Genere
Azione
Lingua
Italiano
PEGI
18+
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Assassin's Creed II - Multiplayer

Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Ubisoft Entertainment
Sviluppatore
Ubisoft Montreal
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Lingua
Italiano
Giocatori
1

Hardware

Per giocare al multiplayer di Assassin’s Creed: Brotherhood bastano una copia originale del gioco, una console PlayStation 3 o Xbox 360, un joypad e una connessione Internet a banda larga. La nostra prova è stata eseguita sulla console di Sony.

Multiplayer

Il multiplayer online di Assassin’s Creed: Brotherhood offre quattro modalità (Ricercato, Ricercato Avanzata, Alleanza, Caccia all’uomo) fino a un massimo di otto giocatori, otto mappe, diversi personaggi tra cui scegliere e decine tra abilità, perk e altri elementi sbloccabili.
Recensione

La sfida dei Templari

Uno sguardo al multiplayer di Assassin’s Creed: Brotherhood.

di Francesco Destri, pubblicato il

Abbiamo accolto la componente in single player di Assassin’s Creed: Brotherhood con un’ottima valutazione, premiando soprattutto i piccoli ma significativi miglioramenti nel gameplay e la bellezza di un’ambientazione unica e affascinante. Il terzo episodio della saga action-stealth di Ubisoft può però contare anche su un’interessante componente multiplayer competitiva, che approda per la prima volta nel mondo di Assassin’s Creed e alla quale, stando alle ultime voci di corridoio, si aggiungerà il co-op online nel prossimo capitolo della saga.

wanted...vivo o morto

Per approcciarsi al multiplayer mantenendo però una forte relazione con la campagna in singolo, il team di Ubisoft Annecy non ha stravolto per nulla il gameplay tipico della serie e propone quattro modalità di gioco, otto mappe e oltre una decina di personaggi tra cui scegliere che richiamano fedelmente le tipologie rinascimentali dell’avventura principale.
Si tratta insomma di un continuum rispetto al gioco in singolo molto pronunciato e interessante, con l’unica differenza che non impersoneremo Ezio Auditore ma la fazione opposta, ovvero i Templari. A grandi linee si potrebbe descrivere il multiplayer come una sorta di guardie e ladri con in più un sistema di upgrade, perk, contenuti sbloccabili e livelli di esperienza che pare ormai irrinunciabile nel multiplayer di qualsiasi titolo di un certo tenore produttivo. La modalità di gioco a nostro avviso più interessante è Ricercato, una sorta di deathmatch da sei a otto giocatori dove dobbiamo uccidere una vittima designata ma al tempo stesso evitare che essa faccia lo stesso con noi.
Le mappe di gioco non sono vastissime, ma il problema è che le strade pullulano di PNG proprio come nel gioco in singolo e che trovare in questa confusione il nostro obbiettivo, di cui conosciamo solo parte del volto e il vestiario, non è per nulla facile. La presenza di una mappa e di appositi indicatori aiuta certamente nello scopo, ma il fatto che noi stessi siamo preda del nostro obbiettivo aggiunge una notevole pressione e contribuisce a rendere questi match online a tempo molto avvincenti.

perk rinascimentali

Volendo i più coraggiosi possono optare per la versione Avanzata, che mette a disposizione meno aiuti (le indicazioni sulla mappa ad esempio non sono così precise come nella versione normale), mentre chi preferisce il gioco di squadra può scegliere la modalità Alleanza, sbloccabile dopo aver superato il quinto livello di esperienza. In questo caso a sfidarsi sono tre squadre da due giocatori ciascuno e la dinamica è piuttosto simile a quella di Ricercato, sebbene la natura team-based aggiunga quel pizzico di collaborazione tra amici che per alcuni può davvero fare la differenza. La quarta e ultima modalità è Caccia all’uomo; qui, detto in parole povere, una squadra uccide e l’altra si nasconde il più a lungo possibile.
La varietà non è eccezionale (manca ad esempio una modalità con punti da conquistare e difendere come in molti sparatutto odierni), ma non dimentichiamo che Assassin’s Creed non è uno shooter e nonostante la presenza di armi a distanza sono soprattutto lo stealth, la velocità e lo scontro ravvicinato a premiare.
Su questo versante abbiamo apprezzato le abilità da sbloccare nel corso dei cinquanta livelli di esperienza; possiamo infatti confonderci di più tra la folla, aumentare per qualche secondo la velocità (utilissimo quando siamo in fuga), lanciare una bomba fumogena per stordire tutti nel raggio di pochi metri, sparare con una pistola nascosta o sfruttare coltelli da lancio o il veleno. Anche i perk hanno la loro importanza e permettono ad esempio di aumentare la resistenza, di non cadere subito quando corriamo in mezzo alla folla e di velocizzare l’attesa di “ricarica” delle abilità (il cosiddetto cooldown). In tutto, tra perk, abilità e altre aggiunte più o meno importanti, gli elementi sbloccabili nel corso del gioco sono una quarantina tra cui quattro personaggi (oltre ai nove iniziali).

