Indice Men at Work

  1. Men at Work

    Being a Rockstar

    Being a Rockstar - Men at Work

    Sam & Dan Houser: i gangster del divertimento digitale.

    Quando si parla di videogiochi in generale, rivolti ad un pubblico poco informato e/o interessato, ci sono tre casi esemplari in grado di attivare subito l’immaginario collettivo: Pac-Man, perché ci hanno giocato tutti e rappresenta l’idea stessa di videogioco; Super Mario, perché è impossibile non essersi mai imbattuti in una qualche produzione che abbia a che vedere con l’idraulico italiano, visto che da 30 anni i suoi baffi fanno bella mostra sugli scaffali di videogiochi; e, ovviamente, Grand Theft Auto, perché tutti, più nel male che nel bene, ne hanno sentito parlare. Perché, per chi non ne sa e, oltretutto, ...

    Leggi ► di Francesco Alinovi

  2. Men at Work

    Il volto rassicurante dell’orrore

    Il volto rassicurante dell’orrore - Men at Work

    La vita e le opere di Shinji Mikami, prima e dopo Resident Evil.

    Ci sono designer geniali, inarrivabili, che riescono a creare opere che superano gli stereotipi del tempo e anticipano i trend del futuro. Spesso rimangono incompresi per lunghi periodi oppure, anche se riconosciuti dalla critica, non raccolgono lo stesso successo di pubblico. Può capitare, però, che qualcuno di questi innovatori riesca a scambiare un pizzico di genialità con pari astuzia e allora il successo può diventare debordante. È il caso, per esempio, di un autore come Shinji Mikami, che con le sue opere ha già lasciato un segno indelebile nella storia dell’intrattenimento elettronico, non solo svolgendo un ruolo fondamentale nella rinascita ...

    Leggi ► di Francesco Alinovi

  3. Men at Work

    Il re del divertimento digitale

    Il re del divertimento digitale - Men at Work

    Shigeru Miyamoto: l’uomo che ha trasformato i videogiochi in un mercato di massa.

    Dovendo indicare il personaggio dell’anno all’interno del settore videoludico, anche se banale, la scelta non potrebbe che ricadere sull’asset strategico di Nintendo, Shigeru Miyamoto, in questo 2011 finito sotto i riflettori in più di un’occasione. Ne ricordiamo almeno tre: la presentazione di Wii U, il venticinquennale ...

    Leggi ► di Francesco Alinovi

  4. Men at Work

    Naughty Dog, un cane sciolto contro il sistema

    Naughty Dog, un cane sciolto contro il sistema - Men at Work

    L’industria dei videogiochi secondo Jason Rubin & Andy Gavin.

    Cosa sarebbe stata PlayStation senza Crash Bandicoot? O PS2 senza Jak and Daxter? O PS3 senza Uncharted? I responsabili (più o meno direttamente) di questi classici che hanno definito l’unicità del catalogo PlayStation sono Jason Rubin e Andy Gavin, che gettarono ...

    Leggi ► di Francesco Alinovi

  5. Men at Work

    Ron Gilbert, the Adventure Man (1/2)

    Ron Gilbert, the Adventure Man (1/2) - Men at Work

    Il papà di Guybrush Threepwood dagli esordi al successo con LucasArts.

    Può essere considerato uno dei principali pionieri in ambito di avventure grafiche, autore di alcune delle più rappresentative produzioni di un genere tanto amato in passato quanto offuscato e privo di uscite tutto sommato rilevanti nella storia videoludica recente. Ron Gilbert è il creatore di Maniac Mansion e del celebre SCUMM Engine, nonché della serie di riferimento per gli amanti delle avventure punta e clicca: The Secret of Monkey Island. Un uomo simbolo per l'intera ...

    Leggi ► di Giovanni Marrelli

  6. Men at Work

    Fumito Ueda, l'artista visionario (2/2)

    Fumito Ueda, l'artista visionario (2/2) - Men at Work

    La carriera del designer da Project NICO al futuro The Last Guardian.

    Nella scorsa puntata di Men at Work abbiamo analizzato nel dettaglio la storia di Fumito Ueda, geniale designer giapponese membro del Team ICO, first-party per Sony, in un excursus che ha narrato la genesi dello sviluppatore fino all'esordio del suo primo successo, ICO, debuttato nel 2001 su PlayStation 2. Neanche il tempo di godersi l'eco generata dal suo primo capolavoro, che il team capitanato da Ueda cominciò subito a lavorare su quello che almeno inizialmente ...

