Genere
Avventura
Lingua
Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 40,99
Data di uscita
18/3/2010

Calling

Calling Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Konami
Sviluppatore
Hudson Soft
Genere
Avventura
PEGI
12+
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
18/3/2010
Lingua
Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 40,99
Formato Video
PAL

Hardware

Il gioco è una esclusiva per Nintendo Wii e arriverà a terrorizzare i videogiocatori nel marzo del 2010. Visto il legame peculiare tra gameplay e telefono, il Wiimote verrà utilizzato come un vero e proprio cellulare, con cui catturare fotografie e comunicare con gli spettri presenti nei dintorni.

Multiplayer

Non è prevista alcuna modalità a più giocatori.
Eyes On

La paura torna su Wii

Hudson, da bomberman all'horror paranormale giapponese.

di Jacopo Mauri, pubblicato il

Il genere “horror” non è certo nuovo in casa Wii, e sebbene l’utenza di questa console sia (almeno considerata) in gran parte costituita da giocatori “casual”, tentativi di portare paura e tensione a portata di Wiimote non sono mancati. Certo, poi, si potrebbe discutere delle vendite fatte registrare da Dead Space: Extraction o Resident Evil: The Darkside Chronicles, o anche sullo spessore di giochi quali Ju-On: Rancore, ma resta assodato che il tentativo di smuovere le acque c’è stato.

Una maledizione perenne

Proprio sulla scia di Ju-On: Rancore, è in lavorazione un altro videogioco horror del medesimo genere, chiamato Calling. Lo spunto narrativo (tutt’altro che originale) riprende quanto di più visto al cinema, intrecciandolo in maniera in parte inedita e andando a mischiare Internet e telefono cellulare in una soluzione orrorifica ancora non del tutto svelata dagli sviluppatori.
Alla base della storia troviamo “The Black Page”, ovvero un sito Internet misterioso in cui non appare nulla se non un contatore, all’apparenza di visite, ma che in effetti si occupa di indicare qualcosa di ben più inquietante: il numero di persone morte dopo aver visto la pagina stessa. Un’idea, questa del “sito web killer”, già sfruttata al cinema da Paura.com, un film inquietante più per il fatto di essere chiamato tale che non per il contenuto mostrato su schermo.
A creare poi l’intreccio tecnologico, ecco la componente “telefonica” del tutto, che a quanto pare sarà anche quella più strettamente legata alla salvezza del giocatore. Il cellulare dovrebbe infatti rivelarsi un importante aiuto nella risoluzione degli enigmi e quindi nella fuga dai luoghi infestati in cui i protagonisti del gioco si ritrovano misteriosamente dopo aver visitato la pagina web di cui sopra. Da quanto mostrato nel trailer, tuttavia, il cellulare potrebbe essere anche il punto di reazione da cui si scaturisce il “salto nel vuoto”, e fungere quindi da elemento scatenante per la maledizione esattamente come nella trilogia di The Ring, ma prendendo spunto anche da quella di The Call (nata dalla mente geniale, ma forse in momentanea crisi, di Takashi Mike) così come dal sudcoreano Phone, del 2002.

A spasso nel buio

I protagonisti della vicenda, che hanno in comune unicamente il fatto di aver visitato The Black Page, si ritrovano in una sorta di realtà parallela che, nemmeno a dirlo, è popolata dalle ombre e dai ricordi di persone defunte. Utilizzando una visuale in prima persona, il giocatore deve dunque esplorare gli ambienti in cui si “risveglia”, e che spazieranno da una casa abbandonata (simile a quella di The Grudge) a un ospedale (altra location molto usata nel cinema horror), passando anche attraverso una scuola.
Vista l’appartenenza del gioco al genere dell’avventura, quel che possiamo aspettarci è un approccio esplorativo sorretto da una grande suspance, in cui luoghi tetri e immancabilmente bui richiedono movimenti lenti e calcolati, e dove una torcia elettrica illumina cono per cono pareti, mobili, oggetti e quant’altro capiterà di incontrare. Al solito non dovrebbero mancare porte malconce da aprire, così come fessure o spiragli da cui osservare di soppiatto cosa ci attende nella stanza successiva.
Del resto, l'incontro di personaggi o “presenze” più o meno evanescenti costituisce il valore aggiunto della formula di gioco scelta, tra apparizioni improvvise che dovrebbero far balzare il giocatore sulla sedia e fisionomie inquietanti che rimandano alle ormai classiche “bambole” o a volti fanciulleschi in grado di stravolgersi completamente in un attimo.

