Genere
ND
Lingua
Manuale in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
351 Euro
Data di uscita
7/3/2002

ATi Radeon 8500

Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
ATI
Data di uscita
7/3/2002
Lingua
Manuale in Italiano
Giocatori
0
Prezzo
351 Euro

Lati Positivi

  • Rapporto prezzo prestazioni
  • Qualità dell'AntiAliasing
  • Funzioni grafiche supportate
  • Efficientissimo Anisotropic Filtering
  • Ottime prestazioni in Direct3D

Lati Negativi

  • Problema driver: compatibilità
  • Problema driver: efficienza
  • Qualche pecca in OpenGL

Hardware

Il Radeon 8500 e la reference board basata su GeForce 3 con 64 MB di DDR RAM utilizzata per il confronto sono stati provati su un Athlon da 1,4 GHz montato su una scheda madre Epox 8KHA+ (chipset KT266A) con 512 MB di memoria DDR RAM Corsair XMS2400 e due hard disk IBM 60 GXP da 40 GB in RAID. Il monitor utilizzato per la prova è stato un Sony Multiscan E215 da 17", mentre si è adottato come sistema operativo Windows XP Professional. Per la GeForce 3 abbiamo utilizzato i Detonator XP 23.11, mentre per la Radeon 8500 i driver 3286 forniti a corredo della scheda.
Recensione

ATi Radeon 8500

La risposta di ATi al GeForce 3 di nVidia è finalmente nelle nostre mani. Con SmartShader, Truform, HyperZ II e Video Immersion II riuscirà la nuova scheda di ATi ad offrire finalmente una valida alternativa ai prodotti dell'ultima generazione del sempre più grosso e potente concorrente? Scopriamolo insieme!

