Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
25 ottobre 2011

Battlefield 3

Battlefield 3 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
DiCE
Genere
Sparatutto
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
25 ottobre 2011
Data di uscita americana
25/10/2011
Lingua
Italiano

Hardware

Battlefield 3 uscirà il 25 ottobre su PC, PlayStation 3 e Xbox 360.

Multiplayer

Saranno presenti una modalità cooperativa per due giocatori e una sezione competitiva aperta a un massimo di 24 e di 64 partecipanti, rispettivamente su console e PC.

Modus Operandi

Il gioco è stato provato a un evento organizzato da Electronic Arts a Parigi, dove abbiamo giocato Campagna, co-op e multiplayer competitivo su PlayStation 3 e Xbox 360, per circa un'ora e mezza complessiva.

Link

Hands On

Tre volte Battlefield

Provate tutte le componenti del colossal DICE.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

A detta di Karl-Magnus Troedsson, direttore generale di DICE, Battlefield 3 è il titolo più grosso mai realizzato dal team di sviluppo svedese. Il prossimo capitolo della serie debutterà sul mercato offrendo il pacchetto base più grande di tutti i colleghi che l’hanno preceduto, da Battlefield 1942 in poi: una campagna in singolo, una in cooperativa e, naturalmente, quello che Troedsson stesso definisce come il vero cuore della proposta, il multiplayer. Siamo volati a Parigi, dove abbiamo potuto mettere le mani su ciascuno di questi aspetti per cominciare a farci una prima impressione complessiva del nuovo colossal bellico di Eletronic Arts.

FALCHI DELLA NOTTE

La prima cosa che abbiamo potuto provare è stata la campagna in singolo. Si trattava di un brano di Operation Guillotine, la missione protagonista dell’impressionante teaser pubblicato pochi giorni fa da Eletronic Arts. Nonostante un evidente e inevitabile scarto con la versione PC, protagonista del filmato, l’assalto in notturna nei panni del soldato americano Blackburn che abbiamo giocato su PlayStation 3 si caratterizzava per un gran bell’impatto complessivo. Circondati da un gruppo di compagni ottimamente modellati e animati, ci siamo lanciati a rotta di collo giù da una collina, mentre il buio della notte veniva squarciato da colpi di mortaio, esplosioni e altre fonti luminose, segnando spesso e volentieri lo schermo con scie, persistenze e altre aberrazioni fotografiche realizzate ad arte, che davano al tutto un look & feel documentaristico decisamente riuscito. La sensazione di essere lì in prima linea, su un campo di battaglia nudo e crudo piuttosto che su un set cinematografico, veniva supportata poi egregiamente dal sonoro, che con le sue urla perse nell’eco della notte e i suoi suoni di armi ed esplosioni cristallini e roboanti ci è parso di qualità davvero eccezionale. Troedsson afferma che in DICE tengono moltissimo a questo aspetto, perché secondo loro rappresenta il 50% dell’esperienza di gioco, e dopo aver provato Battlefield 3 non possiamo che concordare pienamente. Non è tutto oro quel che luccica, nel comparto tecnico, intendiamoci. Texture, shader e vegetazione hanno una resa estremamente altalenante, mentre aguzzando un minimo la soglia di attenzione non si può fare a meno di notare diversi escamotage. Per esempio le ombre dei soldati, che vengono proiettate perfettamente in situazioni “topiche”, nelle quali gli sviluppatori sanno esattamente dove si andrà a posare lo sguardo del giocatore, e sono totalmente assenti in altre. Insomma, DICE è stata molto furba, cercando di massimizzare il comparto visivo in termini di impatto complessivo, per offrire un colpo d’occhio caratterizzato da un grande dinamismo e da una spiccata sensazione di autenticità.

Operation Guillotine parte col botto, poi fa inarcare più di una volta il sopracciglio - Battlefield 3
Operation Guillotine parte col botto, poi fa inarcare più di una volta il sopracciglio
Meno brillante l’impressione che ci ha lasciato la giocabilità, ispirata con fortune alterne ai classici dello sparatutto a sfondo bellico dalla progressione lineare. Fin quando ci si trova in campo aperto, sotto raffiche che arrivano da ogni direzione, le cose appaiono piuttosto gratificanti, specie quando il trambusto attorno a noi si fa bello sostenuto e tocca lottare a denti stretti, con ben pochi riferimenti. Una condizione sottolineata dal blur che invade lo schermo quando si viene feriti, che aumenta opportunamente il senso di precarietà che si respira a pieni polmoni in certi momenti. Quando si ha occasione di lottare un po’ più nello stretto, invece, emergono svariati limiti, come quelli dell’intelligenza artificiale di compagni e nemici. Entrambi appaiono più interessati a seguire il loro copione che a creare situazioni di combattimento dinamiche, come ci hanno dimostrato in più di ogni occasione, quando nel trambusto generale le nostre squadre si sono ritrovate praticamente mischiate, senza che nessuno desse praticamente retta all’altro. Stessa sensazione di pressappochismo lo danno certi snodi nella progressione del livello, come l’irruzione in un appartamento o lo sfondamento in una serie di corridoi, affidati a soluzioni trite e ritrite, peraltro eseguite in maniera scolastica. Insomma, a meno di importanti rifiniture apportate al gioco nelle settimane che lo separano dall’uscita, sembra proprio che quella della campagna di Battlefield 3 sarà una guerra dal viscerale sapore turistico.


