Genere
Piattaforme
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 7,99
Data di uscita
II QUARTER 2009

Assassin's Creed

Assassin's Creed Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Ubisoft Entertainment
Sviluppatore
Gameloft
Genere
Piattaforme
PEGI
12+
Distributore Italiano
App Store
Data di uscita
II QUARTER 2009
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 7,99

Lati Positivi

  • Graficamente ottimo
  • Sistema di controllo via tocco ben studiato
  • Il mix di azione e piattaforme convince
  • Lo sfondo scenografico è sempre affascinante

Lati Negativi

  • Frustrante nei frangenti platform più impegnativi
  • Poco stealth rispetto al gioco originale
  • Il carisma di Altaïr ne esce un po’ ridimensionato
  • Qualche vistoso calo di frame-rate

Hardware

Assassin's Creed: Altaïr Cronichles può essere scaricato da App Store al prezzo di 7,99 € attraverso il relativo account. Il gioco, ora alla versione 1.1.1, necessita di circa 130 MB di spazio su iPhone e iPod Touch e della presenza del firmware 2.2.1 (l’ultimo disponibile) per essere installato.

Multiplayer

Non sono presenti modalità di gioco in multiplayer.

Link

Recensione

Il tocco dell’assassino

I Cavalieri Templari sono avvertiti... Altaïr è tornato.

di Francesco Destri, pubblicato il

La francese Gameloft si sta ormai confermando come il nome più importante e significativo nel panorama videoludico mobile e, soprattutto per quanto riguarda iPhone e iPod Touch, i suoi titoli sono quasi sempre di buon (se non ottimo) livello.
L’ultimo esempio l’abbiamo avuto qualche mese fa con Hero of Sparta, ancora oggi uno dei giochi graficamente migliori e più divertenti per le due piattaforme portatili di Apple, ma anche Assassin's Creed: Altaïr Cronichles, porting dell’omonimo action-platform per Nintendo DS dello scorso anno, si candida a salire molto presto in cima alle classifiche dei titoli più scaricati dell’App Store.

LO SPLENDORE DELLA TERRA SANTA

L’assassino silenzioso di Ubisoft è insomma tornato a far parlare di sé senza forse grandi sconvolgimenti (dopotutto si tratta di un remake), ma l’approdo su touch screen e la superiorità dell’hardware di Apple rispetto alla console di Nintendo sono comunque due elementi di interesse anche per chi già conosce le avventure portatili di Altaïr.
A livello narrativo non cambia praticamente nulla; il nostro alter ego si trova infatti anche in questo caso ad affrontare una pericolosa missione per trovare il Calice e cacciare così gli odiati i Cavalieri Templari dalla Terra Santa, muovendosi da una città all’altra (Gerusalemme, Damasco, Aleppo, Tiro), affrontando nemici in carne e ossa e saltando da un tetto all’altro come solo un certo Principe persiano sarebbe in grado di fare.
Il primo impatto sul nostro iPhone con firmware 2.2.1 (necessario per l’installazione del gioco) è davvero positivo; il filmato d’apertura in FMV è di ottima fattura e poco compresso, ma anche una volta iniziato il gioco ci accoglie un quadro grafico di indubbio spessore. Colori sgargianti, ambienti di gioco dettagliati (anche se un po’ anonimi) e animazioni molto realistiche fanno presto dimenticare la pur valida versione per Nintendo DS, anche se a volte la fluidità va incontro a cali piuttosto vertiginosi come d’altronde già successo in Hero of Sparta. Si tratta comunque di un limite che sopportiamo volentieri in cambio di un simile quadro visivo, ma che speriamo possa essere evitato le prossime volte ottimizzando l’engine o spremendo ancora di più, se possibile, l’hardware di Apple.

