Genere
MMORPG
Lingua
Inglese
PEGI
ND
Prezzo
Gratuito
Data di uscita
ND

CrimeCraft

CrimeCraft Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Sviluppatore
Vogster Entertainment
Genere
MMORPG
Distributore Italiano
Steam
Data di uscita americana
26/8/2009
Lingua
Inglese
Prezzo
Gratuito

Hardware

Per giocare a CrimeCraft sono richiesti un processore a 1,6 GHz, 1 GB di RAM e una scheda video con almeno 256 MB di memoria tipo GeForce 7600 o Radeon X1600. Provandolo su un PC con processore Core i7 a 2,8 GHz, 6 GB di RAM e scheda video GeForce GTX 260, non abbiamo riscontrato rallentamenti di alcun tipo. Dal momento che parliamo di un MMOG, è richiesta una buona connessione a banda larga, sempre attiva. Anche se venne annunciato, in origine, per console HD, CrimeCraft è rimasto esclusivo ai PC.

Multiplayer

CrimeCraft è un gioco esclusivamente multiplayer ma non richiede di cooperare necessariamente con gli altri giocatori nello svolgimento delle varie missioni, che possono essere giocate anche da soli. Sono presenti anche varie modalità PvP in stile shooter a squadre.

Modus Operandi

Abbiamo provato i contenuti della versione gratuita per alcune ore, senza acquistare nulla con soldi veri.

Link

Speciale

Mi sono fatto da solo

L'eterna lotta per la sopravvivenza.

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Se gli shooter single-player possono mantenere un minimo di verosimiglianza grazie al fatto che hanno un inizio e una fine, i MMOG appaiono subito per quello che sono realmente, a dispetto di quanti sforzi facciano gli sviluppatori per mascherarne narrativamente la semplice impalcatura che, nel caso di CrimeCraft, è quella di uno shooter multiplayer con elementi ruolistici. Al momento sono disponibili otto modalità, che spaziano dal semplice deathmatch a squadre al controllo territoriale della mappa in stile Battlefield, passando per l'immancabile Capture the Flag e per le varie declinazioni della componente PvE che, al di là dei suddetti tentativi di camuffamento e differenziazione, richiede quasi sempre di setacciare la mappa in cerca di punti specifici in cui sostare per pochi secondi (azione a cui corrisponde un evento contestuale, per esempio la raccolta di un oggetto per terra).

Cliccando sul tasto destro, la visuale si fa più ravvicinata, per premdere meglio la mira e agire in modo più ragionato  - CrimeCraft
Cliccando sul tasto destro, la visuale si fa più ravvicinata, per premdere meglio la mira e agire in modo più ragionato
Fin qui l'abbiamo dato per scontato, ma vale la pena sottolineare che CrimeCraft è uno shooter in terza persona, senza alcuna possibilità di utilizzare la visuale da FPS che qualcuno (compreso il sottoscritto) tende generalmente a preferire. Il sistema di controllo è comunque abbastanza agile e non prevede, per esempio, mosse specifiche di copertura, né tanto meno un banalissimo salto. È presente invece una comoda capriola da effettuare nei momenti più concitati, per rendersi meno vulnerabili e fuggire in cerca di un riparo. Il gameplay si rivela complessivamente un buon compromesso tra tattica e azione spensierata, grazie soprattutto alla salute che si ricarica di continuo - ma non molto velocemente - e alla possibilità di resistere per più di qualche secondo al fuoco nemico. Chiaramente, nei match PvP contro giocatori di livello molto superiore al nostro, le speranze di ottenere un punteggio decente si assottigliano parecchio e la frustrazione fa capolino tra un respawn e il successivo.

pago o non pago?

La frustrazione di cui sopra fa parte dell'ormai consolidata tradizione dei giochi Free to Play e serve a indurre i giocatori a spendere qualcosa per salire di livello più velocemente e potersi quindi scontrare ad armi pari nella componente PvP - che tendiamo a considerare quella principale, visto che in PvE la scarsa intelligenza artificiale dei nemici tende ad appiattire l'esperienza di gioco e a rendere tutto più noioso. Visto l'accento posto sul crafting e sugli elementi ruolistici, l'uso di soldi veri è limitato all'acquisto di un abbigliamento più originale rispetto a quello di base, che può sembrare un elemento secondario ma per molti non lo è. Armi e abilità vanno conquistate invece sul campo e la carta di credito diventa un'arma contro la noia di dover ripetere molte volte le stesse missioni in cerca dei punti esperienza necessari al potenziamento del personaggio.

Non è richiesta alcuna propensione alla socialità per giocare in gruppo: basta selezionare una missione PvE in cui sia già presente qualche altro giocatore  - CrimeCraft
Non è richiesta alcuna propensione alla socialità per giocare in gruppo: basta selezionare una missione PvE in cui sia già presente qualche altro giocatore
Come scritto in occasione degli articoli su Hellgate e Global Agenda, anche questa ricognizione su CrimeCraft non vuole esprimere un giudizio di merito, che richiederebbe di trascorrere molto più tempo nel gioco, ma crediamo possa tornare utile a quanti si stanno affacciando solo adesso al genere dei MMO gratuiti e debbano ancora decidere qual è quello che più si avvicina ai loro gusti. Il gioco di Vogster crediamo che possa sicuramente interessare a tutti quelli in cerca di un gioco in cui la costruzione del proprio alter ego avviene in modo approfondito e quasi letterale. Ma proprio per questo motivo, CrimeCraft si sviluppa su ritmi piuttosto lenti e con la necessità di "grindare" parecchio se non si vogliono scucire soldi veri. Il divertimento immediato non manca, grazie a una buona dinamicità degli scontri a fuoco, ma se cercate qualcosa di shooteristico in senso stretto è meglio che rivolgiate la vostra attenzione ad altro. Per dirne una, c'è un certo Team Fortress 2 che è diventato Free to Play poche settimane fa...


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!