la cortigiana e il prete

I punti esperienza si guadagnano nei modi più disparati e anche qui la varietà non manca. Uccisioni più o meno silenziose, stealth o spettacolari (come quelle quando siamo nascosti nel carro con il fieno), fughe riuscite da uno o più inseguitori, azioni in team; il punteggio ottenuto viene mostrato in tempo reale e possiamo sempre sapere se stiamo facendo meglio o peggio dei nostri avversari. La longevità, almeno per chi è deciso ad arrivare al cinquantesimo livello, è notevole e per raggiungere questo traguardo si è spinti ad affrontare anche le modalità di squadra per guadagnare ulteriori punti con appositi obiettivi di coppia. Passando invece ai personaggi, non possiamo parlare di vere e proprie classi visto che le uniche differenze tra essi si limitano all’aspetto, alle armi primarie e alle particolari animazioni degli attacchi. In questo caso la spinta a scegliere il Prete o il Boia piuttosto che il Barbiere o la Cortigiana non è la stessa di molti sparatutto basati su classi, anche se la curiosità di uccidere con un ventaglio, con una siringa o addirittura con un compasso (è il caso dell’Ingegnere) si fa comunque sentire.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Un multiplayer molto coinvolgente e piuttosto originale nello svolgimento delle partite, che restituisce le caratteristiche proprie della serie in modo assolutamente fedele, senza snaturare quasi nessun aspetto del gameplay in singolo.

Commenti

  1. dusteppe

     
    #1
    Ed altre impressioni?
    Vi sembra un meccasmo in grado di durare oltre il mero sbloccaggio di trofei? O solo un piacevole diversivo?
    Questo tipo di valutazione sarebbe utile in tutti coloro i quali devono scegliere se comprare il gioco al lancio o differire l'acquisto.
  2. Meno D Zero

     
    #2
    io non riesco più a giocare online con un titolo, mi fa troppa paura la concorrenza con gli altri giocatori umani.
    paura per il mio sistema nervoso intendo.
  3. Dna

     
    #3
    Io già giocavo online dopo essere arrivato al massimo livello della beta, nella versione finale ci sono piû mappe, piú livelli, piú sfide...solo per completare il tutto ci vogliono almeno30 ore di gioco...la mia previsione é che la gente continuerà a giocarci ben oltre anche dopo il cap del livello

    E diciamolo chiaro chenquesto multi é il piú innovativo e fresco. E avvincente degli ultimi anni...
  4. Meshuggah 81

     
    #4
    dusteppe ha scritto:
    Ed altre impressioni?
    Vi sembra un meccasmo in grado di durare oltre il mero sbloccaggio di trofei? O solo un piacevole diversivo?
    Questo tipo di valutazione sarebbe utile in tutti coloro i quali devono scegliere se comprare il gioco al lancio o differire l'acquisto.
     Secondo me è un piacevole (anche issimo) diversivo....ma non è un multi su cui ci starei 40-50 ore..
    Idea di base molto buona, però secondo me a lungo andare è un po' limitato..
  5. dusteppe

     
    #5
    Dna ha scritto:
    Io già giocavo online dopo essere arrivato al massimo livello della beta, nella versione finale ci sono piû mappe, piú livelli, piú sfide...solo per completare il tutto ci vogliono almeno30 ore di gioco...la mia previsione é che la gente continuerà a giocarci ben oltre anche dopo il cap del livello
    E diciamolo chiaro chenquesto multi é il piú innovativo e fresco. E avvincente degli ultimi anni...
     Dimentichi Left 4 Dead ed Uncharted 2.
  6. Dna

     
    #6
    dusteppe ha scritto:
    Dimentichi Left 4 Dead ed Uncharted 2.


    Questi hanno come base il multi degli fps, in brptherhood é proprio ci sono proprio idee nuove....comunque tra beta e gioco io sono arrivato a 30 ore di solo multi e sono ancora lontanisssimo dal trovarlo noioso....non so se tra qualche mese i server saranno pieni, soprattutto quelli della versione 360, e per questo consiglio di prenderlo ora
  7. Cendanry

     
    #7
    Meshuggah 81 ha scritto:
    Secondo me è un piacevole (anche issimo) diversivo....ma non è un multi su cui ci starei 40-50 ore..
    Idea di base molto buona, però secondo me a lungo andare è un po' limitato..
     

    Anche secondo me divenda noioso alla veloce il primo impatto è veramente buono bello e coinvolgente ma è tutto troppo uguale le mappe/modalità/abilità non consentono di variare molto il gameplay
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!