Genere
ND
Lingua
Manuale in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
351 Euro
Data di uscita
7/3/2002

ATi Radeon 8500

Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
ATI
Data di uscita
7/3/2002
Lingua
Manuale in Italiano
Giocatori
0
Prezzo
351 Euro

Lati Positivi

  • Rapporto prezzo prestazioni
  • Qualità dell'AntiAliasing
  • Funzioni grafiche supportate
  • Efficientissimo Anisotropic Filtering
  • Ottime prestazioni in Direct3D

Lati Negativi

  • Problema driver: compatibilità
  • Problema driver: efficienza
  • Qualche pecca in OpenGL

Hardware

Il Radeon 8500 e la reference board basata su GeForce 3 con 64 MB di DDR RAM utilizzata per il confronto sono stati provati su un Athlon da 1,4 GHz montato su una scheda madre Epox 8KHA+ (chipset KT266A) con 512 MB di memoria DDR RAM Corsair XMS2400 e due hard disk IBM 60 GXP da 40 GB in RAID. Il monitor utilizzato per la prova è stato un Sony Multiscan E215 da 17", mentre si è adottato come sistema operativo Windows XP Professional. Per la GeForce 3 abbiamo utilizzato i Detonator XP 23.11, mentre per la Radeon 8500 i driver 3286 forniti a corredo della scheda.
Recensione

ATi Radeon 8500

La risposta di ATi al GeForce 3 di nVidia è finalmente nelle nostre mani. Con SmartShader, Truform, HyperZ II e Video Immersion II riuscirà la nuova scheda di ATi ad offrire finalmente una valida alternativa ai prodotti dell'ultima generazione del sempre più grosso e potente concorrente? Scopriamolo insieme!

di Antonino Tumeo, pubblicato il

In definitiva, la Radeon 8500 paga un prezzo in prestazione, fornendo una maggiore qualità, mentre le GeForce 3 forniscono maggiori prestazioni, peccando un po' sulla qualità (che, in soldoni, consiste in texture meno nitide). La cosa è evidente: basti dare un'occhiata alle foto dove compariamo le varie modalità di antialiasing delle due schede, con un particolare occhio per le modalità 2x.
Dal punto di vista teorico, a vantaggio "qualitativo" per il Radeon va pure il fatto che i filtri possano essere anche "programmati" dagli sviluppatori, caratteristica che per ora chiaramente non è sfruttata, perché ci si avvale dei filtri standard forniti con i driver, distinti in categorie Performance e Qualità entrambe con gradazioni 2x, 4x, 6x. Le differenze tra le modalità base, però, a parte il fatto che vengono utilizzati numeri diversi di campioni, cosa chiaramente percepibile dal fatto che in Quality la risoluzione massima utilizzabile a 4x è 1024x768 e a 6x 800x600 (mentre il limite diventa 1024x768 solo a 6x in perfomrace), non sono state chiarite da ATi (che naturalmente vorrebbe mantenere un po' di riservatezza sui suoi filtri).
Per quanto riguarda le prestazioni, invece, le parti si invertono: grazie al Multisampling, come potete vedere dai grafici, la GeForce 3 di confronto (che, ricordiamo, funziona pur sempre a frequenza nettamente inferiore), prende il sopravvento in maniera piuttosto decisa: ATi rimane competitiva solo nella modalità Performance 2X (quella tra tutte comunque qualitativamente inferiore), mentre già in Performance 4X (che più o meno possiamo equiparare alla modalità QuincunX del GeForce 3), soffre le prestazioni del concorrente. Passando in Quality, le differenze sono ancora più nette.
Diciamo che è lodevole la presenza del filtro 6X per il prodotto ATi, ma forse giocare Quake 3 a 41,3 fps a 800x600 non ha molto senso.
In prima conclusione, comunque: un punto ad ATi per la qualità, un punto a nVidia per le prestazioni. Ricordando che comunque in entrambi i casi si possono tenere abilitate le modalità Performance 2X (e tutto sommato anche Quality) per la Radeon 8500, e 2x e QuincunX per la GeForce 3 e poter giocare a Quake 3 con buona soddisfazione.
Ma andiamo un po' oltre, e "proviamo" a parificare le due schede dal punto di vista qualitativo per fare un ulteriore confronto: se abilitiamo l'anisotropic filtering (2x o 16tap) sulla scheda nVidia assieme all'antialiasing 2x, otteniamo una chiarezza di texture paragonabile a quella ottenibile con l'antialiasing 2x Quality del Radeon 8500. Ancora, per una verifica vi rimandiamo alle foto comparative. Lo stesso, se impostiamo antialiasing 4x Quality sul Radeon, e Antialiasing 4x con anisotropic filtering 2x (16 tap) sulla scheda nVidia. Il discorso prestazionale si fa più interessante: nelle modalità 2x fino a 1024x768 le schede rimangono sostanzialmente pari, poi a 1280x1024 prevale la snellezza del multisampling. Nella modalità 4x invece il predominio del prodotto nVidia è netto. Ancora una volta, sottolineiamo le ottime prestazioni del driver OpenGL nVidia e quelle meno "buone" del driver ATi, anche perché il paragone è fatto con una GeForce 3, e con una GeForce 3 Titanium 500 il vantaggio del prodotto nVidia sarebbe stato maggiore.
Questi, secondo noi, i risultati i test più significativi e utili per rendersi conto delle potenzialità della scheda.

