Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

ABIT KV7

Aggiungi alla collezione

Lati Positivi

  • ABIT KV7: economica e funzionale
  • MSI: Veloce e configurabile
  • MSI: CoreCell

Lati Negativi

  • ABIT KV7: non velocissima
  • MSI: costo superiore
  • Entrambe: KT600 non permette molto overclock

Hardware

Le due schede madri sono state provate con un Athlon XP 2600+ (core Thoroughbred B), due moduli di memoria DDR Corsair XMS PC3700 da 256 MB l'uno, scheda grafica MSI GeForce FX 5900 Ultra e hard disk IBM GXP da 60 GB. Si è utilizzato il sistema operativo Windows XP Professional, con i driver nVidia ForceWare 53.03 per la scheda video e gli ultimi Hyperion di VIA disponibili per il chipset.
Recensione

Schede madri KT600: ABIT KV7 vs. MSI KT6 Delta

VIA ha accompagnato con i suoi chipset tutta la vita dell'Athlon di AMD, dalle sue prime versioni su Slot A, fino ad arrivare agli attuali Athlon XP con core Barton e front side bus a 400 MHz, aggiungendo ogni volta nuove funzioni ed estendendo il supporto ai nuovi standard che si sono presentati. KT600 è l'ultima incarnazione della serie: vediamo in dettaglio due schede madri basate su di esso.

di Antonino Tumeo, pubblicato il

Da segnalare ancora la presenza di Tweak Guard, il sistema che, in caso di overclock fallito, si preoccupa di resettare autonomamente la CMOS su parametri sicuri, e Fan EQ, il controllo della velocità di rotazione della ventola in base alla temperatura per salvaguardare "le orecchie" dell'utente quando la CPU non è sotto stress. Forniti nel pacchetto sono due cavi Serial ATA, il cavetto per il floppy, un cavo EIDE a 80 poli, la staffetta con due porte USB aggiuntive e (utilissimo) il convertitore da Molex ad alimentazione seriale per dischi Serial ATA che non dovessero presentare il vecchio connettore.

