Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
16+
Prezzo
54,98 €
Data di uscita
25/3/2011

Crysis 2

Crysis 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
CryTek
Genere
Sparatutto
PEGI
16+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
25/3/2011
Data di uscita americana
22/3/2011
Lingua
Italiano
Giocatori
12
Prezzo
54,98 €

Lati Positivi

  • Lati Positivi - Uno per riga

Hardware

Crysis 2 è disponibile per PC, PlayStation 3 e Xbox 360. Le versioni testate per la recensione sono quelle per la console Microsoft e Personal Computer. In quest'ultimo caso per giocare è necessario possedere una configurazione composta almeno da un processore dual core a 2.0 GHz, 2 GB di RAM di sistema e una scheda grafica a partire da una GeForce 8800 GT o ATI HD 3850. Nel nostro caso, il gioco è stato testato su un i7 930 2.80 GHz, con 6 GB di RAM DDR3 2133 MHz e una scheda grafica GeForce GTX 480, alla risoluzione di 1920x1080 pixel, ottenendo ai massimi settaggi disponibili un frame-rate medio di circa 55 FPS con una visualizzazione tradizionale e tra il 2 e il 20% in meno ricorrendo a nVidia 3D Vision.

Multiplayer

Sono contemplate sei modalità multigiocatore competitive, aperte a un massimo di 12 partecipanti su console e 16 su PC.

Modus Operandi

Abbiamo giocato Crysis 2 presso gli uffici di Electronic Arts Italia per circa 25 ore. Un quantitativo di tempo speso per finire la versione Xbox 360 a livello Soldato e quella PC a Veterano, rispettivamente in italiano e in inglese, e per sperimentare diffusamente con entrambe a tutti gli altri livelli di difficoltà. Le nostre impressioni sul multiplayer si basano su prove effettuate su tutti e due i formati durante eventi stampa, periodi di beta e demo.

Link

Recensione

Sandbox 3.0 – Seconda parte

Altri aspetti della formula di gioco.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

Per quanto riguarda l'interattività, tra alberi abbattibili solo se di specifiche tipologie (proprio come in passato), assenza di capanne da radere totalmente al suolo, coperture sbecchettabili, metalli deformabili in tempo reale e un vasto campionario di oggetti, più o meno utili, scagliabili a piacimento, rispetto ai predecessori Crysis 2 si esprime in termini quantitativi meno abbondanti, ma in termini qualitativi più ricchi e rifiniti.

NANOUPGRADE

Vuoi per le particolarità dell'ambiente, vuoi per le caratteristiche inedite del protagonista, tra cui va segnalata anche la possibilità di issarsi sui cornicioni, come in Mirror's Edge, esplorando con più efficienza e agilità i saliscendi, in Crysis 2 si possono quindi escogitare sostanzialmente più cose e con maggior focus rispetto al predecessore.
A questo va aggiunto il rapporto ancora più simbiotico con la Nanotuta, che innanzitutto riveste un ruolo più attivo, enunciando gli obiettivi e segnalando la presenza di opzioni tattiche sul campo. La novità più determinante riguardo la nostra fida compagna, tuttavia, è senza dubbio la possibilità di potenziarla strada facendo, raccogliendo le sostanze rilasciate dagli alieni uccisi, per ottimizzarne il funzionamento o sbloccare nuove funzionalità. Sono quattro le macro-aree, Generale, Potenza, Movimento e Stealth, tramite cui accedere ai nuovi elementi, tra cui sono contemplati il recupero più veloce di Energia e Salute, il minor consumo dell'Energia durante l'Occultamento o la Corazza, l'eliminazione del rumore dei propri passi in modalità stealth, la possibilità di visualizzare le tracce dei movimenti nemici, venire avvisati delle minacce nei paraggi, vedere le scie dei proiettili dei nemici o addirittura riuscire a defletterli. Il tutto, naturalmente, viene vincolato a precise scelte di bilanciamento (si può equipaggiare una sola opzione per tipo alla volta), che evitano che il protagonista si trasformi in una macchina inarrestabile.
Tra le opportunità di azione, va infine citato il ritorno dell'apprezzatissima possibilità di modificare in tempo reale la maggior parte delle armi, cambiandone in maniera anche importante la destinazione d'uso e potendo contare così su un ulteriore strato di discrezionalità d'approccio. Per fare un esempio, un fucile d'assalto Demolition Grendel può essere impostato per sparare con raffica semiautomatica, lanciagranate o un fucile leggero sottocanna, scegliendo poi tra la mira metallica classica, un reflex sight o un mirino d'assalto, mutando radicalmente volto e quindi tattica di impiego.

