Genere
Guida
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 59,99
Data di uscita
11/9/2009

Colin McRae: DiRT 2

Colin McRae: DiRT 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Codemasters
Sviluppatore
Codemasters
Genere
Guida
PEGI
12+
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
11/9/2009
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
8
Prezzo
€ 59,99
Formato Video
HDTV

Hardware

Per giocare a Colin McRae: DiRT 2 nella versione PS3 da noi recensita è richiesta una console PlayStation 3 e un controller compatibile, oltre a quattro GB di spazio libero su disco fisso per l'installazione. Lo stesso videogioco è disponibile con i medesimi contenuti su Xbox 360 e arriverà a fine anno su PC con alcuni miglioramenti tecnici.

Multiplayer

Un massimo di otto giocatori può prendere parte alle sfide online gareggiando nelle competizioni classificate o libere. Sono anche presenti appositi tornei per il gioco online e graduatorie differenziate per le molte categorie in cui si può correre.

Link

Recensione

Un decennio di derapate

Codemasters torna nel fango, ma è ancora rally?

di Alessandro Martini, pubblicato il

Oltre dieci anni fa arrivava nei negozi quello che sarebbe diventato prima il gioco e poi la serie più rappresentativa del genere rallystico nei videogame, grazie alla capacità di unire perfettamente simulazione e arcade in un mix irresistibile. La dicitura "rally" che affiancava il titolo originale ci ha lasciati ormai da tempo, come a significare che in casa Codemasters si voglia allargare il proprio target, sopratutto per venire incontro ai gusti del pubblico USA (poco interessato al rally classico). Se potessimo applicare un altro sottotitolo a DiRT 2, sarebbe certamente "Festival" e continuando a leggere capirete il perché...

tu porta le birre che io penso alla macchina

Ripescando parte della struttura vista nel primo episodio, questa edizione spinge l'acceleratore sugli eventi "fuori calendario" del mondo delle corse, basati sull'unione tra diverse discipline, personaggi famosi e piloti professionisti.
La Carriera è infatti strutturata come una serie di eventi separati tra loro e posizionati ai quattro angoli del globo, con l'unico elemento in comune rappresentato dalle corse off-road. Attraverso un'interfaccia 3D in prima persona molto "trendy" ci muoviamo dalla nostra roulotte allo spiazzo vicino per effettuare tutte le scelte importanti a livello di vetture, competizioni da scegliere e verifica dei risultati, senza dimenticare la possibilità sempre disponibile (se siamo connessi a Internet) di avviare una sezione multiplayer online.
Il carattere "festivo" del gioco emerge dalla grafica vivace e animata in stile MTV, dalle musiche rock presenti sin dai menu, arrivando ai continui commenti audio (in italiano ma con pochissimi doppiatori) degli altri piloti, presentatori o deejay che dir si voglia.
Già dopo pochi minuti il primo nome che torna alla mente è quello di MotorStorm e sembra quasi che DiRT 2 sia una risposta a Evolution Studios per dimostrare "chi comanda" nei giochi di guida arcade basati su fuoristrada. Le similitudini arrivano addirittura ai biglietti che rappresentano le varie gare, ma è l'atmosfera in stile festival e "alternativa" ad avvicinare le due produzioni. Va anche ricordato il precedente GRID, che usava lo stesso motore grafico e da cui tornano alcuni elementi, come la disponibilità dei Flashback (in numero variabile in base alla difficoltà) per riavvolgere parte della gara dopo l'ultimo errore.

al chiuso o all'aperto, domina la sportellata

L'addio a una struttura "seria" o perlomeno vicina alle competizioni professionali si ritrova nelle molte tipologie di gara che affrontiamo, in cui raramente c'è il rally classico, in favore di contaminazioni più moderne e spensierate.
Provando la demo potete farvi un'idea degli eventi Battistrada (corse punto a punto su sterrato) e delle corse tra camion in arene chiuse, ma questi sono solo due gocce in un mare enorme. Infatti, il gioco completo offre gare a eliminazione (l'ultimo a ogni giro viene espulso), tornei a squadre in cui va scelto un compagno tra i piloti già battuti, testa a testa su singolo giro o ancora tappe "a bersaglio" in cui dobbiamo abbattere il maggior numero di cartelli posizionati in mezzo alla pista.
Ci sono altre varianti ma il punto è uno solo: gli sviluppatori, non a caso lo stesso team creativo dello sfortunato Sega Rally, si sono impegnati al massimo per offrire una buona varietà e una grande immediatezza "da sala giochi" senza preoccuparsi di restare troppo vicini alle competizioni reali. Tale scelta verrà apprezzata sicuramente dal grande pubblico, ma è bene che i fan di lunga data facciano attenzione: della serie originale non c'è più alcuna traccia.


