Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€64,99
Data di uscita
10/11/2009

Call of Duty: Modern Warfare 2

Call of Duty: Modern Warfare 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Infinity Ward
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Activision Blizzard Italia
Data di uscita
10/11/2009
Data di uscita americana
10/11/2009
Data di uscita giapponese
10/11/2009
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
18
Prezzo
€64,99
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Lati Positivi

  • Ottima atmosfera
  • Sembra davvero di essere i protagonisti di un film
  • Meccanismi di gioco solidi e collaudati

Lati Negativi

  • Sa un po' di già visto
  • Mancanza di novità sostanziali nella campagna
  • Sceneggiatura un po' confusa

Hardware

Call of Duty: Modern Warfare 2 è disponibile per XBox 360, PlayStation 3 e PC. I requisiti minimi per PC sono Windows XP o Windows Vista, Intel Pentium 4 3.2 GHz o AMD Athlon 64 3200+, 1 GB RAM, 256 MB NVIDIA GeForce 6600GT o ATI Radeon 1600XT, 12GB di spazio libero sul disco rigido, connessione a banda larga per le partite multiplayer e per l'attivazione del gioco. Per ospitare le partite Co-op/Multiplayer è consigliato un processore 2Ghz dual-core.

Multiplayer

Modern Warfare 2 presenta una modalità cooperativa online e in locale chiamata Special Ops. Ovviamente è anche presente una modalità competitiva.

Link

Recensione

Titoli di coda

Infinity Ward è riuscita nell'arduo compito di superarsi?

di Alessandro De Luca, pubblicato il

Da un punto di vista prettamente estetico, Modern Warfare 2 è un sottile, ma evidente miglioramento. Seppure non presenti meraviglie tecniche, l'impatto di insieme è ottimo grazie a un sapiente uso dell'illuminazione e una allargata palette di colori e una fluidità che non inciampa nemmeno nei momenti più concitati. Anche la costruzione coreografica dei livelli regala momenti davvero memorabili, con una Washington illuminata solo dalle fiamme semplicemente indimenticabile.

Buchi di sceneggiatura

Quello che ha convinto pubblico e critica della campagna di Call of Duty 4: Modern Warfare è stato il quasi perfetto matrimonio tra una produzione di impostazione cinematografica e l'interattività di un videogioco. La storia, pur senza ambire a un Nobel per la letteratura, era il giusto compromesso tra credibilità e coinvolgimento e la sceneggiatura era solida e manteneva vivo l'interesse. Altrettanto, purtroppo, non può essere detto per Call of Duty: Modern Warfare 2: la sceneggiatura dà troppe cose per scontate (in tutta franchezza, non abbiamo capito per quale motivo ci siamo trovati in montagna...) e lascia al giocatore il compito di riempire i vuoti.
Non che spingere i giocatori a pensare sia un male, anzi, ma non funziona in un gioco di questo genere dove il ritmo della narrazione è fondamentale. Anche i colpi di scena, centellinati con maestria nel primo Modern Warfare, si susseguono col risultato di diminuirne l'impatto emotivo. Vanno bene una volta, passino la seconda, ma alla terza non fanno davvero più effetto.

Più ce n'è, meglio è

Infinity Ward ha probabilmente scelto di non correre troppi rischi e per la campagna in singolo ha evitato di sconvolgere un meccanismo collaudato, così ha preso gli elementi vincenti di Call of Duty 4: Modern Warfare e li ha riproposti in abbondanza. Quindi abbiamo, per esempio, più di una sezione in cui vestiamo i panni di un cecchino e più di una sezione a bordo di un mezzo di trasporto. Anche le armi sono presenti in quantità industriale e nel corso di ogni missione ne troveremo decine e decine di tipi differenti, con il risultato di mandare completamente all'aria qualsiasi senso di progressione sotto questo punto di vista. Più di una volta, affrontando la campagna per giocatore singolo, ci siamo chiesti come fosse possibile che i soldati dello stesso reparto dell'esercito avessero tutti un'arma diversa. Seguendo questo principio, anche le esplosioni sembrano moltiplicarsi al punto di lasciare il giocatore quasi stordito.
I livelli somigliano sempre a dei tunnel virtuali senza diramazioni, ma in Call of Duty: Modern Warfare 2 l'estensione di alcune mappe è più ampia, con il risultato di offrire in minimo di esplorazione e di lasciare al giocatore la decisione su come affrontare un livello. C'è però anche da dire che spesso alcune scelte sono obbligate dalla presenza di più o meno soldati nemici in una determinata sezione del livello, quindi il sospetto che questa libertà di scelta sia solo illusoria rimane.
È negli scontri a fuoco che MW2 dà il meglio di sé, grazie a un dinamismo e una spettacolarizzazione dell'azione ai limiti della perfezione e una balistica delle armi regolata al millimetro: ogni proiettile va esattamente dove lo abbiamo indirizzato e non si avrà mai la sensazione di aver mancato un bersaglio a causa dei controlli imprecisi. Gli inseguimenti a rotta di collo per gli ambienti urbani sono esaltanti, così come lo sono le incursioni montane, mentre le fasi di esplorazione nelle zone più buie causano un vero senso di tensione, anche grazie all'ottimo doppiaggio dei personaggi di contorno.

