Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
25 ottobre 2011

Battlefield 3

Battlefield 3 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
DiCE
Genere
Sparatutto
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
25 ottobre 2011
Data di uscita americana
25/10/2011
Lingua
Italiano
Giocatori
64

Hardware

Battlefield 3 è disponibile su PC, PlayStation 3 e Xbox 360. La recensione si riferisce alla versione per Personal Computer, che oltre a una configurazione composta come minimo da un processore dual core da 2.4 GHz, 2 GB di RAM di sistema e una scheda grafica a partire da un’nVidia GeForce 8800 o AMD HD 3870 richiede anche l’installazione obbligatoria di Origin e dei plug-in per browser Web relativi a Battlelog. Abbiamo testato il gioco su due configurazioni diverse, composte rispettivamente da un Intel i5 2500K, 8 GB di RAM di sistema e una GeForce GTX 570 e da un Intel i7 2600K, 16 GB di RAM e una GTX 580, con gli esiti illustrati dettagliatamente nell’articolo.

Multiplayer

È sempre stata la vera ragion d’essere dei titoli della serie e continua a rappresentarlo tutt’oggi. Battlefield 3 offre il parco di modalità più completo dell’intera saga, prevedendo il classico sempreverde Conquista (ora diviso tra regolare e Conquest Large, a seconda del numero di bandiere e di giocatori previsti di default), l’ormai affermata Corsa e la sua variante Corsa a Squadre, il Deathmatch a Squadre e l’inedito Deathmatch a Fazioni. Ciascuna è giocabile in ognuna delle nove mappe presenti nelle varianti Fanatico, Infrantry Only e in una delle millemila combinazioni liberamente impostabili dagli amministratori dei server. È presente inoltre una modalità cooperativa per due giocatori, strutturata in sei missioni.

Modus Operandi

La recensione è stata resa possibile grazie a un codice Origin fornitoci da Electronic Arts. Abbiamo finito la Campagna a livello Normale (tranne che per l’ultima missione, a Facile, a causa di strani limiti della funzione Ripeti Missioni) in sette ore abbondanti e ne abbiamo rigiocato alcune parti a Difficile, per saggiare eventuali differenze in termini di I.A. e bontà della formula di gioco (non pervenute). Le sei missioni della co-op ci hanno richiesto circa tre ore e mezzo per il completamento a livello Hard, alla fine del quale avevamo 152896 punti totali (comprensivi anche del completamento della prima e di un assaggio della seconda a Normale). Le opinioni sul multiplayer competitivo sono state invece espresse dopo 16 ore di gioco, in cui abbiamo raggiunto il grado 19, come certificato dal nostro profilo Battlelog (sebbene il tempo effettivo che gli abbiamo dedicato superi verosimilmente la trentina d'ore). Non ci siamo fatti mancare, infine, qualche doveroso giro di ripasso tanto a Battlefield 2 che a Battlefield: Bad Company 2.

Link

Recensione

DICE torna a fare sul serio

Recensione approfondita della versione PC.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

Sono passati sei anni dall’uscita di Battlefield 2 e di cose da allora ne sono cambiate davvero tante. È cambiato ad esempio il panorama degli sparatutto multiplayer, che nell’ultimo lustro ha trovato nuovi slanci evolutivi prendendo ampiamente ispirazione dal set di intuizioni formidabili del classico di DICE (mappe modulari, sistema di squadre, comunicazione e soprattutto carriera persistente), di cui al’epoca, mentre eravamo in prima linea su suoi campi di battaglia, pronosticavamo il ruolo di modello da seguire per chi sarebbe venuto dopo, vedendoci dare ragione dai fatti. È cambiato il mercato, con il PC messo sempre più in secondo piano in favore delle console, quantomeno nelle produzioni che contano. Anche da parte di DICE stessa, che dopo le espansioni di Battlefield 2 e l’interessante divagazione futuristica di Battlefield 2142, si è sostanzialmente buttata anima e corpo per affermare il suo franchise sui sistemi di intrattenimento da salotto con titoli come Battlefield: Modern Combat, Battlefield 1943 e Battlefield: Bad Company, mentre col free to play Battlefield Heroes sembrava ben chiaro il ruolo ormai riservato ai sistemi Windows: piattaforma da gioco a cui dedicare tutt’al più forme di investimento di “seconda fascia”.