IL TOCCO INTELLIGENTE

Se lo scoglio grafico è quindi superato brillantemente e fa di Assassin's Creed: Altaïr Cronichles uno dei titoli più appaganti da vedere nella libreria di Apple, anche il passaggio dai classici comandi del Nintendo DS al touch screen “totale” non ha prodotto limiti insormontabili. L’elemento più difficile da rendere è senza dubbio il movimento di Altaïr che, come visto in Hero of Sparta, è affidato a un controller a tocco nella parte inferiore sinistra dello schermo; muovendo il minimo possibile, si cammina lentamente, mentre spostando la levetta con più decisione si azione la corsa, fondamentale per prendere la rincorsa e spiccare lunghi salti.
In generale basta una mezz’ora per impratichirsi con tale sistema, ma la comodità dei tasti direzionali del Nintendo DS rimane tutta un’altra cosa e, soprattutto in un platform come questo, la precisione dei movimenti è fondamentale e non sempre il gioco ci mette nelle condizioni ideali per saltare nel punto giusto o muoversi con la dovuta circospezione.
Per fortuna in queste situazioni il gioco prevede qualche mossa “automatica” che ci aiuta leggermente (ad esempio è molto difficile cadere dalle aste sospese nel vuoto), ma nei frangenti platform più impegnativi non stupitevi se dovrete rifare molte volte alcuni passaggi e questo potrebbe portare presto a una certa frustrazione, anche se va dato atto agli sviluppatori di aver inserito checkpoint di autosalvataggio molto vicini tra loro. Nessun problema invece per i combattimenti, con due icone per gli attacchi (leggero e pesante) e una per la difesa a forma di scudo che reagiscono perfettamente al tocco, e per i mini-giochi, già impostati per il touch screen su Nintendo DS e qui riproposti senza nessuna variazione.

QUANDO LO STEALTH NON CONTA MOLTO

Come gameplay Assassin's Creed: Altaïr Cronichles non cambia di una virgola rispetto alla versione precedente. Le sezioni platform sono piuttosto standard (ma ora decisamente più impegnative visto il nuovo sistema di controllo), i combattimenti non prevedono particolari difficoltà e a lungo andare, anche per il modesto numero di combo e di attacchi speciali, affrontare gli avversari diventa una routine.
Tra l’altro Altaïr, una volta raggiunto un certo numero di punti luminosi raccolti per i livelli, può solo migliorare l’efficacia della sua spada o aumentare la quantità di energia vitale, ma non raccogliere altre armi e sviluppare ulteriormente le sue capacità atletiche. Spiace ancora di più trovare così pochi elementi stealth, non del tutto assenti ma in netta minoranza rispetto agli scontri frontali e questo va un po’ contro lo spirito originale del protagonista, che nelle versioni per PC, Xbox 360 e PlayStation 3 era invece caratterizzato in modo molto più furtivo e sfuggente.
E’ poi vero che una certa “banalizzazione” del gameplay era da mettere in conto nel passaggio al formato portatile, ma è anche vero che in questo modo Assassin's Creed: Altaïr Cronichles finisce con il diventare un action-platform realizzato sicuramente bene ma piuttosto standard e risaputo, quasi una sorta di Prince of Persia forse meno acrobatico ma altrettanto votato all’azione a sfavore dello stealth.
Il bilanciamento globale lo rende comunque un buon esponente del genere e la longevità, non eccelsa, è comunque accettabile e, rispetto alla versione per Nintendo DS, mettete in conto almeno un’ora in più per padroneggiare al meglio i movimenti via tocco e per rigiocare inevitabilmente le sezioni platform più ostiche e impegnative. Se poi pensiamo al gap di prezzo tra le due versioni a netto favore di iPhone e iPod Touch (la differenza sfiora quasi i trenta Euro) e il miglior comparto grafico di questi ultimi, il titolo di Gameloft diventa quasi irrinunciabile per gli amanti del genere, ma viste le potenzialità del brand e le caratteristiche quasi uniche del suo protagonista ci si aspettava qualcosa di più.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Assassin's Creed: Altaïr Cronichles è essenzialmente una conversione, graficamente migliorata e con un nuovo sistema di controllo interamente touch, dell’omonimo action-platform pubblicato nell’aprile del 2008 per Nintendo DS. Rimangono quindi gli stessi pregi e difetti già osservati un anno fa, ovvero poca originalità nel gameplay, una vistosa diminuzione di elementi stealth rispetto ad Assassin’s Creed e una trama non molto avvincente. Di contro però Gameloft ha puntato molto sull’aspetto grafico di questa conversione con ottimi risultati e i nuovi controlli a tocco, pur bisognosi di una breve pratica iniziale, non hanno dato molti problemi se non nei frangenti platform più impegnativi. Considerando poi l’onestissimo prezzo di vendita, Assassin's Creed: Altaïr Cronichles è caldamente consigliato a tutti gli amanti del genere; peccato solo che non si possa parlare di killer application.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!