Genere
Action RPG
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
16+
Prezzo
€ 41,90
Data di uscita
20/6/2008

Crisis Core: Final Fantasy VII

Crisis Core: Final Fantasy VII Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Square Enix
Sviluppatore
Square Enix
Genere
Action RPG
PEGI
16+
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
20/6/2008
Data di uscita americana
25/3/2008
Data di uscita giapponese
13/9/2007
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 41,90
Formato Audio
Stereo

Lati Positivi

  • Tecnicamente superbo
  • Sistema di combattimento originale
  • Personaggi di FFVII
  • Ottimi doppiaggio e musiche

Lati Negativi

  • Caricamenti un po' lunghi su PSP standard
  • Pochi personaggi "comparse"
  • Vive di luce riflessa

Hardware

Per giocare a Crisis Core: Final Fantasy VII sono richiesti una copia del gioco, una console PSP (modello normale o Slim & Lite) e un memory stick con almeno 256 KB liberi.

Multiplayer

Il gioco non offre modalità multigiocatore.

Link

Recensione

Il miglior gioco di ruolo per PSP?

Finalmente un gioco all'altezza del nome che porta!

di Andrea Focacci, pubblicato il

Forte di un comparto tecnico di primo piano e della fama del suo predecessore, a Crisis Core: Final Fantasy VII basta davvero poco per convincere il pubblico. Purtroppo, come Dirge of Cerberus insegna, non sempre i due fattori di cui sopra viaggiano di pari passo con la qualità, vediamo quindi cosa propone di davvero interessante l'ultimo campione di vendite SquareEnix.

C'È MATERIA E MATERIA

La maggior novità di Crisis Core: Final Fantasy VII risiede nel suo sistema di combattimento, decisamente originale e votato all'azione più pura, nonostante l'inevitabile presenza delle amate "materia" introdotte da Final Fantasy VII.
Innanzitutto, Crisis Core: Final Fantasy VII non mette il giocatore alle redini di un party, bensì si concentra unicamente sulla figura di Zacks, l'unico eroe controllabile. Il gioco presenta inoltre gli antipatici incontri casuali (non frequentissimi) e una base teorica di turni, per poi rivoluzionare di fatto i combattimenti permettendo al giocatore di controllare direttamente i movimenti dell'eroe. Dagli spostamenti agli attacchi, Crisis Core: Final Fantasy VII ricorda molto da vicino un gioco d'azione, in particolare per l'importanza rivestita dalla schivata.
In pratica, Zacks può muoversi a suo piacimento nell'area di gioco e usare in ogni momento l'abilità selezionata tramite i pulsanti L ed R. Le materia entrano in gioco proprio a definire le abilità: oltre all'attacco base e agli oggetti, il giocatore può infatti utilizzare una qualsiasi delle abilità equipaggiate negli "slot" disponibili e rappresentate sotto forma di materia. A grandi linee, possiamo distinguere tre tipi di materia: magie, skill e status. Le prime permettono di lanciare le classiche magie, le seconde di utilizzare particolari abilità (per esempio attacchi rotanti o potenziati), le terze di migliorare le caratteristiche di Zacks (HP plus, MP plus e così via). Sta al giocatore scegliere se sacrificare le abilità di combattimento in funzione del potenziamento dello status, o ancora se puntare su magie o skill.
Un altro importante fattore di gioco è il D.M.W. (Digital Mind Web): ovvero una sorta di coreografica roulette (ispirata ai giapponesissimi "pachislot") che amministra i limit break e alcuni bonus. Anche se a prima vista il D.M.W. sembra basato unicamente sulla fortuna, in realtà è gestito in modo abbastanza bilanciato dal sistema di gioco, o almeno così ci è parso.

CHE MISSIONE SCELGO OGGI?

Incredibile a dirsi per un titolo di questo genere, Crisis Core: Final Fantasy VII coniuga piuttosto bene portabilità e profondità, e lo fa in due modi distinti: distribuendo ampiamente punti di salvataggio e introducendo una serie di missioni opzionali.
Vero e proprio "sottogioco" parallelo rispetto alla vicenda madre, Crisis Core: Final Fantasy VII permette di accedere da ogni punto di salvataggio a un ampissimo inventario di missioni "usa e getta" di difficoltà crescente, sbloccabili nel corso del gioco principale. Le missioni sono perfette per una partita veloce e rappresentano un buon valore aggiunto anche per gli amanti del genere, perché permettono di sbloccare utili oggetti opzionali, nonché di approfondire alcuni aspetti della storia. Ottima in tal senso anche l'idea di introdurre una serie di negozi "virtuali", che permettono in ogni momento di fare approvvigionamento di pozioni varie, così da rendere le missioni pienamente fruibili per ogni tipo di utente.
Infine, la presenza delle missioni fortunatamente non è stata utilizzata come "giustificazione" per una storia principale sottotono che, al contrario, dopo un inizio un po' lento, ingrana piuttosto bene, anche se inevitabilmente vive della luce "riflessa" dal capitolo principale.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Crisis Core: Final Fantasy VII è un gioco che finalmente rende onore al titolo da cui prende il nome. Nonostante qualche difetto veniale, in primis la scarsa presenza di "comparse" lungo le mappe di gioco, il titolo di SquareEnix si dimostra solido e brillante sia dal punto di vista tecnico che da quello del sistema di gioco. Ricco di momenti "forti" e con un protagonista genuinamente simpatico, Crisis Core: Final Fantasy VII è un gioco consigliato a tutti i possessori di PSP, che siano o meno estimatori del capitolo originale. Il nuovo sistema di combattimento action, le missioni e la componente tecnica di primo piano rendono il gioco di SquareEnix un vero "must-buy", in tutti i sensi.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!