Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Chaintech FX5700 Ultra Apogee

Aggiungi alla collezione

Lati Positivi

  • Molto overclockabile
  • Buone prestazioni
  • Ottimamente raffreddata

Lati Negativi

  • Schede grafiche di fascia superiore stanno velocemente scendendo di prezzo

Hardware

La GeForce FX 5700 Ultra di Chaintech è stata provata su un Pentium 4 da 2,2 GHz con 512 MB di memoria RAM DDR PC2100 montati su scheda madre Intel i845D. L'hard disk utilizzato per la prova è stato un IBM DTLA da 30 GB, come sistema operativo si è naturalmente adottato Windows XP PRO, mentre i driver utilizzati sono stati i ForceWare 53.03 nVidia.
Recensione

Chaintech FX5700 Ultra Apogee

Chaintech si fa intraprendente anche nel mercato delle schede grafiche e dà nuovo slancio alla sua linea di prodotti video introducendo un nuovo modello basato sull'ultimo chip grafico di casa nVidia per la fascia media, il GeForce FX 5700 Ultra, corredato, come ormai la casa taiwanese ci ha abituato, da un interessante bundle. Andiamo a vedere la scheda nel dettaglio.

di Antonino Tumeo, pubblicato il

Con la rotazione di test più classica, quella basata sui titoli OpenGL, si evidenzia ancora una il grande supporto offerto dai prodotti nVidia per quest'API. Serious Sam: The Second Encounter si trova perfettamente a proprio agio, e Return To Castle Wolfenstein, Wolfenstein Enemy Territory ottengono risultati in grado di superare la diretta concorrente, cioè la Radeon 9600 XT. Come sempre i motori evoluzione diretta di quello di Quake III Arena di id Software si trovano molto bene sulle GeForce e nenche Call of Duty fa eccezione.
Sorprendono piacevolmente anche i risultati con Direct3D. I test sintetici, ed in particolare 3D Mark 03, che notoriamente non vede di buon occhio le schede GeForce FX (con tutte le polemiche relative), riescono a spuntare dei risultati molto buoni per una scheda destinata alla fascia media, e ancora una volta competono con i risultati delle 9600 XT. Anche AquaMark3 si assesta su buoni livelli e 3D Mark 2001 SE come al solito si trova molto bene su hardware nVidia.
Particolarmente interessanti sono i risultati della notevole serie di test condotti con Unreal Tournament 2003: l'ampio confronto dimostra come le modalità di AntiAliasing 2X, 2X QuincunX e tutto sommato anche 4X possano risultare in molte situazioni attivabili. Lo stesso dicasi per i vari livelli di Anisotropic Filtering (che, per inciso, speriamo sinceramente nVidia cominci a denominare nei suoi driver con la traduzione corretta di filtraggio anisotropo e non più anisotropico, italianizzazione onestamente da brividi...), che nelle tante combinazioni possibili alle diverse qualità di rendering (prestazioni elevate, prestazioni normali e qualità), consentono di trovare impostazioni accettabili per poter avere una buona qualità, ma non perdere eccessivamente in prestazioni anche su una scheda di fascia media come questa e dunque evidentemente con qualche limite se spinta a risoluzioni elevate.
Di sicuro interesse sono anche i numeri forniti dal rolling demo di X2: The Threath, gioco basato su DirectX 8.1 (ma con un numero relativamente esiguo di shader) e dal pesantissimo Halo, dove invece gli shader sono nettamente più numerosi e anche in versione 2.0.
Vogliamo anche soffermarci un poco sui numeri forniti da Splinter Cell: il gioco Ubisoft presenta un supporto specifico con maggiori effetti per le schede grafiche basate su chipset nVidia grazie al fatto di essere stato sviluppato su Xbox, e prestazionalmente il gioco non sembra risentirne. E la GeForce FX 5700 Ultra di Chaintech risulta indubbiamente una buona soluzione per giocare a questo titolo.
Buoni anche i numeri di Comanche 4, mentre i test più specifici sul supporto per Pixel Shader 2.0 meritano un maggiore approfondimento. ShaderMark 2.0 mostra, infatti, come le prestazioni in questa modalità della scheda Chaintech basata sulla nuova GPU nVidia siano decisamente superiori rispetto alle vecchie GeForce FX 5600, ma continuino però a perdere qualcosa nei confronti delle soluzioni basate su Radeon. Impressione che pure i numeri specifici di 3D Mark 03 confermano.
Di particolare interesse sono i risultati delle prove di overclock. Grazie ai CoolBits, è possibile far scegliere ai driver nVidia frequenze di overclock "affidabili", e per la scheda Chaintech risultano particolarmente alte: siamo nell'ordine dei 550 MHz per il core, e oltre 1,1 GHz per la memoria. La convinzione che la scheda sia una ottima soluzione per essere overclockata è confermata da Chaintech stessa, che include un completo tool di gestione fatto in casa. Del resto, il fatto che i nuovi chip NV38 e NV36 possano sostenere frequenze più alte rispetto a quelle "di base" sono confermate dal fatto che la stessa nVidia sta pensando di introdurre con la prossima release dei ForceWare un sistema di overclock dinamico molto simile all'OverDrive di ATi...