MSI KT6 DELTA: CORECELL, IL CHIP CHE CONTROLLA IL CHIPSET

La KT6 Delta si propone senza mezzi termini come una delle soluzioni più avanzate attualmente disponibili per la piattaforma Athlon XP. L'idea è quella di unire caratteristiche volte a ottimizzare le prestazioni insieme alle funzionalità più avanzate che sia possibile avere oggi. Il NorthBridge di KT600 mette infatti a disposizione il supporto per CPU Athlon XP con Front Side Bus a 400 MHz, lo slot AGP in standard 3.0 (AGP 8X) e i tre slot DIMM che possono supportare moduli fino a 1 GB ciascuno (ma attenzione, anche qua il funzionamento corretto con più di due moduli di DDR400 non è garantito al 100%). Il SoutBridge, invece, che è sempre il VIA VT8237, mette a disposizione cinque slot PCI, due porte Serial ATA con supporto per RAID, due porte EIDE UltraDMA 133 e otto porte USB 2.0. L'audio è invece gestito dal chip audio C-Media 9739A che fornisce 5.1 canali analogici e l'uscita SPDIF digitale. Chiaramente non manca il chip SuperIO di Winbond che gestisce la floppy, la parallela, le seriali e le porte PS2 per mouse e tastiera.
Presenti sono però anche altre interessanti funzioni oltre a queste basilari: abbiamo prima di tutto altre due porte Serial ATA e una porta EIDE UltraDMA 133 ulteriore gestita dal controller RAID Promise PDC20378. Viene poi in seconda battuta la porta GigaBit LAN gestita da chip Broadcom. Abbiamo ancora il chip VIA VT6306 che si preoccupa di mettere a disposizione ben tre porte FireWire (IEEE1394). Questo è ciò che riguarda le funzionalità messe a disposizione. Ma manca ancora la caratteristica forse più interessante, che incide in particolare anche sulle prestazioni: la presenza del chip "CoreCell", deputato a monitorare lo stato della scheda madre ed, eventualmente, a ottimizzare al meglio i vari parametri autonomamente. Quattro sono infatti le funzioni messe a disposizione con CoreCell, denominate rispettivamente BuzzFree, PowerPro, LifePro e SpeedSter. BuzzFree, in base alle percentuali di utilizzo del sistema e alla temperatura di NorthBridge e CPU aumenta o riduce la velocità di rotazione delle ventole per tenere sotto controllo anche il rumore generato. LifePro, sempre appoggiandosi sugli stessi dati, permette di mantenere costante la temperatura di scheda madre e CPU per aumentarne il tempo di vita. PowerPro permette di ridurre il consumo di energia, di garantire la migliore stabilità e fornire qualche possibilità di overclock in più.
Infine SpeedSter si preoccupa di regolare autonomamente i parametri di frequenza per spingere il processore ai suoi limiti, sempre tenendo monitorati carichi e temperatura. SpeedSter, su alcune delle schede madri che presentano CoreCell, mette anche a disposizione anche il cosiddetto Dynamic Overclocking, cioè la possibilità per la scheda madre, autonomamente, di overclockare la CPU e la memoria. A quanto sembra, però, sulla KT6 Delta non ci sono opzioni per abilitare questa funzione, dunque non dovrebbe venire attivata. A CoreCell si abbina il software per monitorare il chip stesso, denominato CoreCenter, che permette di regolare da Windows tutti i parametri relativi a frequenze e voltaggi di CPU, memoria e bus.
Dal punto di vista software non è neanche da sottovalutare la presenza di Live Update 3, programma che monitora e permette di scaricare gli ultimi aggiornamenti di driver e BIOS per la scheda madre stessa.
Il layout della scheda madre ben rappresenta l'alta qualità e le sue aspirazioni a prodotto di eccellenza, con la sezione di alimentazione e la presa ATX12V tutta concentra sopra il NorthBridge con tanto spazio sopra e sotto al socket per la CPU. L'unica nota negativa è forse l'eccessiva vicinanza di qualche condensatore a un'estremità del socket: lo spazio per agganciare il dissipatore c'è, ma una ventola un po' "cicciona" qualche problemino potrebbe crearlo.
Molto comoda la presa di alimentazione generale posta in basso a destra, senza possibilità di creare intralci di alcun genere. Il BIOS, realizzato da AMI, rispecchia le caratteristiche "avanzate" della scheda madre, e permette di regolare nella maniera più fine tutte le impostazioni di voltaggi e frequenze di CPU e Memorie. Particolare il fatto che non vengano fornite frequenze di bus "preconfezionate" a seconda della CPU installata, ma sia sempre e comunque possibile scegliere quella desiderata. Il "pacchetto" oltre al software succitato e ai driver, include due cavi Serial ATA, un cavo EIDE a 80 poli "arrotolato", così come quello per il floppy, e la staffetta con le uscite FireWire.

I TEST

I numeri sembrano parlare di un leggero favore per la soluzione proposta da MSI. Notiamo, infatti, a parità completa di configurazione (CPU Athlon 2600+ con core Thoroughbred B, 512 MB di memoria Corsair XMS3700, hard disk IBM GXP da 60 GB e scheda video MSI GeForce FX 5900 Ultra) dei framerate leggermente migliori con la KT6 Delta, frutto probabilmente di un migliore sfruttamento della CPU. Sembra, infatti, che a bassa risoluzione, dove sono la CPU e lo sfruttamento della banda di memoria a sua disposizione a fare la differenza, la scheda realizzata da MSI riesca a dimostrarsi più efficace della soluzione di ABIT. Naturalmente attivando i filtri e spingendosi alle risoluzioni più alte, comincia a diventare limitante la scheda grafica e i risultati si livellano.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Buon interesse riescono ancora a suscitare i chipset per Athlon XP, benchè sul mercato sia già arrivata la nuova CPU AMD, cioè l'Athlon 64. Infatti, il rapporto prezzo prestazioni della precedente CPU di punta AMD è ora ineguagliabile e il mercato sembra ancora necessitare di soluzioni a vari livelli per questa piattaforma. E proprio due livelli leggermente diversi coprono le due schede madri con chipset KT600 provate: la MSI KT6 Delta, con le funzioni CoreCell e una velocità complessiva maggiore rispetto alla media, ma giustificate anche da un prezzo un più alto, sembra molto interessante per chi vuole accompagnare il suo Athlon XP ad un prodotto di alto profilo, ricco di opzioni e di funzionalità anche abbastanza avanzate. La ABIT KV7, invece, si pone indubbiamente come una delle migliori soluzioni "economiche" ora sul mercato, per chi non ha grosse pretese di oveclockabilità (comunque sempre possibile come tradizione della casa) e di prestazioni, ma vuole comunque un prodotto completo e facile da utilizzare.