Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
59,99 Euro
Data di uscita
9/11/2007

Call of Duty 4: Modern Warfare

Call of Duty 4: Modern Warfare Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Infinity Ward
Genere
Sparatutto
PEGI
16+
Distributore Italiano
Activision Italia
Data di uscita
9/11/2007
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
18
Prezzo
59,99 Euro
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Il Variety Map Pack sarà disponibile per il download da Marketplace di Xbox-Live il 4 aprile 2008 al costo di 800 Microsoft Points. Stando a quanto dichiarato da Infinity Ward, il pacchetto verrà reso disponibile anche per PlayStation3 il giorno 25 aprile 2008: non si hanno al momento notizie sul costo del contenuto per la console di Sony. Stretto riserbo invece al riguardo della versione PC delle nuove quattro mappe.

Multiplayer

Le quattro mappe del Variety Map Pack supporteranno tutte le modalità di gioco multiplayer attulmente disponibili in Call of Duty 4: Modern Warfare.

Link

Hands On

Quattro buoni motivi per continuare la battaglia

Prova su campo delle nuove mappe del Variety Map Pack!

di Luca Airoldi, pubblicato il

Direttamente al terzo piano di un autosilo londinese perfettamente arredato per l'occasione, Infinity Ward ha organizzato una sessione di hands-on sulle nuove quattro mappe del cosidetto Variety Map Pack di Call of Duty 4: Modern Warfare, pacchetto aggiuntivo dedicato alla modalità multiplayer del gioco, che sarà scaricabile dal Markeplace di Xbox-Live il 4 aprile prossimo al costo complessivo di 800 Microsoft Points.
Le quattro nuove mappe pongono immediatamente in risalto l'obiettivo principale cui i ragazzi di Infinity Ward hanno puntato: realizzare un contenuto aggiuntivo che, partendo dalle richieste di tutta la community, potesse coprire un'esperienza di gioco adatta ai numerosi approcci che Call of Duty 4: Modern Warfare ha dimostrato di saper offrire. Ecco pertanto che il level-design delle quattro mappe spazia dall'ambientazione estesa in cui agire in maniera finemente strategica, al campo di battaglia più racchiuso e costretto, passando per strutture morfologicamente studiate per scontri misti e movimentati. Andiamo dunque ad analizzare nel dettaglio le quattro mappe del pacchetto: Chinatown, Broadcast, Creek e Killhouse.

CHINATOWN

Direttamente ripresa dalla controparte reale di San Francisco, Chinatown è una mappa notturna di medie dimensioni, nella quale i vicoli angusti del quartiere si alternano alla piazza centrale contornata da numerose costruzioni su due piani ampiamente esplorabili: il level-design di questa mappa ricorda da vicino le ambientazioni cittadine del territorio mediorientale, nelle quali si possono alternare il fuoco ravvicinato degli scontri nei vicoli a quello più esteso delle zone limitrofe alla piazza, senza dimenticare la possibilità di fuoco e copertura offerta dai piani alti degli edifici circostanti. Colpisce molto l'estrema cura riposta nella realizzazione dei particolari, più evidente rispetto a quanto apprezzabile nelle restanti nuove mappe, a partire dalla zone del mercato con tanto di bancarelle colme di prodotti, fino ad arrivare ai classici addobbi luminosi tipici dei quartieri cinesi delle grandi metropoli moderne.

BROADCAST

Di medie dimensioni è anche Broadcast, mappa ripresa fedelmente dall'ambientazione già apprezzata nella campagna single-player: il susseguirsi di ambienti ristretti all'interno della stazione televisiva promette scontri repentini a viso aperto, mentre il classico salone centrale (su cui si aprono le vetrature delle salette di controllo del piano superiore) offre un campo di battaglia disseminato dai numerosi ripari offerti dalle scrivanie di lavoro. Alcune aggiunte rispetto alla conformazione planimetrica della mappa disponibile in single-player (quali per esempio la zona servizi igienici e una scala interna di sicurezza), aprono varchi di collegamento necessari allo "sfogo" di alcune aree di gioco. Da non dimenticare l'ambiente esterno, ristudiato al dettaglio per l'occasione, controllabile a vista da alcune aperture o dalla copertura stessa della stazione televisiva; da quest'ultima è inoltre possibile fare irruzione direttamente nella sala principale dell'impianto.

CREEK

Molto più ampia è invece Creek, mappa appositamente studiata per partite con gran numero di giocatori: l'ambientazione vasta, alla luce del giorno, si dipana attraverso il contesto naturale offerto da una boscaglia in cui il dislivello altimetrico diviene fondamentale. Ecco dunque che, a partire dal letto di un ruscello a secco, Creek offre una serie di ripari essenziali per gli scontri in campo aperto,alcuni dei quali costituiti da rocce, alberi e conformazioni naturali; non mancano inoltre casupole allo sfascio da cui potersi appostare per il cecchinaggio. Da notare la presenza in questa mappa di diversi cul del sac, aree a fondo chiuso controllabili dall'alto in cui poter organizzare interessanti imboscate.

KILLHOUSE

Killhouse, l'ultima delle quattro nuove mappe, è infine un contesto di piccole dimensioni appositamente studiato per scontri di poche unità e per il gioco multiplayer in split-screen: all'interno di un capannone abbandonato, il level-design riprende gli stilemi classici dei percorsi di addestramento, nei quali si alternano ostacoli da superare e ripari da cui fare fuoco. Da non tralasciare la possibilità di fuoco offerta dal rialzo centrale della mappa, oltre alla presenza di una copertura a vetro, facilmente perforabile da eventuali attacchi aerei chiamati a supporto.

Notizie più che positive, dunque, dalla prova sul campo delle nuove quattro mappe, parse indubbiamente ben studiate a livello morfologico e adatte a diversi tipi di approccio: un pacchetto che, già da ora, dimostra di avere tutte le carte in regola per soddisfare gli esigenti palati di una community incredibilmente estesa quale è quella dello sparatutto di Infinity Ward.
Di seguito, nella pagina successiva dell'articolo, riportiamo infine l'intervista condotta, durante il medesimo evento londinese, a Robert Bowling, Community Manager di Infinity Ward, e a Mark Rubin, Producer di Call of Duty 4: Modern Warfare.