalità 60 Hz ed è quindi consigliabile deselezionarla dalla Dashboard prima di caricare 4x4 Evolution 2.

Multiplayer

E' disponibile una modalità per due giocatori contemporaneamente.

Link

Recensione

4x4 Evolution 2

Si allungano le fila dei giochi di guida per Xbox, con l'arrivo del primo esponente (PAL) nella categoria "jeep e affini". Restando ben lontano, per caratteristiche, dal genere rally, 4x4 Evolution 2 cerca di risolvere i dubbi lasciati aperti dal primo episodio e, allo stesso tempo, presentarsi degnamente ai nuovi utenti della console Microsoft. Ci riuscirà?

di Alessandro Martini, pubblicato il

Quando, attraverso un apposito indicatore, avremo impressionato abbastanza i "boss" di una squadra, potremo sfidare un gruppo di altri piloti per entrare a far parte del team, ottenendo così ulteriori vantaggi come maggiori premi in denaro o la possibilità di guadagnare nuovi pezzi per la nostra vettura. La nostra reputazione è comunque variabile nel tempo ed eventuali fallimenti possono portare a problemi con gli altri piloti che fanno parte del nostro stesso team. Un minimo di strategia nella gestione di questa fase è richiesto: ad esempio, guidare un modello di marca diversa da quelli dei nostri compagni porterà immediatamente ad una discesa nel rispetto ottenuto all'interno della squadra. Il punto cardine dell'enorme modalità Carriera resta, in ogni caso, la vittoria nelle competizioni e in pratica l'arrivare primi in gare su circuiti chiusi superando un totale di cinque avversari per pista.
Appartenendo al genere dei giochi di guida "liberi", 4x4 Evolution 2 offre alcune possibilità aggiuntive alla semplice corsa quali la presenza di scorciatoie, ostacoli più o meno naturali o veri e propri bonus da raccogliere in angoli remoti della pista (come forzieri che se raccolti ci daranno un premio in denaro). Durante ogni gara, suddivisa in un certo numero di giri, dobbiamo percorrere nell'ordine richiesto una serie di checkpoint potendo scegliere a nostro piacimento il metodo migliore, e più breve, per completare ogni tappa. Una freccia posta in cima allo schermo indica costantemente la posizione del prossimo checkpoint e, accompagnata da una piccola mappa rotante, riduce quasi al minimo la possibilità di perdersi. Seguire gli avversari guidati dalla CPU è, nelle prime partite, un buon metodo per scoprire l'ubicazione delle scorciatoie, visto che gli stessi avversari computerizzati non hanno alcuna intenzione di giocare secondo le regole o di seguire minuziosamente il tracciato principale.

SIMULAZIONE E' UNA BRUTTA PAROLA

Il sistema di guida di 4X4 Evolution, nonostante la massiccia presenza di modifiche e perfezionamenti per ogni veicolo, è di stampo prettamente arcade. Non esiste alcuna modellazione dei danni all'interno del gioco e, oltretutto, diversi particolari tradiscono una direzione dello sviluppo più verso l'immediatezza che verso le simulazioni. Ad esempio, tramite la pressione di un tasto possiamo resettare la posizione del nostro veicolo se bloccati da un ostacolo invalicabile: il computer ci riporterà in pista penalizzandoci però con alcuni metri di strada da ripercorrere nuovamente. Per quanto riguarda il realismo, abbiamo complessivamente una buona resa dei vari fenomeni coinvolti nella guida in fuoristrada come gli sbalzi continui, le variazioni di pendenza e le diverse superfici che si possono incontrare guidando un veicolo di questo genere. In ogni momento della gara, e ulteriormente amplificate dalle vibrazioni del joypad, potremo "sentire" i colpi che la nostra jeep incassa dallo scenario dopo ogni salto, cappottamento o improvviso contatto con il fondale.
L'intera esperienza appare così piuttosto diversa da quella di un gioco di guida classico, visto che si è costantemente in una posizione di guida "incerta" dove la strada in realtà non esiste e dove la nostra abilità con i controlli (e con la scelta dei pezzi da montare sul mezzo) può fare la differenza tra prima e ultima posizione. Passando dal lato descrittivo alla realizzazione tecnica, va ricordata nuovamente la grande estensione di ogni scenario (definirli "piste" è riduttivo), veri e propri mondi 3D contraddistinti dal relativo paesaggio, da parti animate, dettagli caratteristici nonchè diverse strade percorribili attorno ai checkpoint indicati. Il motore grafico riesce a gestire la mole di oggetti presenti su schermo con buona disinvoltura tranne sporadiche occasioni in cui si notano scatti e incertezze dovute al caricamento improvviso di alcuni elementi come colline o costruzioni.
La distanza visiva rimane in ogni caso eccellente come il numero di particolari inseriti giusto per semplice ragione scenica, ad esempio i mille ciuffi d'erba che scorrono sotto le ruote producendo, addirittura, un effetto sonoro particolare. Se il punto più basso della realizzazione si tocca con i cali di fludiità, quello più alto lo raggiungiamo invece grazie agli effetti particellari, che offrono un'eccellente riproduzione di polvere, detriti (anch'essi valorizzati da appositi effetti sonori) e spruzzi d'acqua durante un guado. Deludono in minima parte l'interfaccia e i menu, davvero spogli e ridotti ai minimi termini come tutto l'aspetto relativo alla presentazione, che non vince particolari riconoscimenti per design o idee innovative. Prima del commento va annotato un punto negativo per i caricamenti, giustificati vista l'estensione delle mappe ma davvero estenuanti, tanto da sfiorare talvolta i quaranta secondi di attesa tra la scelta del tracciato e l'inizio di una corsa.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
4x4 Evolution 2 se la cava, in fin dei conti, meglio del predecessore ma senza riuscire ad eccellere in nessuna particolare categoria. Le possibilità offerte, soprattutto considerando la Carriera, restano tantissime ma alcuni difetti limitano il grado di divertimento ottenuto da questo titolo. Tra questi ricordiamo i caricamenti quasi inaccettabili e il modello fisico, pur discreto, che può apparire fin troppo arcade, anche perchè la differenza tra un fuoristrada e l'altro non è marcata come dovrebbe essere. Complessivamente, il giudizio resta comunque positivo grazie alla buona realizzazione tecnica, alle sufficienti differenze da un gioco di guida "canonico" e alla volontà, da parte del produttore, di limare realmente i difetti dell'originale. Se siete stanchi di piste, circuiti rally o gare cittadine date un'occhiata a questo titolo, può darsi che scopriate il pilota Off-Road nascosto in ognuno di voi.