Genere
Avventura
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
3+
Prezzo
39,90 Euro
Data di uscita
31/3/2006

Animal Crossing: Wild World

Animal Crossing: Wild World Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Genere
Avventura
PEGI
3+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
31/3/2006
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
39,90 Euro

Hardware

Per giocare ad Animal Crossing: Wild World è necessario possedere una confezione originale del gioco e una console Nintendo DS (versione normale o Lite). Il gioco è compatibile con il Nintendo Wi-Fi USB Connector.

Multiplayer

Animal Crossing: Wild World supporta il multigiocatore fino a quattro giocatori in contemporanea, sia via Wi-Fi locale sia online via Nintendo Wi-Fi Connection. In modalità multigiocare è possibile sia accogliere visitatori nel proprio villaggio che visitare sia ospiti il villaggio di un amico. Inoltre su di una stessa cartuccia di gioco possono convivere fino a quattro personaggi/giocatori, in questo caso però il gioco deve avvenire in modo alternato.

Link

Recensione

Welcome to… Animal Crossing!

Il campione di incassi giapponese arriva in Italia, ed è subito mania!

di Alberto Torgano, pubblicato il

Nonostante i cinque anni trascorsi dalla pubblicazione della primissima versione per Nintendo 64, Animal Crossing ha fatto il salto da "sleeper hit" a blockbuster solo con questa edizione per Nintendo DS, in Giappone già bi-milionaria e saldamente in cima alle classifiche di vendita dallo scorso Natale 2005. Un successo travolgente per un gioco semplice, immediato e allegro, che insieme a Mario Kart DS rappresenta la "killer application" del servizio online Nintendo Wi-Fi Connection.

UN PICCOLO MONDO FELICE

Il concetto alla base di Animal Crossing: Wild World è molto semplice: dare vita a un piccolo villaggio di animali dove costruire la casetta dei propri sogni. Non a caso il gioco inizia simulando il trasloco del giocatore nella cittadina degli animali, un piccolo villaggio costiero creato secondo criteri parzialmente casuali, così da essere sempre diverso. Scopo di Animal Crossing: Wild Word è curare la propria casa, il villaggio e i rapporti con i vicini, cercando contemporaneamente di completare numerose collezioni, dall'infinito catalogo di oggettistica per la casa, alla raccolta di insetti, pesci e fossili.
Di fatto il gioco non ha una "storia" o un fine in senso stretto, bensì permette una fruizione molto elastica, a misura di ogni giocatore. In pratica Animal Crossing: Wild World è un piccolo mondo da tenere in tasca, piacevole da visitare perché "vivo" e mutevole. Garanzia di continuo interesse è proprio lo scorrere del tempo: il gioco si svolge esattamente nello stesso anno, mese, giorno e ora del giocatore, e registra in modo intelligente sia lo scorrere del tempo sia gli eventi del villaggio, così da simulare un mondo in continuo cambiamento, indipendentemente dalla volontà del giocatore. Pepe del gioco sono infine le feste: numerose e sparse in tutti i mesi dell'anno, le festività sono eventi unici in cui il giocatore ha la possibilità di mettere le mani su oggetti rari altrimenti irreperibili.

ROTONDO È BELLO

La versione Nintendo DS di Animal Crossing si presenta con un'ottima grafica tridimensionale, per certi versi migliore di quella della controparte GameCube: tutti i personaggi sono caratterizzati da uno stile super deformed molto azzeccato, ma a stupire positivamente è soprattutto l'enorme cura per i dettagli, in particolare nella realizzazione grafica dell'oggettistica. Nonostante oggetti e personaggi siano realizzati con una manciata di poligoni, la precisione maniacale delle texture e le tante animazioni uniche lasciano trasparire il grande lavoro di design che sta alle spalle del gioco. Sulla stessa lunghezza d'onda della grafica anche l'accompagnamento musicale, in pieno stile Nintendo, e soprattutto gli effetti sonori e il parlato "animalese", entrambi perfettamente calzanti.
Per quanto riguarda comandi, Animal Crossinq: Wild World si gioca prevalentemente sullo schermo inferiore e supporta sia il controllo via tasti sia via pennino. Nel primo caso la configurazione dei pulsanti riprende quella degli episodi precedenti, con lo stilo le cose sono un po' diverse: per impartire un ordine di movimento basta premere nella direzione desiderata, per eseguire un'azione toccare o la testa del personaggio o l'oggetto con cui si vuole interagire. Naturalmente è anche possibile alternare i due metodi di controllo, per esempio muovendosi con i tasti e navigando i menu con lo stilo.