Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

BioShock

BioShock Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
2K Games
Sviluppatore
Irrational Games
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Take2
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1

Lati Positivi

  • Grandissima atmosfera
  • Trama originale e coinvolgente
  • Il livello di difficoltà "Survivor" varia l'esperienza di gioco
  • Grafica quasi intatta rispetto alla controparte Xbox 360
  • Supporto completo ai "Trofei"

Lati Negativi

  • Alcune texture non all'altezza
  • Anche troppo accessibile ai livelli di difficoltà più bassi
  • I livelli "extra", annunciati per il download, non sono ancora disponibili

Hardware

Bioshock supporta HDTV e il Dolby Digital per quanto concerne il sonoro. Per giocare con l’edizione PS3 qui recensita sono necessari una console Sony PS3, un joypad e una confezione originale del videogioco.

Multiplayer

Non è presente alcuna modalità multiplayer, Bioshock si gioca solo in singolo.

Link

Recensione

Survivor: tutto cambia...

Un nuovo livello di difficoltà per una nuova Rapture.

di Davide Gasbarro, pubblicato il

La modalità di gioco introdotta nella versione per PlayStation 3 lascia spazio a nuove interessanti interpretazioni del mondo di Bioshock. Il numero di stanze della vita è ridotto e la quantità di approvvigionamenti energetici disponibili dopo essere stati resuscitati è sempre minore. Armi e munizioni sono rarissime, da centellinare; l’energia necessaria ad utilizzare i poteri delle mani è poca e nascosta. Sommando a tutto questo degli avversari che diventano ossi duri fin dalle prime fasi di gioco, più veloci, in grado di schivare i colpi con una precisione sempre maggiore e globalmente più temibili è ovvio che siamo costretti ad un approccio completamente diverso: sembra di essere in un Survival Horror in piena regola. Come suggerisce il nome stesso del termine necessità più importante diventa la sopravvivenza in una Rapture non più disseminata di pacchi di proiettili, kit di medicazione e rifornimenti vari. L’impeto della battaglia, le mitragliate in stile Rambo e le incursioni degne di un agente di qualche corpo speciale statunitense vanno lasciate ai tre livelli di difficoltà inferiori: in Survivor si fa sul serio.

Rapture è bella comunque?

Fin dall’inizio i dubbi più grandi per quanto concerne la trasposizione del gioco su piattaforma Sony riguardavano gli aspetti più tecnici: riuscire a trascinare letteralmente un comparto grafico così imponente su un’altra macchina è stata una sfida ardua che 2K ha deciso di combattere con tutti i mezzi a sua disposizione. Possiamo tranquillizzare fin da subito i più impazienti: le differenze rispetto alle altre versioni non sono facili da notare. Rapture è stata letteralmente trascinata su una diversa console mantenendo inalterata tutta la sua tragica poesia. Quello che colpisce maggiormente nel mondo che ci troviamo ad osservare è l’accostamento folle degli elementi concettualmente più distanti tra loro; un esempio: una scrivania in legno dal gusto quasi antiquario, alle nostra spalle un poster raffigurante il tipico soggetto stilizzato delle locandine di metà secolo scorso, ad illuminare la scena una splendida lampada fuori luogo ma stranamente amalgamata nel contesto e, in pieno contrasto con questo strano ma originale accostamento, cadaveri fatti a pezzi nascosti negli scaffali della scrivania, sadiche scritte di un rosso sospettoso che coprono la fanciulla sorridente e impeccabilmente bella del poster e macchinari futuristici che ci lanciano granate a qualche metro da tutto ciò.
Le ambientazioni di Bioshock sono delle strabilianti architetture fantasiose, stili reali e immaginari fedelmente riprodotti e fusi tra loro in modo malsano fanno del gioco un piacere per gli occhi.

imperfezioni trascurabili in un contesto sublime

Le texture, altrettanto, sono di ottimo livello ma non nascondono a tratti delle piccole pecche a livello di risoluzione; e raramente è possibile intravedere dei modelli poligonali stranamente trascurati, dal tipico aspetto “pixelloso”. L'aggiornamento su schermo non ha perso quei rallentamenti che caratterizzavano, in alcune situazioni, la versione Xbox 360 e qualche piccolo bug grafico è ancora presente. Trasparenze, fiamme, lingue d’acqua e vapori tossici sono rimasti strabilianti come nelle versioni Xbox360 e PC.
Una menzione d’onore, infine, va destinata alla colonna sonora: i motivi sono splendidamente adeguati all’atmosfera angosciante che caratterizza l’azione di gioco. I lamenti, le frasi prive di senso e gli strazianti rumori che spesso ci troviamo ad ascoltare, come colti da allucinazioni, favoriscono un inevitabile stato d’ansia che accompagna il giocatore ovunque all’interno di Rapture.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Bioshock si presenta come uno Sparatutto in Prima Persona che riesce a fondere tra loro interessanti aspetti di altri generi, talvolta distanti dall'impostazione originale del gioco. La resa grafica ottima e un comparto sonoro incredibilmente curato ne fanno certamente un capolavoro di tecnica, ma soprattutto in questa versione PlayStation 3 troviamo la fondamentale aggiunta di un ulteriore livello di difficoltà, che costringe il giocatore a sostenere ritmi di gioco completamente diversi, rinfrescando un’avventura che ha ancora molto da dare. Atmosfere paradossali e angoscianti, situazioni irreali, deliri e allucinazioni sfumano i contorni di una Rapture che, a distanza di oltre un anno dalla sua nascita, riesce ancora a stupire.

Commenti

  1. xsecuzione

     
    #1
    e dopo oltre un anno da questo post, dico:
    l'ho trovato a 30 euri nuovo per ps3. E' un titolo di cui ho sempre letto grandi cose, ma mai soffermato più di tanto in quanto fps, nonostante mel'avessero prestato ai tempi del 360 ma non l'ho neanche messo nella console...
    insomma, convinete un pernullamante di fps (solo Quake3arena, Unreal tournment, e sto cercando di farmi piacere killzone 2..e ci sto riuscendo) a comprare questo gioco :asd:
    grezie, grezie altrettanto
  2. steve

     
    #2
    sono senza parole, a causa di un errore di programmazione non posso procedere nel gioco. nelle fontaine fisheries dopo aver ucciso peach, si dovrebbe aprire la grata in fondo e dovrei poter proseguire. al contrario, la grata non si è aperta e i nemici continuano a respawnarsi. è clamoroso che ai giorni nostri ancora si vedano cose simili, ho salvato dopo aver ucciso il vecchio cosi adesso sono bloccato li dentro, non ho salvataggi precedenti e col cavolo che lo ricomincio per la terza volta. complimenti a tutti a 2K :clap:
  3. jurgen81

     
    #3
    Cominciato oggi!!!
    Sempre sul pezzo il vecchietto.

    La cosa che mi ha più spiazzato? Non potermi mettere al riparo ...
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!