CONCLUDENDO

Colpisce positivamente la scheda Chaintech. E' abbastanza evidente che la società taiwanese voglia fare di questo prodotto una specie di vessillo, o comunque una sorta di testa di ponte per sondare l'interesse del mercato per soluzioni che oltre alla mera scheda possano anche offrire un po' di valore aggiunto, pur rimanendo una soluzione non di fascia estrema e appetibile a molti. E', quello della dotazione, un aspetto certamente da non sottovalutare, del quale persino i produttori stessi di chip grafici sembrano aver capito l'importanza: basti vedere il grande impegno per driver che offrano caratteristiche sempre più evolute (funzioni di autorecovery, gestione multi display, overclocking dinamico), per le ricche suite multimediali e la stipulazione di contratti per offrire certi titoli come bundle per tutte le schede basate su una certa GPU. Chaintech ha indubbiamente accumulato una certa esperienza in questo campo con le schede madri della linea Zenith, e si prepara a riversarla anche sulle schede grafiche. Il risultato con la FX5700 Ultra Apogee è piuttosto interessante: non siamo a livelli di "sovrabbondanza" visti con le schede madri Zenith, ma c'è il titolo di richiamo (Commandos 3), c'è una buona ricchezza di software per il video, ci sono le utility fatte in casa e "mirate" specificamente all'hardware. Ma in questo caso, un valore aggiunto è anche la qualità complessiva della scheda: molto ben fatto, di "peso" potremmo dire, ed efficiente è il sistema di raffreddamento, e di alto profilo è la costruzione della scheda, che di fatti consente ottimi margini di overclock. Insomma, grazie alle prestazioni di un chip grafico in grado di ben comparire nella fascia media e rivaleggiare a pieni ranghi con le Radeon 9600 XT, possiamo sicuramente affermare che la nuova scheda grafica Chaintech merita di essere considerata attentamente da coloro che cerchino una soluzione dalle buone prestazioni, ma anche dai costi contenuti e che offra quel "qualcosa" di più rispetto a prodotti più nella "norma".

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
La GeForce FX 5700 Ultra Apogee è senza dubbio un bel modo per Chaintech di far conoscere il suo nome anche nell'ambito delle schede grafiche. Il GeForce FX 5700 Ultra è certamente un chip grafico in grado, a differenza del predecessore, il GeForce FX 5600, di competere a pieno titolo con il Radeon 9600 XT di ATi nella fascia media del mercato e di avere certamente un po' più di spunto con i Pixel Shader 2.0 rispetto alle soluzioni derivate dal vecchio NV30. Se "ben condito" da una scheda ben progettata e con un sistema di raffreddamento curato, può dare certamente buone soddisfazioni, sia con i titoli attuali, che con quelli prossimi venturi. A ciò si aggiunge poi la presenza, nel pacchetto di Chaintech, di alcune chicche come Commandos 3: Destination Berlin in versione completa e la versione multicanale di WinDVD 4 che rendono l'offerta più appetibile. Paradossalmente, ciò che può in questi mesi cominciare a minare l'appetibilità delle schede della fascia media, sono le apparizioni di versioni a clock ridotto, ma architetturalmente identiche, delle schede di fascia alta (per quanto riguarda nVidia, con le GeForce FX 5900 XT), o le nette diminuzioni di prezzo delle precedenti schede di punta (per quanto riguarda ATi, con la 9800 PRO), in grado di offrire velocità maggiori a prezzi poco superiori. Tutto sommato, comunque, rimane il fatto che per dotazione e qualità la nuova scheda di fascia media Chaintech riesce a mettersi in buona evidenza.