Genere
ND
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 59,99
Data di uscita
13/6/2008

Sid Meier's Civilization Revolution

Sid Meier's Civilization Revolution Aggiungi alla collezione

Datasheet

PEGI
12+
Data di uscita
13/6/2008
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
4
Prezzo
€ 59,99
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Sid Meier's Civilization Revolution è in sviluppo su Xbox 360 (versione cui si riferisce questo hands on), PlayStation 3 e su Nintendo DS, con le debite differenze tecniche in quest'ultimo caso rispetto all'edizione ad alta definizione descritta nell'articolo. È stata cancellata di recente la versione per Nintendo Wii.

Multiplayer

Sid Meier's Civilization Revolution contempla un esteso fronte multigiocatore online con modalità fruibili da quattro partecipanti e un grande supporto che seguirà il gioco dopo il suo debutto. È prevista per esempio la distribuzione online di una nuova mappa di gioco ogni settimana e in generale ci saranno nuovi contenuti scaricabili disponibili in esclusiva per chi giocherà online. È supportata la chat vocale e la videochat durante le partite sulla Grande Rete. Su Xbox 360 sono previsti gli Achievement.

Link

Hands On

Sorpresa: la "rivoluzione" funziona!

Nozze gioiose fra le civiltà di Sid Meier e il joypad di una console...

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Tutto ciò è anche un esempio di utilizzo intelligente delle possibilità tecnologiche offerte dalle console ad alta definizione; certo, non vengono spremute a fondo da Civilization Revolution - non è lo scopo di un gioco come questo – ma il titolo in questione è comunque capace di togliersi qualche sfizio anche sul versante tecnico come dimostrano la nebbia di guerra magistralmente realizzata con tecniche volumetriche o il rendering e l'animazione dell'acqua, ben fatto, o l'uso della profondità di campo all'apparire dei leader. Per il resto domina la scena uno stile super-defomed, dove le singole unità e costruzioni paiono come la caricatura (senza accezione negativa al termine) in grande, ben disegnata e animata, delle classiche unità da gioco di strategia

UN'ESPERIENZA STRATEGICA COMPLETA

Tutto inizia da un piccolo plotone di soldati sotto al nostro controllo: si conquista il primo villaggio, si fonda la prima città, si determinano gli sviluppi tecnologici, culturali e militari che si intendono portare avanti e di li si parte per l'ascesa verso il dominio assoluto sulle altre civiltà e attraverso le epoche. L'esplorazione gioca un ruolo assai importante in Civilization Revolution, dato che la mappa è totalmente avvolta dalla classica "nebbia di guerra" che va diradata progressivamente procedendo con le nostre unità sia per terra, sia per mare (utilizzando navi o chiatte). Parlando di unità è interessante notare come esse, oltre a evolversi lungo le ere, possano crescere di esperienza (uscendo vincitrici dai combattimenti, per esempio) e specializzarsi. Raggruppando tre diverse unità militari sul medesimo territorio (la mappa è tutta divisa in stile Risiko) si può inoltre formare un'armata, forza che ha la caratteristica di ereditare per tutti suoi soldati le peculiarità delle unità componenti: in altre parole è il classico caso in cui la somma delle parti risulta più forte dei singoli addendi.
Il contesto proposto da Sid Meier's Civilization Revolution è decisamente allegro, ironico e certamente lontano dal rigore storico di una simulazione: personaggi chiave come Napoleone o Ghengis Khan sono più che altro delle "icone", ben caratterizzate e diversificate fra loro, come detto poc'anzi, ma non aspettatevi scegliendo l'uno o l'altro di ripercorrerne con dovizia di particolari le gesta, quanto piuttosto solo dei momenti chiave della loro esistenza e anzi, ben più spesso, vi ritroverete a mettere in campo incontri e scontri decisamente impossibili nella realtà, come ad esempio un trattato di pace fra la civilità indiana guidata da Ghandi e quella egizia di Cleopatra! Sotto i nostri polpastrelli, a portata di joypad, ci sono poi tutte le opzioni tipiche di un gioco di strategia, come la soluzione di conflitti per via diplomatica, l'invio di spie e altre cose in puro stile Civilization come la possibilità di raggiungere la vittoria finale anche in termini non violenti attraverso la supremazia in campo intellettuale e tecnologico. Nel mezzo molte chicche, come ad esempio le otto meraviglie del mondo da edificare o luoghi segreti come la misteriosa Atlantide da scoprire e tanto tanto altro ancora: particolarmente ricco appare il versante multiplayer online con modalità di sfida ad hoc per quattro giocatori impreziosite da chat vocale e videochat, cui si affiancano iniziative di supporto come la "mappa della settimana" e più in generale contenuti scaricabili per arricchire ed espandere l'esperienza di gioco. Al momento in cui scriviamo queste caratteristiche appaiono sicuramente presenti su Xbox 360 (e quindi Xbox Live): auspicabilmente lo saranno anche su PS3 / PlayStation Network, ma per ora non ne abbiamo specifica conferma.

PREMESSE PROMOSSE

Ci siamo staccati malvolentieri da questo "codice preview" di Sid Meier's Civilization Revolution ed è rimasta in noi l'impressione preliminare decisamente positiva di un gioco accattivante, capace di farsi amare. Ovviamente c'è ancora tempo di qui all'uscita e aspetti cruciali come il bilanciamento della difficoltà, la longevità e la tenuta / divertimento sul lungo termine sono ancora tutti da verificare: ma senza dubbio ci sono tutte le premesse per fare molto bene e per sdoganare ulteriormente il genere strategico su console e attraverso una via "occidentale" che appare tra l'altro assai accessibile e quindi aperta alla platea più vasta.