Meglio in compagnia

La modalità cooperativa Special Ops può regalarae ore e ore di divertimento, a patto che di non rimanere infastiditi dal dover affrontare nuovamente le fasi della campagna in singolo. La presenza di un secondo giocatore umano rende il tutto molto più divertente e le missioni più avanzate offrono una varietà maggiore e un livello di sfida decisamente alto, il che obbligherà a una coordinazione continua attraverso la chat vocale, pena una morta prematura. Il ritmo delle missioni è molto vario e richiedono approcci strategici molto differenti, sarà necessario imparare a sfruttare al massimo tutto l'equipaggiamento messo a disposizione che non è messo lì solo per fare figura, ma ha un reale impatto sul gioco. La ricerca di quelle elusive tre stelle impegnerà fino a fondo anche i giocatori più esperti.
In quello che resta, al di là di tutto, un titolo dall'elevato tasso di spettacolarità, non si può dimenticare l'importantissima componente multigiocatore: purtroppo non ci è possibile giudicarla in questa sede in modo completo, stante un'esperienza di gioco ancora non sufficiente, ed è per questo che pubblicheremo in seguito un apposito approfondimento. Per quanto abbiamo potuto sperimentare, al contrario di quanto avvenuto nella campagna per giocatore singolo, Infinity Ward ha introdotto una quantità notevole di novità nel comparto multigiocatore di Call of Duty: Modern Warfare 2, proponendo idee capaci di rinnovare l'esperienza di gioco. L'abbondanza di perk, armi ed equipaggiamenti nuovi ampliano finalmente le opzioni a nostra disposizione per personalizzare i nostri soldati, evitando l'infinita serie di setup fotocopia che spesso si vedevano in Call of Duty 4: Modern Warfare. In particolare, abbiamo gradito molto la possibilità di modificare le "killstreak" per adattarle al proprio stile di gioco e alle proprie capacità e le nuove mappe, che offrono una maggiore estensione verticale e molte scorciatoie. Che sia proprio online che il nuovo gioco di Activision Blizzard sa dare il meglio di sé?

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Il nuovo lavoro di Infinity Ward è un gioco di altissima qualità, curato nei minimi dettagli e in grado di offrire momenti davvero memorabili dal punto di vista visivo, sonoro, emotivo e videoludico. È un passo ulteriore verso l'integrazione tra cinema e videogiochi d'azione, grazie ad alcune sequenze di grande impatto, impreziosite da a un uso sapiente della luce, dei colori e degli effetti di rifrazione e da una colonna sonora davvero ispirata. A parte una storia un po' confusionaria, l'unico difetto reale di Modern Warfare 2 è l'esistenza Call of Duty 4, senza il quale non potremmo che raccontare delle emozioni e delle scariche di adrenalina causateci da Modern Warfare 2, ma che non riesce a lasciarci davvero a bocca aperta perché Infinity Ward ci ha abituato fin troppo bene con il predecessore.