Commenti

  1. aleZ

     
    #1
    "Meno brillante l’impressione che ci ha lasciato la giocabilità, ispirata con fortune alterne ai classici dello sparatutto a sfondo bellico dalla progressione lineare"

    CVD, anche dice va dietro a CallOfDuty visto che i soldi arrivano tutti da lì.

    Mi chiedo perché nessuno segua l'impronta di Crysis o DeusEx, evidentemente perché al pubblico una campagna più aperta, dinamica e realistica non interessa. Cmq pandissima anche questa anteprima XD
  2. Andreabbondanza

     
    #2
    Mi chiedo perché nessuno segua l'impronta di Crysis o DeusEx, evidentemente perché al pubblico una campagna più aperta, dinamica e realistica non interessa.

    Se posso dire la mia, notai questo cambiamento di direzione già dal single player di BC2 a confronto di quello di BC1 che reputo tutt'ora superiore proprio per questi motivi... speriamo che almeno questo BF3 nel single player sappia regalare grazie a questa regia tante belle emozioni :)
  3. Da Hammer

     
    #3
    Il single di BC2 è una scopiazzatra mal riuscita di quello di CoD.
  4. theSBX

     
    #4
    Da HammerIl single di BC2 è una scopiazzatra mal riuscita di quello di CoD.

    e sarà così anche per quello di battlefield 3
  5. efus

     
    #5
    io di bc2 due non l'ho nemmeno iniziato il single....sarà che per me battlefield è solo multy e probabilmente non mi giocherò il single nemmeno di b3 ... capisco che comunque tanti preferiscano averlo, e possibilmente ben fatto. Per cod è stato il contrario il single mi piaceva (fino a mw) e il multy mi ha sempre fatto un pò schifo...strana la vita...forse un giorno vedremo un call of battlefield del quale potrò godermi sia single che multy akakakak (sognare non costa nulla, ma so che non accadrà mai)
  6. RALPH MALPH

     
    #6
    bell'anteprima teuz!
    riguardo la campagna non avevo grosse aspettative e giustamente me lo confermi: è sciatta come quella di bad company 2, quasi amatoriale.
    del multi onestamente non sono ancora riuscito a farmi un'idea precisa, è migliorato rispetto a bad company 2, ok, ma in che misura? si vorrei un voto (provvisorio), tipo se bc2 era 7 b3 è da X
  7. fashion

     
    #7
    Grandissimo teo, hype a mille. :sbav:

    "Pochi dubbi invece sul multiplayer competitivo. E pochi dubbi dovrebbero averli gli utenti Xbox 360. Fattoci provare finalmente su questa piattaforma, Battlefield 3 si è presentato decisamente in forma. Dimenticatevi pure i famosi filmati apparsi in Rete di straforo qualche giorno fa: allo stato attuale il titolo DICE rende alquanto giustizia alle possibilità di questa macchina"

    Sistemati i detrattori della versione 360 (si, Ralph anche tu! :D ).

    E conferme sui grandi miglioramenti che realmente dovrebbero interessare nel multiplayer.

    "Per il resto solo conferme: questa nuova prova sul campo di Operation Métro, in modalità Corsa, ha evidenziato uno stile di gioco più dinamico e appagante rispetto a quello di Bad Company 2. Si interpreta il campo di battaglia sia con maggiore scioltezza, grazie al sistema di movimento più fluido e continuo, sia potendo contare su un quantitativo superiore di profili d’azione, grazie alla possibilità di mettersi sdraiati a terra ed eventualmente avanzare strisciando e a quella di cambiare il rateo di fuoco delle proprie armi. E poi la conferma che fa più piacere: il rilevamento dei colpi sembra aver preso definitivamente le distanze dalle barzellette raccontate da fucili d’assalto, mitragliatori, pistole e quant'altro del predecessore, risultando nettamente più preciso"

    Adesso posso stare sereno, per quanto possibile, e attendere il mio gioco.
  8. RALPH MALPH

     
    #8
    fashi non darmi del detrattore, ci tengo alla tua considerazione io mi sono limitato a riportare i filmati, oggi tutti a offendermi non mi meritate :(
  9. fashion

     
    #9
    RALPH MALPHfashi non darmi del detrattore, ci tengo alla tua considerazione io mi sono limitato a riportare i filmati, oggi tutti a offendermi non mi meritate :(

    Lo sai Ralph che ti vogliamo bene, anche con le tue richieste di voti parziali e le piccole punzecchiature/battutine, non saresti così unico e inimitabile. ;)
    Ricordo come cercavi di farmi cadere nel baratro della disperazione con quei video 360, ma nulla più scalfire la fiducia che ho in questo titolo. :D
  10. RALPH MALPH

     
    #10
    la tua non è fiducia fashi la tua è fede, incrollabile, a te basterebbe un mirino a schermo e la grafica in bitmap per essere soddisfatto di battlefield 3, detto questo quei filmati li ho riportati per dovere di cronaca, senza nessun intento particolare, ma seriamente :DD
Continua sul forum (47)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!