Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€64,99
Data di uscita
10/11/2009

Call of Duty: Modern Warfare 2

Call of Duty: Modern Warfare 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Infinity Ward
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Activision Blizzard Italia
Data di uscita
10/11/2009
Data di uscita americana
10/11/2009
Data di uscita giapponese
10/11/2009
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
18
Prezzo
€64,99
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Call of Duty: Modern Warfare 2 è disponibile per XBox 360, PlayStation 3 e PC. I requisiti minimi per PC sono Windows XP o Windows Vista, Intel Pentium 4 3.2 GHz o AMD Athlon 64 3200+, 1 GB RAM, 256 MB NVIDIA GeForce 6600GT o ATI Radeon 1600XT, 12GB di spazio libero sul disco rigido, connessione a banda larga per le partite multiplayer e per l'attivazione del gioco. Per ospitare le partite Co-op/Multiplayer è consigliato un processore 2Ghz dual-core.

Multiplayer

Modern Warfare 2 presenta una modalità cooperativa online e in locale chiamata Special Ops. Ovviamente è anche presente una modalità competitiva.

Link

Recensione

Fiato alle armi

Un seguito che presenta un sensazione di familiarità.

di Alessandro De Luca, pubblicato il

Per gli sviluppatori non deve essere mai facile creare il seguito di un gioco di successo del calibro di Call of Duty 4: Modern Warfare, combattuti tra il desiderio di offrire novità che valgano il prezzo d'acquisto e la necessità di non intaccare un meccanismo che funziona con il rischio di alienare i propri fan. Per la campagna in singolo, Infinity Ward sembra aver deciso di andare sul sicuro e di ricalcare pedissequamente la struttura del titolo precedente, puntando tutto sulla spettacolarità della messa in scena (perché di questo si deve parlare in questo caso) e della tensione dei combattimenti.

Non ci siamo già visti?

Fin dai primi istanti di gioco, il giocatore di Call of Duty 4 si troverà perfettamente a proprio agio in Modern Warfare 2, a partire dall'aspetto estetico che presenta una versione leggermente riveduta e corretta del motore che muoveva l'episodio precedente. Le differenze più evidenti sono una gestione migliore degli effetti di luce e ombra, che in alcuni momenti regala scorci davvero mozzafiato, un uso maggiore delle rifrazioni su tutte le superfici e una palette di colori più viva e variegata. Il mondo di Call of Duty: Modern Warfare 2 è più vivace e dinamico, grazie anche a un'ambientazione che, anche se siamo ancora ben lontani dall'interattività totale, reagisce ai nostri proiettili con esplosioni, scintille e quant'altro.
Anche le meccaniche e i controlli di gioco sono rimasti invariati e ci si mette un attimo a prendere confidenza con le armi. Una delle poche novità della campagna riguarda la tanto detestata rinascita perpetua dei nemici e finalmente Infinity Ward ha deciso di dare ascolto, anche se solo in parte, alle lamentele dei giocatori, implementando un numero limitato di nemici. Anche se questo non elimina del tutto le fastidiose situazioni in cui i nostri compagni non avanzano perché c'è ancora un nemico nascosto da qualche parte, oppure l'apparizione improvvisa di un terrorista alle nostre spalle, la sensazione di avere un numero infinito di soldati contro cui combattere è finalmente, e parzialmente, sparita.

Una sfida per tutti

Anche l'estensione delle vicende ricalca quanto visto in precedenza, visto che la campagna per giocatore singolo dura tra le sei e le dieci ore, a seconda del livello di difficoltà scelto. Anche se è evidente la cura che è stata riposta nel bilanciamento generale del gioco, il livello di sfida è talvolta altalenante: ci sono momenti con picchi di difficoltà improvvisi e inaspettati, preceduti e seguiti da fasi decisamente più abbordabili. Anche se molti storceranno il naso di fronte a quella che sembra una durata piuttosto limitata, in questo caso è sembrata adeguata e non tira troppo per le lunghe la storia, soprattutto se consideriamo che si tratta pur sempre di uno sparatutto in prima persona e non di un gioco di ruolo.

Operazioni speciali

La già nominata modalità Special Ops è sicuramente una delle novità più grosse e gradite di Call of Duty: Modern Warfare 2. Da soli o in compagnia di un altro giocatore, dovremo portare a termine gli obiettivi di ogni missione, al termine della quale riceveremo una valutazione in stelle in base alla difficoltà scelta: una missione completata a livello normale frutterà una sola stella, mentre cimentarsi a livello Veterano varrà ben tre stelle. Ovviamente l'obiettivo è collezionare tre stelle in tutte le missioni, ma sarà più facile a dirsi che a farsi; la difficoltà di alcune missioni è davvero notevole ed è di importanza assoluta coordinarsi attraverso la chat vocale con il proprio compagno. Durante le missioni di difesa e di assalto potremo raccogliere svariate armi con le quali affrontare i nemici, mentre in altre, come quelle da cecchini, tale possibilità non sarà contemplata. Alcune missioni si limitano a riproporci tali e quali alcune fasi tratte dalla compagna in singolo, con l'ovvio obiettivo di migliorare il proprio punteggio o il tempo di completamento, in altre invece lo spunto in comune è solo l'ambientazione, con obiettivi, armi e nemici esclusivi per questa modalità.


