Genere
Avventura
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
59,90 euro
Data di uscita
18/11/2003

Beyond Good & Evil

Beyond Good & Evil Aggiungi alla collezione

Datasheet

Genere
Avventura
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Data di uscita
18/11/2003
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
59,90 euro

Hardware

Per giocare alla versione PlayStation 2 di Beyond Good & Evil saranno necessarie una console PAL, una confezione originale del gioco, un joypad analogico e una Memory Card con alcuni blocchi liberi. I requisiti ottimali della versione PC prevedono invece una CPU a 2,4 GHz, 256 MB di RAM, scheda video GeForce 4 o ATI Radeon 9500 con almeno 64 MB di memoria a bordo, scheda audio DirectX compatibile. Con una configurazione non di molto inferiore a quella consigliata (Athlon 1,4 GHz e GeForce 3 con 64 MB) il gioco si è mosso fluidamente fino alla risoluzione di 800x600 a 32 bit di colore senza Full Screen AntiAliasing attivato.

Multiplayer

Non sono previste modalità multigiocatore.

Link

Anteprima

Beyond Good & Evil

Appassionati di fotografia, trame orwelliane, animali antropomorfi e corse sugli hovercraft, sta per arrivare il gioco che unirà tutte le vostre passioni in una sola esperienza videoludica, firmata nientemeno che dal "papà" di Rayman, Michel Ancel. Nei panni della grintosa fotografa Jade dovremo risolvere l'intricato enigma di una invasione aliena dai risvolti fantapolitici...

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

"Le Squadre Alpha arrestano l'inferno scoppiato in città", così recita il trionfale comunicato apparso oggi su Hylliannews, il canale ufficiale delle notizie sul pianeta Hyllis. Ma cosa si cela dietro questo susseguirsi infinito di battaglie vinte, dopo le quali l'invasione aliena continua apparentemente indisturbata? Quanti di voi riescano a rintracciare in un simile scenario chiari rimandi a 1984 di Orwell non sono molto lontani dalla verità. Ovviamente non sono presenti nell'ultima opera di Michel Ancel tutti quegli elementi di angoscia e pessimismo che erano invece ben evidenti negli scritti di Orwell, ed il tutto è reso in una chiave molto più debitrice alle atmosfere disincantate, colorate, e stilizzate con maestria, del celebre Rayman. La zucchina, mascotte di casa Ubisoft, è momentaneamente in vacanza, ma il suo nume tutelare ha dato vita a qualcosa di altrettanto (se non più) interessante...

LA GUERRA INFINITA

Non deve essere affatto piacevole sentire per secoli il peso di una minaccia aliena in perenne espansione, senza poter capire chi sta avendo veramente la meglio, in un susseguirsi ininterrotto di battaglie apparentemente vinte, cui fanno seguito attacchi repentini e rapimenti di persone. Proprio nel tentativo di aprire gli occhi della popolazione di fronte ad una insospettabile collusione tra assedianti ed assediati prende vita la prima organizzazione ribelle di Hyllis, denominata IRIS, che con messaggi più o meno subliminali cerca di sgretolare il muro di omertà intorno alle fantomatiche Squadre Alpha, sempre più in odor di "collaborazionismo" con la feccia aliena. In questo frangente di grande insicurezza prendono vita le avventure di Jade e di suo zio adottivo Pey'J, alle prese con difficoltà economiche non trascurabili e reduci nientemeno che da un attacco alieno "mirato" sull'orfanotrofio dove i due vivono insieme ad alcuni bambini orfani di guerra. Proprio a partire da questo attacco è possibile iniziare a fare i conti con il sistema di combattimento tramite bastone Dai-Jo, invero molto semplice, e solo in seguito imparare a conoscere l'altra arma fondamentale a disposizione di Jade, ovvero la macchina fotografica!
La fida mangia-rullini costituisce infatti il primo strumento utile a raggranellare qualche spicciolo per pagare la bolletta dell'elettricità, che una volta ripristinata attiverà tutti i vari marchingegni e apparecchiature a disposizione di Jade e Pey'J. A pagarci sarà inizialmente un museo, che verserà sul conto in banca di Jade una certa somma per ogni foto di animale non ancora catalogato: ovviamente tanto più l'animale in questione sarà raro e/o pericoloso, tanto più cospicua sarà la somma di denaro in cambio. Chiaramente con il successivo coinvolgimento della ragazza nel gruppo dei ribelli, i suoi reportage diverranno ancora più importanti...