Lottare nel buio

Da quanto trapelato, gli incontri poco graditi non dovrebbero risolversi in scontri diretti veri e propri, anche per evitare di far scivolare eccessivamente il tutto verso l’azione. Il giocatore avrà dunque la possibilità di scappare dalle entità materializzatesi, così come di sfruttare il sensore di movimento del Wiimote per scrollarsele di dosso, qualora queste dovessero essere più veloci di lui nell’agire.
Per contro, dovrebbe essere possibile attivare una qualche sorta di interazione che vada oltre la semplice fuga, e in questi casi sarà necessario intervenire sul telecomando Wii premendo i pulsanti giusti al momento giusto, e replicando con prontezza di riflessi i movimenti necessari a fronteggiare il pericolo: tenendo sotto controllo l'indicatore di paura, tutto dovrebbe risolversi per il meglio.
Il controller, dal canto suo, servirà non solo a interagire, ma anche per ricevere sospiri, mormorii e frasi degli spettri presenti nelle varie location. Usato come un vero e proprio cellulare, il Wiimote sarà pertanto utile a scattare fotografie, ricevere importanti indicazioni su come sopravvivere alla maledizione e, infine, proprio “dialogare” con le entità intrappolate in quella dimensione spettrale.
Se consideriamo insomma una base di partenza decisamente classica, a cui si assomma qualche spunto di maggiore interesse, il destino di Calling sembra ancora tutto da scrivere: la versione definitiva del gioco è prevista per il prossimo marzo, non resta dunque che attendere l’arrivo della Black Page sui nostri Wii per capire quanto realmente terrificante sia questa nuova maledizione.


Commenti

  1. dis-astranagant

     
    #1
    Ero interessato a questo titolo fino a quando ho visto un paio di trailer.

    Mamma mia, "eventi horror" telefonati, banali e da sbadiglio.

    Magari il gioco vero e proprio sa fare di meglio eh.
  2. utente_deiscritto_5167

     
    #2
    E intanto il gioco esce domani. Non so se sarà ai livelli infimi di Ju On (più che altro per le due ore di longevità, perchè l'atmosfera non era male)... Vorrei resistere, ma so già che non ci riuscirò... Qualcun'altro che si getta nel baratro sperando in un survival almeno decente?
  3. SixelAlexiS

     
    #3
    e gamespot lo premia con un 3.5 :-|
  4. utente_deiscritto_5167

     
    #4
    No... Devo resistere stavolta. Altro che Ulisse legato al palo...
  5. utente_deiscritto_5167

     
    #5
    Giocato un paio d'ore e mezzo e devo dire che il 3,5 di game spot è ASSOLUTAMENTE fuori luogo. Ma proprio assolutamente.

    Il titolo è un survival classicissimo, telefonato (in tutti i sensi, visto che si usa il Wiimote come cellulare), fin troppo simile a The Ring e soci, eppure ha una discreta atmosfera, dei buoni controlli e riesce ad intrattenere piacevolmente i fan del genere. Ancora da approfondire, ma 3,5. Per favore.
  6. Soldier Blue

     
    #6
    Meglio così, purtroppo (o perfortuna chissà) anchio sono un malato all ultimo stadio di titoli horror e mi sono giocato la peggio spazzatura videoludica; Calling di certo non potevo esimermi dal provarlo, quindi che nn sia proprio atroce mi solleva.
  7. utente_deiscritto_5167

     
    #7
    Soldier Blue ha scritto:
    Meglio così, purtroppo (o perfortuna chissà) anchio sono un malato all ultimo stadio di titoli horror e mi sono giocato la peggio spazzatura videoludica; Calling di certo non potevo esimermi dal provarlo, quindi che nn sia proprio atroce mi solleva.
      Mai come me. Credimi... :D

    O forse sì... Presi tutti i survival PSX\Dreamcast\Ps2\wii? Io credo di non averne saltato NESSUNO. E non è un vanto.
  8. Soldier Blue

     
    #8
    Shin X ha scritto:
    Mai come me. Credimi... :D
    O forse sì... Presi tutti i survival PSX\Dreamcast\Ps2\wii? Io credo di non averne saltato NESSUNO. E non è un vanto.
       Ah ti credo, ti credo, non posto molto, ma leggo spesso e so bene quanto ti piaccia il genere...però credimi penso sia una bella sfida, perchè nel tuo elenco hai mancato i portatili e il pc; qualcosina l ho giocata anche per queste piattaforme (ma sicuramente anche tu ed il tuo non annoverarle nella lista era solo distrazione). :D 
    Per quanto riguarda il vanto (!?) di non averne saltato nessuno forse posso ambire anchio a conquistarlo, però per certo, non posso ottenere quello di averli effettivamente finiti tutti...no quello no, da quando non portai a termine Illbleed per DC porto quest onta nella mia carriera.
  9. utente_deiscritto_5167

     
    #9
    Soldier Blue ha scritto:
    Ah ti credo, ti credo, non posto molto, ma leggo spesso e so bene quanto ti piaccia il genere...però credimi penso sia una bella sfida, perchè nel tuo elenco hai mancato i portatili e il pc; qualcosina l ho giocata anche per queste piattaforme (ma sicuramente anche tu ed il tuo non annoverarle nella lista era solo distrazione). :D 
    Per quanto riguarda il vanto (!?) di non averne saltato nessuno forse posso ambire anchio a conquistarlo, però per certo, non posso ottenere quello di averli effettivamente finiti tutti...no quello no, da quando non portai a termine Illbleed per DC porto quest onta nella mia carriera.
     Per i portatili ho delle chicche jap mica da ridere. Su PC gioco cpochissimo, ma ho qualche gioiellino (Pathologic e The Path sono i primi che mi vengono in mente). 
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!