Commenti

  1. utente_deiscritto_8705

     
    #1
    Ottima rece, al momento mi sembra di condividere ogni aspetto, almeno quelli che ho provato. Giusto per curiosità mi sembra, ma nonsono sicuro, che gli eventi si svolgano 5 anni dopo il primo MW, mi pare lo dica nella presentazione. Forse avrei bacchettato un po' di più la longevita scarsina.
  2. start

     
    #2
    Si conoscono i requisiti consigliati per la versione pc?
  3. fogman

     
    #3
    Anche COD4, se lo giocavi a livello normale, durava ben poco. Infatti l'avevo giocato, finito e recensito a Veterano.
  4. Taxi_Driver

     
    #4
    scusate...meglio questo o dragon rising? Sono indeciso. :-\
    ho giocato al 4...mi e' piaciuto anche se la sensazione e' stata quella di giocare dentro un film. Forse dovrei optare per dragon rising....
  5. utente_deiscritto_8705

     
    #5
    Taxi_Driver ha scritto:
    scusate...meglio questo o dragon rising? Sono indeciso. :-\
    ho giocato al 4...mi e' piaciuto anche se la sensazione e' stata quella di giocare dentro un film. Forse dovrei optare per dragon rising....
      Questo te la darà anche di più. Fog sulla durata il discorso vale anche per COD 4 che durava poco. Personalmente se il gioco rimane così coinvolgente per tutta la durata mi andrà bene lo stesso, poi con le special ops hanno di fatto allungato la longevità del single player. Però se continuano così il prossimo si fermerà al tutorial :D
  6. Da Hammer

     
    #6
    Sarà che io col pad sono scarso, ma non l'ho trovato facilissimo e nemmeno così breve. Più che altro, ci sono dei punti di una difficoltà assurda e inaspettata.
  7. Meno D Zero

     
    #7
    Da Hammer ha scritto:
    Sarà che io col pad sono scarso, ma non l'ho trovato facilissimo e nemmeno così breve. Più che altro, ci sono dei punti di una difficoltà assurda e inaspettata.
     uno è sicuramente è il livello ambientano nel le favelas, a livello veterano ho sudato un pochino per farlo.
    c'è da dire che però finalmente le granate non piovono più come in passato e i nemici una volta morti sono morti.
    niente più casi del tipo "ho ucciso 34 volte lo stesso soldato che stava alla finestra"
  8. utente_deiscritto_8705

     
    #8
    Meno D Zero ha scritto:
    uno è sicuramente è il livello ambientano nel le favelas, a livello veterano ho sudato un pochino per farlo.
    c'è da dire che però finalmente le granate non piovono più come in passato e i nemici una volta morti sono morti.
    niente più casi del tipo "ho ucciso 34 volte lo stesso soldato che stava alla finestra"
     Vero, per questo mi ha dato l'idea di essere più facile. Il pezzo delle favelas però non l'ho trovato così difficile. Tra l'altro ho notato che l'IA è notevolmente migliorata. Ora i nemici non sanno sempre dove sei, si possono aggirare e tutto sembra più realistico. Poi per fortuna hanno tolto la pioggia di granate che su COD5 aveva raggiunto picchi a tratti ridicoli.
  9. defender

     
    #9
    Viewtiful Joe™ ha scritto:
    Questo te la darà anche di più. Fog sulla durata il discorso vale anche per COD 4 che durava poco. Personalmente se il gioco rimane così coinvolgente per tutta la durata mi andrà bene lo stesso, poi con le special ops hanno di fatto allungato la longevità del single player. Però se continuano così il prossimo si fermerà al tutorial :D


    hahahahah quoto.
    Pero' ragazzi che esperienza. Ci sono stati alcuni punti in cui nascondevo il mio alter ego per "paura". :D
    .
    Adesso non lo sto giocando a veterano ma appeno lo finisco lo voglio rifare a veterano e voglio provare a fare il soldato "vero".. ovvero cercare di non morire mai...
    sara' dura ma credo che come longevita' ne guadagnera' a pacchi.
  10. fashion

     
    #10
    Ottima rece complimenti, concordo su tutto.
    La storia in single è effettivamente un pò buttata li, spesso non capisco perchè sto combattendo in quel posto e via dicendo, quella del 4 mi sembrava meglio implementata e spiegata.
    Cmq confermo che il livello di difficoltà è diminuito rispetto al 4, al momento a veterano l'unico punto un pò tosto sono le favelas, capita di morire, ma il numero di imprecazioni è decisamente diminuito.
    Probabilmente è più equilibrato e giusto questo livello, in cod4 c'erano dei punti realmente inverosimili a causa del numero di nemici che si moltiplicava dal nulla.
    Grande gioco cmq.
Continua sul forum (125)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!