IN CONCLUSIONE

Ottime potenzialità e offerte ad un prezzo senza dubbio molto concorrenziale, ma ci sono ancora grossi margini di miglioramento. Questa è l'impressione più chiara che abbiamo avuto provando la scheda. La funzionalità e le prestazioni in DirectX ci sono tutte, e del resto era lecito aspettarselo vista la stretta collaborazione (quasi ai livelli di nVidia per le DirectX 8, cosa non da poco considerando l'importanza di nVidia nel progetto Xbox) tra ATi e Microsoft nello sviluppo delle DirectX 8.1. Un po' più deludenti le attuali capacità della scheda in OpenGL, dove i driver di nVidia la fanno veramente da padrona e sono ormai il riferimento su come deve essere fatto un driver (tanto da portare John Carmack ad affermare che se qualcosa non funziona nei suoi motori grafici e sta utilizzando un prodotto nVidia, è sicuro che l'errore sia suo, mentre con i prodotti dei concorrenti è altrettanto sicuro che il problema dipenda dal driver). Intendiamoci: "deludenti" nel senso che pur cavandosela bene (e piazzandosi sostanzialmente fianco a fianco con la GeForce 3 "normale", quindi prestazioni che potrebbero comunque far andare in brodo di giuggiole qualsiasi Quaker), la Radeon 8500 non riesce proprio a mettere in crisi la leadeship della GeForce 3 Titanium 500 (il cui trono adesso andrà direttamente alle nuove GeForce 4).
Ottime, ancora, le prestazioni del motore poligonale, e la buona qualità grafica offerta da Smoothvision (al prezzo però delle prestazioni, anch'esse sicuramente migliorabili, in futuro, anche se forse in maniera non così incisiva da portarle alla pari di un algoritmo Multisampling). Da sottolineare la possibilità di attivare l'anisotropic filtering (ma senza tenere l'antialiasing attivato) e praticamente dimenticarselo, un buon passo in avanti nell'evoluzione della qualità grafica.
Tutto sommato, insomma, l'aspetto più "negativo" del prodotto è la compatibilità attualmente offerta: gli attuali driver sono tutto fuorché esenti da problemi più o meno gravi con sistemi, ma soprattutto giochi diversi.
E purtroppo, il "problema" driver per ATi non è una novità: il vecchio Radeon ha peccato sotto questo aspetto in maniera abbastanza significativa e purtroppo il nuovo Radeon 8500 non è risultato esente da questo difetto. ATi ha dimostrato di saper sviluppare degli ottimi hardware tecnologicamente in grado veramente di competere con le offerte del concorrente, ma è un vero peccato che attualmente il "team" software non riesca a tirarne fuori tutte le reali potenzialità e che potrebbero rendere i prodotti ancora più appetibili.
C'è però da dire che ATi si sta impegnando su questo fronte, e lo dimostra il fatto che già rispetto alla release precedente di driver (quella senza Smoothvision e ampiamente "contestata" perché magicamente abbassava la qualità in Quake 3 per tirare fuori qualche fps in più, e che naturalmente ci siamo ben guardati dall'utilizzare) c'è stato un discreto aumento prestazionale (e senza più i "problemi" qualitativi) e un certo ampliamento della compatibilità. Insomma, la situazione può ancora migliorare molto (confidiamo abbastanza nell'ulteriore nuova versione uscita in questi giorni), le porte per qualsiasi sviluppo sono ancora tutte aperte e come abbiamo visto le potenzialità ci sono veramente. Speriamo che vengano sfruttate al più presto, perché sarebbe un peccato non farlo e lasciare "incompiuto" un prodotto del genere.
Certo, i tempi sono quello che sono, visto che la lotta dal punto di vista hardware continua serratissima: GeForce 4 è appena arrivato, prossimamente sarà la volta di R300 e… bisogna assolutamente che ATi trovi lo spazio per migliorare anche e soprattutto l'aspetto "software". E dunque, ora più che mai, vi diciamo: restate con noi per sapere come andrà a finire!

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Un buon prodotto dalle grosse potenzialità inespresse seppure a un prezzo abbastanza abbordabile. E' l'impressione principale che si ha avendo a che fare con la Radeon 8500. Non ci sono dubbi sul fatto che offra molto (Pixel e Vertex Shader tutto sommato leggermente più evoluti rispetto a quelli della concorrenza, ottima qualità nel 2D, eccellenti prestazioni in DirectX, anisotropic filtering praticamente "gratis", antialiasing di altissima qualità, supporto multimonitor offerto già di base), come non ce ne sono sul fatto che non offra tutto quello che potrebbe dare (prestazioni in OpenGL ancora deludenti per le reali capacità del chip, antialiasing un po' troppo oneroso, e soprattutto ancora troppe, troppe incompatibilità dei driver). E' un peccato, perché riteniamo che sia un prodotto valido, semplicemente dovrebbe (e potrebbe benissimo) esserlo ancora un po' di più per evitare di venire schiacciato da quel rullo compressore di nome nVidia. Speriamo sinceramente che ATi abbia capito che deve essere in grado di sfruttare in maniera adeguata (leggi driver) l'ottimo hardware che i suoi ingegneri sono in grado di creare, e crediamo che fortunatamente qualcosa in questo senso si stia muovendo, anche se ancora non siamo ai livelli che dovrebbero competere a una società di primo piano come quella canadese. Un plauso, comunque, a un prodotto che è effettivamente in grado di dare all'utente e soprattutto al giocatore una più vasta possibilità di scelta.