Commenti

  1. utente_deiscritto_8705

     
    #1
    Ottima rece, al momento mi sembra di condividere ogni aspetto, almeno quelli che ho provato. Giusto per curiosità mi sembra, ma nonsono sicuro, che gli eventi si svolgano 5 anni dopo il primo MW, mi pare lo dica nella presentazione. Forse avrei bacchettato un po' di più la longevita scarsina.
  2. start

     
    #2
    Si conoscono i requisiti consigliati per la versione pc?
  3. fogman

     
    #3
    Anche COD4, se lo giocavi a livello normale, durava ben poco. Infatti l'avevo giocato, finito e recensito a Veterano.
  4. Taxi_Driver

     
    #4
    scusate...meglio questo o dragon rising? Sono indeciso. :-\
    ho giocato al 4...mi e' piaciuto anche se la sensazione e' stata quella di giocare dentro un film. Forse dovrei optare per dragon rising....
  5. utente_deiscritto_8705

     
    #5
    Taxi_Driver ha scritto:
    scusate...meglio questo o dragon rising? Sono indeciso. :-\
    ho giocato al 4...mi e' piaciuto anche se la sensazione e' stata quella di giocare dentro un film. Forse dovrei optare per dragon rising....
      Questo te la darà anche di più. Fog sulla durata il discorso vale anche per COD 4 che durava poco. Personalmente se il gioco rimane così coinvolgente per tutta la durata mi andrà bene lo stesso, poi con le special ops hanno di fatto allungato la longevità del single player. Però se continuano così il prossimo si fermerà al tutorial :D
  6. Da Hammer

     
    #6
    Sarà che io col pad sono scarso, ma non l'ho trovato facilissimo e nemmeno così breve. Più che altro, ci sono dei punti di una difficoltà assurda e inaspettata.
  7. Meno D Zero

     
    #7
    Da Hammer ha scritto:
    Sarà che io col pad sono scarso, ma non l'ho trovato facilissimo e nemmeno così breve. Più che altro, ci sono dei punti di una difficoltà assurda e inaspettata.
     uno è sicuramente è il livello ambientano nel le favelas, a livello veterano ho sudato un pochino per farlo.
    c'è da dire che però finalmente le granate non piovono più come in passato e i nemici una volta morti sono morti.
    niente più casi del tipo "ho ucciso 34 volte lo stesso soldato che stava alla finestra"
  8. utente_deiscritto_8705

     
    #8
    Meno D Zero ha scritto:
    uno è sicuramente è il livello ambientano nel le favelas, a livello veterano ho sudato un pochino per farlo.
    c'è da dire che però finalmente le granate non piovono più come in passato e i nemici una volta morti sono morti.
    niente più casi del tipo "ho ucciso 34 volte lo stesso soldato che stava alla finestra"
     Vero, per questo mi ha dato l'idea di essere più facile. Il pezzo delle favelas però non l'ho trovato così difficile. Tra l'altro ho notato che l'IA è notevolmente migliorata. Ora i nemici non sanno sempre dove sei, si possono aggirare e tutto sembra più realistico. Poi per fortuna hanno tolto la pioggia di granate che su COD5 aveva raggiunto picchi a tratti ridicoli.
  9. defender

     
    #9
    Viewtiful Joe™ ha scritto:
    Questo te la darà anche di più. Fog sulla durata il discorso vale anche per COD 4 che durava poco. Personalmente se il gioco rimane così coinvolgente per tutta la durata mi andrà bene lo stesso, poi con le special ops hanno di fatto allungato la longevità del single player. Però se continuano così il prossimo si fermerà al tutorial :D


    hahahahah quoto.
    Pero' ragazzi che esperienza. Ci sono stati alcuni punti in cui nascondevo il mio alter ego per "paura". :D
    .
    Adesso non lo sto giocando a veterano ma appeno lo finisco lo voglio rifare a veterano e voglio provare a fare il soldato "vero".. ovvero cercare di non morire mai...
    sara' dura ma credo che come longevita' ne guadagnera' a pacchi.
  10. fashion

     
    #10
    Ottima rece complimenti, concordo su tutto.
    La storia in single è effettivamente un pò buttata li, spesso non capisco perchè sto combattendo in quel posto e via dicendo, quella del 4 mi sembrava meglio implementata e spiegata.
    Cmq confermo che il livello di difficoltà è diminuito rispetto al 4, al momento a veterano l'unico punto un pò tosto sono le favelas, capita di morire, ma il numero di imprecazioni è decisamente diminuito.
    Probabilmente è più equilibrato e giusto questo livello, in cod4 c'erano dei punti realmente inverosimili a causa del numero di nemici che si moltiplicava dal nulla.
    Grande gioco cmq.
Continua sul forum (125)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!