La serie regolare, quella senza alcun sottotitolo e compromesso sul piano concettuale e tecnologico, sembrava ormai morta, al capolinea, facilmente dimenticata da una DICE che si stava godendo i favori del suo nuovo pubblico di riferimento. Ma mentre si è tornati a tastare il polso dell’utenza PC aprendo un po’ a sorpresa a quel formato la serie di Bad Company, in qualche area lontana dai riflettori degli uffici della software house svedese si stava in realtà lavorando per regalarle un degno erede, un Battlefield 3 punto, accompagnato dalle dimensioni e le ambizioni del caso, sviluppato su una nuova portentosa tecnologia, il Frostbite 2, specificatamente con il PC in testa. Il mercato, però, va tenuto sempre debitamente in considerazione. E così Battlefield 3 esce anche su PlayStation 3 e Xbox 360, fronti dove proporre un "tripla A" solo multiplayer, come il Battlefield vero è sempre stato, sarebbe con ogni probabilità commercialmente suicida. Ma soprattutto c’è quel Call of Duty che macina inarrestabile numeri sempre più da capogiro, per cui tocca trovare una propria testa di serie in grado di aggredirne le vendite e defidelizzarne il pubblico, intaccandone il ghiotto bottino.

Il Battlefield 3 tanto atteso è dunque frutto di questi e altri impulsi, come l’affermazione dei social network, che ne decretano la forma e la sostanza, in positivo e in negativo. Si presenta come il capitolo più completo dalla saga, principale e non, proponendo un pacchetto composto da una Campagna a giocatore singolo, una modalità cooperativa, il multiplayer competitivo e una neonata piattaforma online, Battlelog, che nel caso della versione PC rappresenta qualcosa in più di un semplice sito di statistiche. Un quantitativo di contenuti su cui ci accingiamo finalmente a dire la nostra nelle pagine che seguono, dopo averli testati con il livello di attenzione, cognizione di causa e soprattutto la voglia di approfondire che sarebbe doveroso dedicar loro.


Commenti

  1. drmanhattan

     
    #1
    Stefano, raccogli le tue cose e sgombera la scrivania.
  2. Duffman_

     
    #2
    Raccolta fondi alla Santoro per un sito al Brocchieri in 3-2-1...
  3. El_Maria

     
    #3
    Grandioso, 10 pagine. Dopo pranzo me la leggo con calma.
  4. Dypa77

     
    #4
    Non ho mai letto una recensione così completa, esaustiva, chiarificatrice in ogni dubbio sul gioco.
    I miei complimenti sinceri e meritati a Teokrazia.
    E per quanto mi riguarda il gioco nella versione single player a quanto pare è piuttosto deludente. Visto che per me è la modalità principale di ogni gioco, a questo punto non so se il gioco vale la candela, per quanto spettacolare visivamente e con un multiplayer sostanzialmente migliore.
  5. ilgrantrebeobia

     
    #5
    Tanta roba. Grande recensione!
    Concordo in pieno su tutto.

    Il gioco è una droga...
    Oggi hanno fixato per benino il battlelog, il che che fa ben sperare nelle future patches...

    L'unica cosa che veramente mi fa innervosire è quella mimi-mega minimappetta (tra l'altro senza lettere nei punti chiave) che costringe a zoomare in e out in continuazione. Che astio.
  6. teoKrazia

     
    #6
    ilgrantrebeobiaIl gioco è una droga...
    Oggi hanno fixato per benino il battlelog, il che che fa ben sperare nelle future patches...

    La cosa fantastica è che tipo un'ora prima della pubblicazione della recensione è uscito un aggiornamento di Battlelog. :D
    Vabbé, per quel che ho visto hanno inserito nuovi filtri del motore di ricerca dei server, che è diventato ancora più comodo a calzante per le esigenze di grandi e piccini.

    Buon gioco!
  7. Bruce Campbell87

     
    #7
    ottima recensione, più di 20 minuti per leggerla, un manifesto praticamente :D grande Teo, mi hai convinto a prendere Skyrim, ti voglio bene. :D
  8. SixelAlexiS

     
    #8
    Non ho ancora letto il tutto... ma niente screen :'(

    Dopo provvedo.
  9. Max-Payne

     
    #9
    Minchia, che recensione. :0
    Bravo teo, l'ho letta con piacere.

    Traspare un po' di rammarico per alcune piccole (o grandi?) cose che potevano essere fatte o fatte meglio, ma nonostante questo sembra una gran bella esperienza online. Good.
  10. Leshrack

     
    #10
    teoKraziaRecensione approfondita della versione PC.

    Era chiaro che dopo Rage qualunque altro titolo sarebbe stato un trionfo. ;P
    Bella Teo! ;)
Continua sul forum (96)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!