Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
1.200 MP
Data di uscita
22/2/2012

Alan Wake's American Nightmare

Alan Wake's American Nightmare Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microsoft Game Studios
Sviluppatore
Remedy Entertainment
Genere
Azione
Data di uscita
22/2/2012
Prezzo
1.200 MP

Lati Positivi

  • <li>Narrativamente interessante
  • Modalità orda divertente</li>

Lati Negativi

  • Campagna a “blocco ripetuto” monotona
  • Nessuna novità di gameplay

Modus Operandi

Abbiamo scaricato il gioco grazie a un codice inviato da Microsoft.

Link

Recensione

Per il solo gusto di farlo

L'altra modalità di gioco: divertente, ma...

di Marco Locatelli, pubblicato il

Oltre al fatto che in circa tre/quattro ore si raggiungeranno i titoli di coda, è giusto sottolineare che (per ragioni narrative, che non vogliamo svelarvi) il percorso di gioco viene proposto identico per tre volte, senza offrire cambiamenti degni di nota, ma reiterando in blocco le stesse azioni negli stessi luoghi. Tenendo conto della brevità dell'esperienza, sarebbe stato decisamente opportuno, a nostro modo di vedere, modificare o variare in maniera più incisiva e originale le diverse situazioni. Visto che, durante la campagna principale, si potrà assistere a pochi frangenti di vera azione, Alan Wake's American Nightmare aggiunge al suo pacchetto di gioco una seconda modalità denominata, appunto, Azione Arcade, nella quale si deve resistere all'assalto di orde di posseduti per dieci minuti consecutivi, ovvero fino all'alba.
Seppur molto distante dal concept originario, la sfida si rivela molto divertente e, oltre a garantire numerose ore di gioco supplementare, è in grado di mettere il giocatore in difficoltà, a differenza di quanto fatto dalla campagna. Vista la tipologia di modalità, è veramente un peccato che gli sviluppatori non abbiano pensato di inserire un multiplayer cooperativo proprio come accade in Gears of War 2 o in altri titoli simili. L'unico elemento di socialità è veicolato dalle classifiche online, confrontabili con quelle di altri giocatori e amici presenti su Xbox Live.

La schivata resta fondamentale per salvare la pelle nelle situazioni più concitate - Alan Wake's American Nightmare
La schivata resta fondamentale per salvare la pelle nelle situazioni più concitate

UNA NUOVA LUCE PER COMBATTERE L'OMBRA
Grazie all'aggiornamento del motore grafico proprietario già utilizzato in Alan Wake, American Nightmare porta su schermo una maggiore pulizia visiva sia dei personaggi che ambientale e una palette cromatica molto più varia. Potenziati anche effetti grafici e sistema di illuminazione, che riescono a calcolare scie e complessi bagliori luminosi di lampioni e torcia in maniera maggiormente verosimile. Gli scenari che fanno da cornice a questo viaggio onirico sono indubbiamente differenti dai boschi ricchi di vegetazione ed alti fusti nei quali nebbia e presenze maligne facevano il paio nella prima avventura, ma presentano un dettaglio grafico altrettanto qualitativo e di buon impatto. Paradossalmente, però, è nelle mappe destinate alla modalità arcade che Remedy ha fatto il lavoro migliore, disegnando location affascinanti e sempre coerenti con il contesto da cui traggono ispirazione. Ottima l'idea d'inserire cutscene in computer grafica dove è il vero attore finlandese Ikka Villi a recitare la parte di Alan e del suo doppelganger Mr. Graffio, con un'interpretazione attoriale da premio Oscar. Grazie a questo espediente registico e narrativo, la natura fortemente cinematografica dell'esperienza viene veicolata in maniera molto più naturale e congruente. Peccato per la mancanza del doppiaggio in lingua italiana, che era presente e di ottima qualità nel primo Alan Wake. Chi non è un grande conoscitore dell'idioma inglese, potrà comunque affidarsi ai sottotitoli in italiano.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Per la modica cifra di 1.200 Microsoft Points, Alan Wake's American Nightmare offre un'esperienza narrativa di pregevole fattura, in grado di proporre ottime sequenze cinematografiche, impreziosite dall'ottima interpretazione di un attore in carne ed ossa che veste i panni di Alan. Peccato che la campagna sia relativamente breve e divisa in tre blocchi identici, e che i contenuti ludici siano ancora molto esigui e vengano riproposti con l'identica formula dell'opera originaria, senza alcun tipo di miglioria.

Commenti

  1. Andreabbondanza

     
    #1
    Beh dopo l'acquisto di AW su steam più che spendere i 1200 MP aspetto sperando che esca pure su pc (finisce che come AW originale ora tengo sia la versione xbox che pc).
    In tutta onestà spero in un proseguimento di trama e che ci sia un AW 2 dove possa pure concludersi magari.
    R.I.P. Per il doppiaggio, ho amato quello del primo :|
  2. dusteppe

     
    #2
    Non sono d'accordo nel giudizio in merito al gameplay del gioco che, se rimane simile a quello del primo AW, è decisamente valido e ripetitivo nella misura in cui può esserlo un qualsiasi action in terza persona con questa impostazione.
  3. Gidus

     
    #3
    Ovvero si conferma per quello che è. Un'esperienza cinematografica coinvolgente che pecca sul versante gameplay.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!