Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
24/2/2012

Asura's Wrath

Asura's Wrath Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Capcom
Sviluppatore
CyberConnect2
Genere
Azione
PEGI
16+
Data di uscita
24/2/2012
Data di uscita americana
21/2/2012

Hardware

Asura's Wrath sarà disponibile per Xbox 360 e PlayStation 3 a partire dai primi mesi del 2012.

Multiplayer

Si tratterà di un'esperienza interamente incentrata sul single player.

Modus Operandi

Abbiamo avuto modo di testare il gioco presso lo stand E3 di Capcom, rimanendo a bocca aperta per praticamente tutti i venti minuti della demo. Il geniale Hiroshi Matsuyama, ci ha anche concesso un'esilarante intervista che trovate in terza pagina.
Hands On

Quando la collera è una benedizione

Provato con mano uno dei titoli più sorprendenti dell'E3!

di Marco Mottura, pubblicato il

In un panorama come quello degli action in terza persona, in cui negli anni si è francamente visto davvero di tutto, è dura lasciare il segno e colpire sul serio.
Dai disumani massacri di Kratos alle supponenti truzzate di Dante, passando per i deliranti ammiccamenti fetish di Bayonetta, il camp senza ritegno di Ninja Gaiden o il sublime trash oltre ogni limite di Ninja Blade, siamo ormai abituati a qualsiasi follia, ed è sempre più difficile per i nuovi arrivati (ma in realtà anche per gli stessi big già sulla piazza) affermarsi e dare prova di stravaganza, unicità e carattere.
Se esiste ad ogni modo una proverbiale eccezione che conferma la regola, quella è Asura's Wrath: del resto sarebbe impossibile attendersi qualcosa di banale, sobrio e nella norma da una creatura partorita con passione e trasporto assoluto dalla vena creativa di Hiroshi Matsuyama, folle presidente di CyberConnect2 (gli sviluppatori della serie .Hack e degli ultimi Naruto). Un personaggio tutto faccine, smorfie, pose teatrali e versi inconsulti, che non disdegna addirittura i travestimenti durante le interviste con la stampa: uno dal quale aspettarsi qualunque cosa è il minimo sindacale.

DIVINA VENDETTA

Il titolo Capcom è incentrato sulle iperboliche gesta di Asura, iracondo semidio impegnato in una sovraumana odissea di vendetta e di riscatto personale. Tradito dagli altri dei, privato del suo rango e delle sue abilità, bandito dalla Terra e ferito nell'orgoglio dal rapimento della figlia Mithra (presa prigioniera ed usata dalle sette divinità usurpatrici come fonte di un inesauribile potere), Asura si imbarcherà in una missione impossibile nel tentativo di sovvertire una situazione divenuta ormai disperata.
La rivincita del dio in rovina sarà atroce, alimentata dal cieco furore di un odio millenario che gli sviluppatori ambiscono a far scorrere anche nelle vene del giocatore. Al di là della sua evidente natura di picchiaduro a base di scenografici combattimenti e di sonore mazzate, Asura's Wrath è infatti un titolo caratterizzato da una marcata componente narrativa: un videogame insomma da giocare idealmente tanto per l'azione incessante quanto per il puro piacere di sentirsi raccontare una storia coinvolgente.

LA STORIA INFINITA

In funzione di quest'ottica fortemente narrativa, la classica distinzione tra parti giocate e cutscene si farà labile: l'utente manterrà costantemente il controllo di Asura, potendo interagire direttamente anche durante le fasi di dialogo o i momenti di pausa. Il risultato è effettivamente sfizioso: zero tempi morti e nessuna distrazione, per un'esperienza da vivere sempre sul chi va là (perché il QTE non previsto può sempre essere dietro l'angolo!).
Un esempio? La demo losangelina si apriva con un minaccioso botta e risposta tra Asura ed uno strano ciccione (poi rivelatosi l'incarnazione di una delle sette divinità antagoniste): dopo qualche scambio di battute era possibile continuare a lasciar parlare l'avversario oppure, premendo B, mollargli un poderoso destro capace di zittirlo e farlo volare a diversi metri di distanza. Così, giusto per mettere in chiaro le cose e partire subito col piede giusto. Bisogna comunque ammettere che l'improvvisa interruzione di un dialogo con le maniere forti è davvero nulla in confronto a quello che si vedrà nel resto del gioco: Asura's Wrath è infatti un titolo che, più che far leva sui tecnicismi esasperati o su un combat system “ad orologeria”, punta tutto sul senso di meraviglia da indurre nel giocatore.


Commenti

  1. Mdk7

     
    #1
    AHAHAHAHA, che ridere le smorfie di Matsuyama!!
  2. froks

     
    #2
    Fantastico... c'è tutto quello che mi aspettavo da questo titolo!
    Non vedo l'ora di picchiare qualche divinità! :Q____
  3. fool

     
    #3
    Bellissimo, attendo con ansia!
  4. evil_

     
    #4
    bellizzimizzimo, mi attizza troppo, asura è più incazzato di kratos quando sta incazzato nero. è poi è stilosissimo.
  5. jpeg

     
    #5
    Nel marasma di sòle e/o mezze delusioni post-E3, un action che non solo non si sgonfia alla prima prova su strada, ma anzi mantiene l'hype a livelli stellari.

    Non vedo l'ora che esca.
  6. SirMana

     
    #6
    alla faccia di chi dice che non ci sono titoli giappi interessanti, io ne ho una lista piena e tutta nextgen (oltre a roba vecia da recuperare).Questo l'ho addocchiato da mesi ed è mio al dayone.

    ps: bellissima l'intervista XD.Gli sviluppatori nipponici mi fanno sempre morire ahah
  7. Andhaka

     
    #7
    Uhm... il design non mi dispiace (anche se intravedo il concetto di divinità come elementi cibernetici che non è proprio nuovo), ma le premesse e la intro (nonchè la parte che si è vista giocata) mi puzzano di shonen arrabbiato lontano un miglio.

    Spero di sbagliarmi, ma non mi aspetto proprio questa storia stupenda, ma solo una serie di pretesti per vedere il protagonista menare le mani e reagire urlando come un matto.

    Cheers
  8. Mdk7

     
    #8
    ma solo una serie di pretesti per vedere il protagonista menare le mani e reagire urlando come un matto.


    E ti lamenti? :D
  9. Meno D Zero

     
    #9
    HYPE A MILLE PER STO GIOCO!

    cyberconnect2 rulla da morire!
  10. Andhaka

     
    #10
    Purtroppo se mi fai una storia molto invasiva e "l'interattività" nella stessa, gradirei qualcosa di meglio della trama di uno shonen con il solito protagonista "io non mi arrenderò"-pugni chiusi e urlo feroce. ;)

    Per quanto il design sia piuttosto interessante, non mi convince per nulla il lato gameplay (da quello che ho visto è davvero troppo QTE a palla) e mi sa molto di "rimasticato" nello svolgimento.

    Poi sono ben disposto a ritrattare in caso di smentita, ma le premesse non sono proprio ottime come gioco... come avventura interattiva... beh, se piace il genere shonen no problem allora. ;)

    Cheers
Continua sul forum (44)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!