Commenti

  1. SixelAlexiS

     
    #1
    "Rally sparito quasi del tutto"


    mi basta questo, GRID mi fa altamente ca**re, quindi...



    Rivoglio Colin McRae Rally...
  2. utente_deiscritto_8705

     
    #2
    Io non sono appassionato di Rally e si simulazioni, quindi se si avvicina a Motorstorm non può che farmi piacere. Provando la demo, e come ès tato fatto notare nella rece, proprio non riesco a digerire il fatto che le auto sembrano prive di peso. Avevo intenzione di prenderlo al D1 ma credo di passare.
  3. RikuX7

     
    #3
    è un peccato,perchè amavo la serie colin mcrae per questo.:(
    Il rally la vedevo come una parte troppo importante,non digerivo le gare coi "buggy", o cmq su circuito fisso.
    Quindi rispolvero il mio vecchio DIRT, e vado alla grande così!

    Se è effettivamente così non merita i miei soldi al day 1 quindi,arrivederci tra 6 mesi.
  4. Jegriva

     
    #4
    Morto McRae + morto Mondiale Rally = morto Colin McRae Rally.
  5. manu.elf

     
    #5
    Concordo con SixelAlexiS, poichè GRID è splendido da guardare ma una ciofeca da giocare, lo stesso per me vale per sto Colin...
  6. Paulo

     
    #6
    volevo sapere se la versione provata (ps3) soffre di tearing o solo di qualche piccolo rallentamento.
  7. cdkid25

     
    #7
    VERGOGNA!CI AVETE ROVINATO UNA PIETRA MILIARE DEI VIDEOGIOCHI!!!PER NOI APPASSIONATI DEL RALLY PURO COSA E' RIMASTO????????????ERA L'UNICO GIOCO CHE CI OFFRIVA UNA SIMULAZIONE DEL NOSTRO SPORT PREFERITO....GIOCARE NELLE ARENE...BUGGY.....OVALI?????CODEMASTER HAI TOPPATO. RIVOGLIO COLIN MCRAE 2005 !
  8. matly

     
    #8
    cdkid25 ha scritto:
    VERGOGNA!CI AVETE ROVINATO UNA PIETRA MILIARE DEI VIDEOGIOCHI!!!PER NOI APPASSIONATI DEL RALLY PURO COSA E' RIMASTO????????????ERA L'UNICO GIOCO CHE CI OFFRIVA UNA SIMULAZIONE DEL NOSTRO SPORT PREFERITO....GIOCARE NELLE ARENE...BUGGY.....OVALI?????CODEMASTER HAI TOPPATO. RIVOGLIO COLIN MCRAE 2005 !
      non urlare dai ;)
    in ogni caso la pervicacia con cui Codemaster ha snaturato i suoi 2 fiori all'occhiello (oddio,vista la fine che ha fatto micromachines dopo lo splendido V3 dire che son pure 3 i fiori all'occhiello) in ambito racing,per trasformarli in fritti misti senza mordente beh ,è davvero degna di nota
    capisco che Colin Mc Rae non ha mai avuto una vera licenza per il mondiale rally e che TOCA non aveva tutte le licenze per i vari campionati turismo,ma si poteva,anzi si doveva,seguire una direzione diversa,così hanno distrutto tutto quello che di buono avevano creato in passato..
    peccato,anzi,peggio per loro,ma la mancanza di un vero gioco di rally è davvero pesante anche per me
  9. bibbi 76

     
    #9
    Piccolo OT: ma gli Evolution Studios, quelli di WRC ci sono ancora? ;)
  10. matly

     
    #10
    bibbi 76 ha scritto:
    Piccolo OT: ma gli Evolution Studios, quelli di WRC ci sono ancora? ;)
     sì,son quelli di motorstorm
    WRC di buono aveva la licenza,ma come gioco imho è sempre stato sopravvalutato,gli ho sempre preferito i vari colin mc rae
Continua sul forum (84)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!