Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
18+
Prezzo
ND
Data di uscita
9/2/2010

BioShock 2

BioShock 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
2K Games
Sviluppatore
2K Marin
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
9/2/2010
Lingua
Italiano
Giocatori
4-10

Lati Positivi

  • Immediato e semplice
  • Discretamente tecnico
  • Atmosfera di Rapture rimasta intatta

Lati Negativi

  • Pessime prestazioni a livello di latenza
  • Poco bilanciato nelle armi e nell'equipaggiamento

Hardware

I requisiti minimi di Bioshock 2 su PC sono i seguenti: AMD Athlon 64 3800+ 2.4Ghz o Intel Pentium 4 530 3.0Ghz, 2GB di RAM, NVIDIA 7800GT 256MB o ATI Radeon X1900 256MB. Quelli consigliati invece sono: AMD Athlon 64 X2 5200+ Dual Core 2.60Ghz o Intel Core 2 Duo E6420 Dual Core 2.13Ghz, 3GB di RAM, NVIDIA 8800GT 512MB o ATI Radeon HD4830 512MB. Il gioco deve essere attivato online la prima volta che viene lanciato, e la connessione serve anche per giocare in multiplayer online, ovviamente. Serve anche un account Games for Windows LIVE.

Multiplayer

Il multiplayer online di Bioshock 2 supporta un minimo di quattro giocatori fino a un massimo di dieci. Ci sono varie modalità di gioco, tra cui Deathmatch a squadre e tutti contro tutti, Cattura la Sorellina, Difendi l'Adam e dominazione.

Link

Recensione

A caccia di Adam

Rapture fa da teatro ad accesi scontri in multiplayer.

di Alessandro De Luca, pubblicato il

Mentre il primo Bioshock è stata un'esperienza di gioco interamente per un giocatore, per il secondo episodio gli sviluppatori hanno deciso di implementare anche una modalità multiplayer online. Molti giocatori si sono lamentati della decisione al tempo del suo annuncio, convinti che un'ambientazione d'atmosfera come Rapture non fosse adatta a delle feroci battaglie online e che non valesse la pena di togliere risorse allo sviluppo della campagna per un giocatore. Per questo motivo la creazione del multiplayer è stata “sub-appaltata” ai ragazzi di Digital Extremes che si sono dedicati esclusivamente al suo sviluppo, indipendentemente da quello del resto del gioco.

Un giorno di lavoro

Per rispettare l'ambientazione e la tradizione di Rapture, gli sviluppatori hanno deciso di creare una storia che fa da sfondo al multiplayer in modo da contestualizzarlo meglio: siamo nel 1959, durante la guerra civile avvenuta poco prima degli eventi raccontati nel primo BioShock, e ogni giocatore è un impiegato della Sinclair Solutions addetto alla prova sul campo dei prototipi bellici e non prodotti dall'azienda e che dovrà unirsi alle fazioni contrapposte di Atlas o Ryan. Questo è l'antefatto, anche se ammettiamo che la sua presenza non sembra fare molta differenza nell'economia del gioco.
Il multiplayer di BioShock 2 ha una struttura piuttosto familiare: si sceglie il proprio personaggio e il suo aspetto, la sua arma da corpo a corpo, si preparano tre set di equipaggiamento differenti selezionando due armi da fuoco, due plasmidi e tre tonici. Giocando si ottengono punti esperienza uccidendo nemici e completando le sfide disponibili e salendo di livello aumenta l'equipaggiamento a nostra disposizione per personalizzare il nostro personaggio. Insomma, niente che non si sia già visto in passato.

Occhio al Big Daddy

Anche le modalità di gioco presenti sono reinterpretazioni di classici come il Team Deathmatch o Cattura la Bandiera in chiave “Rapture-iana”. Le mappe di gioco sono piuttosto piccole, scelta saggia considerato che il numero massimo di giocatori è dieci, ma offrono un design piuttosto vario con scorciatoie, passaggi più o meno segreti e un buon sviluppo verticale che aggiunge varietà. Ognuna di esse è disseminata con distributori automatici e torrette meccaniche che, come nel single player, possono essere sabotate a proprio vantaggio per tendere trappole agli avversari. Un altro elemento preso dal single player è la possibilità di esaminare i cadaveri dei nemici uccisi così da ottenere un bonus di danni contro di loro, ma l'operazione richiede qualche istante e lascia completamente indifesi, ponendo quindi un piccolo dilemma tattico. A parte in “Cattura la sorellina”, in tutte le altre modalità è presente una tuta da Big Daddy che appare a caso sulla mappa e che può essere indossata da chiunque la trovi per primo. Ovviamente il fortunato diventerà un Big Daddy e, come nella campagna per un giocatore, sarà un osso davvero duro da abbattere.

Un'occasione sprecata?

Il multiplayer di BioShock 2 ha abbastanza pregi da poter far ricredere coloro che lo criticavano prima dell'uscita del gioco, ma ha anche dei difetti innegabili.
La mancanza di server dedicati si fa sentire pesantemente e il gioco è spesso afflitto da una latenza davvero fastidiosa. Forse è anche a causa di questo che le armi sembrano piuttosto imprecise e si ha spesso l'impressione che i nostri proiettili non vadano esattamente dove li avevamo indirizzati. Il sistema di personalizzazione dei personaggi offre una discreta profondità tattica, valorizzata dalla possibilità di combinare gli effetti dei plasmidi, ma salterà subito all'occhio dei giocatori più smaliziati che alcune armi e alcuni plasmidi sono molto più efficaci e semplici da usare di altri.
Il che è un vero peccato, perché porta molti giocatori a utilizzare set di equipaggiamento fotocopia, rovinando la varietà di gioco. Nonostante tutto questo, per coloro che riusciranno a non farsi infastidire troppo da questi difetti, il multiplayer di BioShock 2 è in grado di offrire un divertimento immediato e dinamico grazie a un'ambientazione che mantiene il suo fascino anche in questa modalità e a delle meccaniche semplici che sanno intrattenere senza troppi fronzoli.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Contrariamente alle più pessimistiche fra le attese, il multiplayer di BioShock 2 si rivela più che dignitoso e giustifica la sua esistenza con meccaniche di gioco immediate e degli scontri a fuoco che offrono una discreta profondità tattica e un buon livello tecnico. Purtroppo il codice non sembra ottimizzato al meglio e la struttura peer-to-peer è afflitta da una latenza che potrebbe spegnere sul nascere le speranze di successo del gioco. Gli sviluppatori vanno anche bacchettati per non aver prestato maggiore attenzione al bilanciamento delle armi e i plasmidi che limita di fatto la varietà delle partite. BioShock 2 in multiplayer non passerà probabilmente alla storia per i videogiochi, ma è in grado di fare divertite i giocatori meno esigenti.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!