di Antonino Tumeo, pubblicato il

I TEST

Adesso è giunto il momento di fermare un attimo il discorso tecnico e teorico per passare a quello pratico: la prova sul campo e la verifica delle prestazioni. Il primo test è stato, come nostro solito, un benchmark sintetico, 3D Mark 2001, buon indice delle prestazioni in DirectX 8.0. E possiamo dire che quello che abbiamo visto ci è piaciuto molto. La Radeon 8500 risulta la scheda Direct3D più veloce al momento (escluse chiaramente le nuove GeForce 4), superando nettamente la "vecchia" GeForce 3 (quella con il core a 200 MHz) e ancor di più la nuova GeForce 3 Titanium 200 (che ha ovviamente un core più lento a 175 MHz), assestandosi su dei punteggi che risultano leggermente maggiori anche di quelli di una GeForce 3 Titanium 500. Bisogna però da dire che c'è una certa differenza nelle frequenze del core: la Titanium 500 va a "soli" 240 MHz, mentre la Radeon sfrutta ben 275 MHz e pensiamo che la scheda ATi abbia ancora discreti margini di miglioramento. Tra i risultati dei singoli test del benchmark, da sottolineare sono sicuramente i risultati sui limiti teorici, che mostrano come il fill rate messo a disposizione dalla scheda non sia completamente "sfruttato" al limite ma fanno anche vedere una discreta superiorità dei motori geometrici del prodotto ATi rispetto a quello nVidia.
Discorso piuttosto differente invece in Quake 3. La Radeon 8500, pur con i suoi 275 MHz, si assesta sui livelli della GeForce 3 "normale", e paragonata con una Titanium 500 soffre discretamente. Come al solito con i prodotti ATi delle ultime generazioni, comunque, salendo di risoluzione il divario si assottiglia sempre di più, indice dell'efficacia delle soluzioni HyperZ.
Lo stesso si può dire con Serious Sam: la Radeon 8500 soffre abbastanza questo test, e qui addirittura rimane dietro alla GeForce 3, senza riuscire in effetti a colmare lo svantaggio anche salendo di risoluzione.
Ennesimo indice del fatto che il driver OpenGL non è sicuramente allo stesso livello di quello DirectX del Radeon 8500 sono i risultati del Vulpine GL Mark, con una media di ben 15 fps inferiore del prodotto ATi rispetto a quello di confronto nVidia.
Bisogna puntualizzare che comunque si sta parlando di differenze in termini di pochi frame per secondo con risultati che superano abbondantemente i livelli di giocabilità (dunque più che sufficienti anche per il giocatore più esigente, anzi, quasi desiderabili), ma chiaramente vogliamo cercare di vedere se il prezzo dei vari prodotti è adeguato a quello che offrono e quale effettivamente è in grado di dare quel qualcosa "in più".
Purtroppo, il problema del prodotto ATi non sono tanto le prestazioni pure (ottime, ripetiamo, in DirectX, un po' meno in OpenGL), ma la compatibilità dei driver. Un problema purtroppo cronico dei prodotti ATi, sul quale però la società canadese aveva promesso di fare di tutto per porre rimedio proprio con il lancio del nuovo chip grafico. Al momento, però, la promessa non è ancora una realtà: con la versione 3286 dei drivers abbiamo fatto ad esempio molta fatica ad utilizzare la scheda grafica su un Pentium 4 con scheda madre Intel i850 (dopo alcune ripetizioni, Quake3, Wolfenstein, 3DMark 2001 sotto Windows XP tendevano inevitabilmente o a uscire o a causare errori). Con un Athlon 1,4 GHz e scheda madre Epox 8KHA+ (chipset KT266A), le cose sono andate meglio, tutto è filato alla perfezione, abbiamo sempre avuto qualche idiosincrasia con alcuni giochi, ma fortunatamente mai nulla di grave con i titoli da noi prediletti per i test. Lo stesso dicasi con un Celeron da 1,2 GHz e scheda madre i815 "B-Stepping".
Speriamo sinceramente comunque che ATi si decida a lavorare seriamente sui driver, sia per questi motivi di compatibilità sia perché, come ha fatto vedere nVidia con i suoi Detonator costantemente aggiornati e migliorati, è il vero e unico modo per riuscire a "tirare fuori" la potenza che la scheda mostra effettivamente di avere. Che qualcosa finalmente si stia muovendo, comunque, possiamo felicemente confermarlo, visto il recentissimo rilascio dei nuovi driver che per motivi di tempo non abbiamo potuto spremere al limite come i 3286 ma che ci premureremo di provare al meglio.
Solita nota di merito per il 2D: ottima la qualità visiva della scheda (il DAC a 400 MHz aiuta certamente), le prestazioni con gli applicativi sono ormai su livelli molto simili (e molto alti) per tutti i prodotti delle nuove generazioni.
Interessanti i dimostrativi tecnologici, che mettono in luce la qualità degli effetti creabili utilizzando Smartshader e avvalendosi di TRUFORM. Peccato che non siano tanto le demo tecnologiche che ci interessino, quanto invece l'utilizzo in applicazioni (giochi) reali di tali funzioni. Un primo esempio ci viene per quanto riguarda TRUFORM da Wolfenstein 3D e da CounterStrike, ed in effetti possiamo dire che l'aumento della tessellation, e quindi della definizione dei modelli, viene piuttosto gradita e senza evidenti perdite di velocità.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Un buon prodotto dalle grosse potenzialità inespresse seppure a un prezzo abbastanza abbordabile. E' l'impressione principale che si ha avendo a che fare con la Radeon 8500. Non ci sono dubbi sul fatto che offra molto (Pixel e Vertex Shader tutto sommato leggermente più evoluti rispetto a quelli della concorrenza, ottima qualità nel 2D, eccellenti prestazioni in DirectX, anisotropic filtering praticamente "gratis", antialiasing di altissima qualità, supporto multimonitor offerto già di base), come non ce ne sono sul fatto che non offra tutto quello che potrebbe dare (prestazioni in OpenGL ancora deludenti per le reali capacità del chip, antialiasing un po' troppo oneroso, e soprattutto ancora troppe, troppe incompatibilità dei driver). E' un peccato, perché riteniamo che sia un prodotto valido, semplicemente dovrebbe (e potrebbe benissimo) esserlo ancora un po' di più per evitare di venire schiacciato da quel rullo compressore di nome nVidia. Speriamo sinceramente che ATi abbia capito che deve essere in grado di sfruttare in maniera adeguata (leggi driver) l'ottimo hardware che i suoi ingegneri sono in grado di creare, e crediamo che fortunatamente qualcosa in questo senso si stia muovendo, anche se ancora non siamo ai livelli che dovrebbero competere a una società di primo piano come quella canadese. Un plauso, comunque, a un prodotto che è effettivamente in grado di dare all'utente e soprattutto al giocatore una più vasta possibilità di scelta.