Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Acquistare Online

Aggiungi alla collezione
Speciale

Import, guida all'acquisto

Informazioni, consigli per acquistare on-line, per pagare e molto di più nello speciale di Nextgame.it dedicato all'acquisto di videogiochi e hardware d'importazione: perché ormai possiamo avere tutto, basta fare un clic col mouse, sfoderare la carta di credito e attendere l'arrivo di un pacco. Avete paura? Muovete con noi i primi passi!

di Elena Avesani, pubblicato il

E QUANDO BISOGNA PAGARE…

Quando bisogna pagare, tirate fuori la carta di credito. Non avete la carta di credito? Male, molto male! La bella tessera magnetica con sopra i 12 magici numeri che consentono l'accesso al vostro conto corrente deve essere la vostra fida compagna per gli acquisti all'estero, soprattutto quando avete a che fare con siti Internet americani di grosse dimensioni che fanno capo a grandi aziende. Non è detto che questi ultimi non accettino altri sistemi di pagamento, ma la carta di credito è quello più comodo veloce e sicuro. Le carte di credito più supportate sono Visa e MasterCard, e i siti più seri prelevano i soldi solo a spedizione avvenuta e solo per il materiale realmente inviato. Toglietevi dalla testa il contrassegno, semplicemente non esiste per l'invio di pacchi da/per stati extraeuropei e funziona solo con alcuni degli stati europei (e tra questi non è contemplato il Regno Unito).
Volgete invece la vostra attenzione sul famigerato Money Order, ossia il Vaglia Internazionale: effettuabile in un qualsiasi ufficio postale, il servizio costa poche migliaia di lire. Basta compilare il modulo e pagare il corrispettivo dell'importo in lire: purtroppo il servizio ha lo svantaggio di essere molto molto, e lo ripetiamo ancora, molto lento. Un vaglia internazionale italiano arriva negli Stati Uniti non prima di 28/30 giorni, e questo è un inconveniente che va tenuto in considerazione, soprattutto quando si acquista tramite un'asta on-line. Spesso infatti i venditori privati mettono come requisito la ricezione del denaro entro un tot di giorni dal termine dell'asta, pena il ritiro dell'offerta e il conseguente "bad feedback". In questi casi dovete sfoderare tutte le vostre doti diplomatiche e quel poco di inglese che conoscete, per spiegare con gentilezza che i nostri Money Order italiani sono delle lumache, ma che nulla è perduto (eventualmente fate qualche battuta sulla disorganizzazione italiana, insomma, fate capire che voi ci tenete tanto a non passare come dei disonesti che hanno puntato a un'asta e non vogliono pagare). Se potete, inviate al vostro venditore un fax o una scansione della ricevuta di pagamento col timbro dell'ufficio postale ben visibile. Molto probabilmente chi sta dall'altra parte non vi invierà subito il pacco, se non dopo aver messo mano sui soldi, ma questi sono comunque accorgimenti per mantenere i buoni rapporti e non macchiare il vostro feedback come acquirenti.
Qualche negozio di piccole dimensioni può anche accettare il Bank Transfer, che non è altro che un bonifico sul conto corrente: ovviamente per questa operazione dovrete chiedere al venditore il suo numero di conto. Nel caso di pagamento su banche estere, le spese dell'operazione sono abbastanza onerose (variano a seconda dell'istituto di credito, ma si aggirano sulle 20.000 lire), e il versamento di solito viene notificato entro i 15 giorni (per maggiori informazioni chiedete alla vostra banca).
Altro sistema di pagamento verso privati soprattutto per le aste on-line è il cash, ossia il venditore potrebbe essere disponibile a ricevere denaro sonante in contanti infilato in una busta. Molte persone si affidano alla Posta Ordinaria o a quella Prioritaria senza sapere che per l'invio di denaro in busta è obbligatoria la Raccomandata Assicurata. All'interno della busta dovete sempre comunicare non solo i vostri dati personali per l'invio del pacco, ma anche il numero dell'asta e l'indicazione dell'oggetto vinto, al fine di facilitare il lavoro del venditore (talvolta infatti si ha a che fare con soggetti organizzatissimi che vendono alle aste on-line centinaia di oggetti al mese che ricevono altrettanti pagamenti da tutto il mondo). Inoltre abbiate sempre l'accortezza di avvolgere il denaro in un foglio bianco in modo che anche guardando la busta in trasparenza non sia visibile.
Infine un sistema che va per la maggiore sulle aste on line, e serve per facilitare l'acquisto con carta di credito anche presso i privati (di solito accettare le carte di credito è prerogativa dei negozi). Stiamo parlando di PayPal, BidPay, BillPoint.
BillPoint è un servizio gratuito per l'acquirente e può essere utilizzato per pagare solo beni vinti su un'asta on-line, ovviamente solo nel caso in cui il venditore sia iscritto al servizio (che per lui è a pagamento). Anche PayPal è gratuito per l'acquirente, e in più non è vincolato alla causa dell'acquisto tramite asta. Anche in questo caso, però, deve essere supportato dal venditore.
Solo BidPay (servizio recentemente acquistato da Western Union) richiede spese da parte del compratore, e come PayPal può essere impiegato per qualsiasi causale di trasferimento di denaro.

HA QUALCOSA DA DICHIARARE?

Se acquistate beni provenienti da paesi extracomunitari, è molto probabile che vengano intercettati dalla dogana: questo accade sia con le spedizioni postali che via corriere. In questo caso, parliamo per esperienza, più che per conoscenza diretta delle reali meccaniche, possono accadere due cose: o l'ufficio doganale vi contatta direttamente, chiedendovi di comunicare il valore e il contenuto del pacco, che vi sarà consegnato a casa con il conto delle tasse da pagare contestualmente (accade quando la spedizione è stata fatta via posta); altrimenti è il corriere stesso che diventa esattore d'imposta (quindi dopo anche un mese dalla consegna del pacco il corriere vi contatterà per il pagamento delle tasse).
Quando acquistate da paesi al di fuori della Comunità Europea dovete quindi aggiungere sul prezzo d'acquisto il 20% dell'IVA e l'aliquota del 4% per il dazio doganale. Sottolineiamo che questi valori sono relativi ai beni di cui abbiamo trattato fino adesso, quindi videogiochi e componenti hardware: altri beni possono avere aliquote differenti.