MAMMAGO!!!

Grazie alla versione PlayStation 2 non definitiva che abbiamo potuto testare, e alla demo da poco resa disponibile per PC, è possibile quindi iniziare a valutare i risultati raggiunti in questi quattro anni di sviluppo, che non sono poi tantissimi se pensiamo che il motore grafico è stato scritto ex-novo e che sta già dimostrando una spiccata tendenza "multi-piattaforma". Dopo queste prime due versioni sono infatti in arrivo anche quelle per GameCube e Xbox, a primavera 2004. Iniziando dai controlli, mappati come di consueto su PlayStation 2 e un po' più "originali" nella versione PC, Beyond Good & Evil mette subito in mostra una telecamera liberamente posizionabile dal giocatore e un sistema di combattimento piuttosto rudimentale, se non addirittura "mono-tasto", dove a farla da padrone è più la spettacolarità dei colpi che non la loro relativa difficoltà di esecuzione. Da segnalare in tal senso una certa lentezza dei controlli nella versione PC, forse dovuti anche a una fluidità non proprio incrollabile dell'engine grafico, eccessivamente pesante alle alte risoluzioni, classiche di questa piattaforma.
Altra caratteristica "forte" del gameplay di Beyond Good & Evil, oltre alla già citata macchina fotografica, è certamente l'uso dell'hovercraft, uno scalcinato e simpaticissimo ammasso di ferraglia che durante tutto il gioco saremo chiamati a riparare e soprattutto potenziare all'inverosimile con frequenti visite al garage di Mammago (una assurda famiglia di rinoceronti antropomorfi giamaicani che ascoltano reggae tutto il giorno...). L'hovercraft è l'unico mezzo a disposizione di Jade per spostarsi sulla superficie coperta dalle acque del pianeta Hyllis, ma può anche essere usato per racimolare crediti correndo in alcune gare, non troppo impegnative a quanto ci è sembrato, costruite sulla falsariga dei classici del genere, stile WipEout.

VACANZE HYLLIANE

Con l'aiuto di Pey'J e Double-H, Jade si troverà quindi a dover portare a termine alcune missioni, navigando sul fido hovercraft di isola in isola e attraverso livelli di gioco fra i più vari: da quelli in stile dungeon a quelli più stealth, senza dimenticare la classica ondata di piccoli enigmi, tanto più coreografici quando semplici da risolvere, almeno inizialmente, e dulcis in fundo la assolutamente spettacolare varietà di animali di fantasia, nonché molto poco amichevoli in certi casi, che popolano il mondo di Hyllis. Passando agli aspetti tecnici il quadro generale migliora ulteriormente, vista l'ottima caratterizzazione grafica del pianeta e dei suoi abitanti tra i quali, ironia della sorte, la signorina Jade risulta forse tra i meno originali.
Lo stile fumettoso purtroppo non aiuta a rendersi conto della buona modellazione poligonale dei personaggi principali, dotati però di buone animazioni facciali e sufficiente fluidità nei movimenti. Buono anche il lavoro svolto sulle texture e sugli effetti di illuminazione, soprattutto tenendo conto che su Hyllis è presente l'alternarsi del giorno con la notte (più velocemente che sulla terra) e che la superficie marina gode di un effetto di riflessione particolarmente riuscito. Pollice in alto, infine, anche per quel che riguarda effetti sonori, doppiaggio delle voci e colonna sonora, quest'ultima ricca di temi solari e divertenti, ma anche di poderose orchestrazioni a sottolineare i momenti più tesi e i combattimenti decisivi. L'appuntamento con la versione finale per PS2 è fissato per il prossimo 14 novembre, mentre su PC Beyond Good & Evil è atteso per la fine dello stesso mese: in quei dintorni temporali aspettatevi anche le nostre recensioni!