    Leggi ► di Giovanni Marrelli

  7. Men at Work

    Fumito Ueda, l'artista visionario (1/2)

    Fumito Ueda, l'artista visionario (1/2) - Men at Work

    Il geniale autore di ICO dagli esordi fino alla genesi di Project Nico.

    Ha avuto il merito di inventare due dei titoli più affascinanti della scorsa generazione di console, capaci di avvicinare il medium videoludico alla concezione d'arte. Un designer minimalista, che predilige partire da un impatto visivo, una diapositiva immaginaria che rappresenti l'aspetto finale della sua produzione. Fumito Ueda, protagonista del nuovo appuntamento con la rubrica Men at Work, è l'autore di ICO e Shadow of the Colossus, capolavori indiscussi del catalogo PlayStation 2, nonché la mente ...

    Leggi ► di Giovanni Marrelli

  8. Men at Work

    Cliff Bleszinski, the Jazzrabbit (2/2)

    Cliff Bleszinski, the Jazzrabbit (2/2) - Men at Work

    Dal successo di Unreal Tournament a Gears of War 3.

    Nel precedente appuntamento con la rubrica Men at Work, avevamo svelato i primi passi mossi da Cliff Bleszinski nell'industria videoludica dagli esordi con Epic Megagames fino allo sviluppo di Unreal nel 1998, lo stesso anno in cui, a distanza di quasi un lustro dal debutto del primo capitolo, arrivò sul mercato internazionale il nuovo Jazz Jackrabbit 2. Sviluppato da Cliff in collaborazione con gli studi Orange Games, il secondo episodio della saga platform vedeva l'eroe ...

    Leggi ► di Giovanni Marrelli

  9. Men at Work

    Cliff Bleszinski, the Jazzrabbit (1/2)

    Cliff Bleszinski, the Jazzrabbit (1/2) - Men at Work

    L'autore di Gears of War dagli esordi fino allo sviluppo di Unreal.

    Il designer protagonista di questo nuovo appuntamento con Men at Work può essere considerato senza dubbio un giovane e promettente talento dell'industria videoludica, un uomo che siamo sicuri farà parlare molto di sé nel prossimo futuro. Un uomo segnato dalla morte del padre, alla tenera età di quindici anni, mentre nel salotto di casa si consumava una partita a Blaster Master su NES. Un uomo che già all'età di diciassette anni riuscì a conquistare Tim ...

    Leggi ► di Giovanni Marrelli

  10. Men at Work

    Ron Gilbert - The Adventure Man (2/2)

    Ron Gilbert - The Adventure Man (2/2) - Men at Work

    Dalla seconda avventura di Guybrush Threepwood a Deathspank.

    Subito dopo l'esordio di The Secret of Monkey Island, documentato nel numero precedente di Men at Work, Ron Gilbert fu coinvolto nei lavori di pre-produzione del suo sequel diretto, che fu il primo progetto prodotto dalla neonata LucasArts dopo la riorganizzazione interna di Lucasfilm Games. Complice l'ottima esperienza del capitolo precedente, Gilbert riconfermò buona parte del team impegnato nella prima avventura di Guybrush Threepwood, fra cui ovviamente Tim Schafer e Dave Grossman, che si unì ...

    Leggi ► di Giovanni Marrelli

  11. Men at Work

    Will Wright, l'evoluzione della specie

    Will Wright, l'evoluzione della specie - Men at Work

    Dai problemi finanziari di Maxis al futuro del game designer americano.

    Nello scorso numero di Men at Work, avevamo lasciato Will Wright in preda a uno dei periodi peggiori della sua carriera: l'entrata in borsa da parte di Maxis aveva scombussolato il modus operandi della software house, le pressioni della dirigenza costarono un declino inesorabile nella qualità di ogni progetto sviluppato da Will Wright, costretto a sottostare a una serie di discutibili decisioni. Era il 1997. Dopo l'esperimento di Simcopter dell'anno passato, che ebbe il merito ...

    Leggi ► di Giovanni Marrelli

  12. Men at Work

    Will Wright, passione e simulazione

    Will Wright, passione e simulazione - Men at Work

    Prima parte: dai primi passi nell'industria alla crisi di Maxis.

    È da considerare a tutti gli effetti uno dei più rivoluzionari designer dell'intera industria videoludica. A lui il merito di aver creato il gioco più venduto in assoluto su PC, The Sims, che ebbe anche la forza di attirare a sé un bacino d'utenza fino a quel momento impensabile, sconosciuto, quello che più in là sarebbe stato appellato come fenomeno del “casual gaming”. Alzi la mano il videogiocatore che non ha mai sperimentato la sua ...

    Leggi ► di Giovanni Marrelli