L'IMPLACABILE

Crysis 2 rimpiazza i membri dell’Esercito Popolare Coreano e gli evanescenti alieni simili alle Sentinelle di Matrix dei predecessori con un cast di nemici delineato ex-novo. Gli avversari umani sono rappresentati dai soldati della C.E.L.L., l'organizzazione paramilitare chiamata dal governo americano a gestire la crisi a New York, che danno addosso al protagonista per i loro buoni motivi, mentre le fila dei Ceph si arricchiscono di creature antropomorfe, che in alcuni casi mostrano una certa ispirazione ai Covenant di Halo, in grado di portare lo scontro interplanetario su una dimensione più fisica e appagante.

Che a darle vita siano militari piuttosto che xenomorfi, quella che prende piede tra le strade della Grande Mela è una vera e propria caccia all'uomo, in cui, in particolare a partire dal livello di difficoltà Veterano, occorre in linea generale agire e pensare all'unisono, dinamicamente, in maniera efficiente. Purtroppo, se Crytek ha lavorato davvero bene nell'arricchire la formula di gioco senza farle perdere di coerenza, cominciando a stressarla ci si accorge di come non tutte le ciambelle le siano riuscite con il buco. A mostrare qualche crepa, anche piuttosto clamorosa, è proprio l'intelligenza artificiale dei nemici, che se presi a corto raggio si rivelano tendenzialmente incerti, fino a farsi sorprendere in vere e proprie stupidate, come rimanere incastrati in parti dello scenario, o addirittura spegnendosi saltuariamente. Lo stesso dicasi per le reazioni all'occultamento del protagonista, che in alcuni casi risultano a dir poco contraddittorie.
Sul medio e lungo raggio e a livello generale, pur non essendo particolarmente intelligenti gli avversari spronano il giocatore ad agire in maniera intelligente, e questo è sicuramente l'aspetto più importante, che riesce a fare di Crysis 2 una lotta per la sopravvivenza vivida e inebriante, come da tradizione della saga, ma rimane davvero un peccato il fatto che Crytek non sia riuscita a limare a dovere ogni componente del gameplay, facendogli compiere un salto di qualità che l'avrebbe definitivamente collocato a vette di eccellenza assolute.


Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    Ed ecco qui la succinta recensione del buon Teokrazia. :)

    Per quanto mi riguarda aggiungo che si tratta forse del miglior gioco che abbia provato finora nel 2011 (magari di fianco al versatile LBP2).

    Tecnicamente è ottimo, la campagna sembra molto longeva (come conferma Teo), il multiplayer è strutturato benissimo ed è un ottimo mix tra realismo e fantascienza (risultando a modo suo unico...) e l'IA dei nemici è eccellente.

    Se state cercando un gioco che merita davvero il prezzo pieno richiesto probabilmente con Crysis 2 non sbagliate di una virgola.
  2. Dark76

     
    #2
    primo
    leggo XD
  3. |Sole|

     
    #3
    A certa gente dovremmo spezzare tre falangi. O forse no?
  4. Dark76

     
    #4
    Stefano CastelliEd ecco qui la succinta recensione del buon Teokrazia.

    Per quanto mi riguarda aggiungo che si tratta forse del miglior gioco che abbia provato finora nel 2011 (magari di fianco al versatile LBP2).

    Tecnicamente è ottimo, la campagna sembra molto longeva (come conferma Teo), il multiplayer è strutturato benissimo ed è un ottimo mix tra realismo e fantascienza (risultando a modo suo unico...) e l'IA dei nemici è eccellente.

    Se state cercando un gioco che merita davvero il prezzo pieno richiesto probabilmente con Crysis 2 non sbagliate di una virgola.



    io cercavo una recensione anche per ps3
    no eh. ?
    TEOOOOOOOOOOOO
    p.s: sembra un gran gioco XD e immaginavo le 5 stelle
    Teo complimenti per il papiro..devo rileggermelo per benino ora...devo metabolizzarlo XD
  5. auron2002

     
    #5
    Azz... pesanti i vistosi cali di frame su 360 (li odio) e l'i.a. non esaltante.
    Mmm...
  6. Madison045

     
    #6
    Ottima recensione molto dettagliata!
    Mi sono convinto lo compro.
  7. Stefano Castelli

     
    #7
    auron2002Azz... pesante i vistosi cali di frame su 360 (li odio) e l'i.a. non esaltante.
    Mmm...


    Non fare cavolate e corri a pigliarlo.
  8. utente_deiscritto_19700

     
    #8
    150 euro spesi ottimamente

  9. Stefano Castelli

     
    #9
    Riguardo l'IA... ci metterei un "dipende". Come scrive teo, affrontare un nemico con rapporto 1 a 1 equivale a ripetere quello che avviene in Half Life 2: cioè, avere a che fare con un mezzo imbecille. Sotto questo aspetto Crysis 2 sta parecchio sotto Halo Reach, per dire.

    Quando invece i nemici agiscono in squadra le cose vanno meglio e certi passaggi risultano decisamente ostici per come 'sti infami riescono a coprirsi l'un l'altro. Affrontando le situazioni "popolose" in zone regolari diventa abbastanza facile prevedere come si comporteranno i nemici e quindi toglierli di mezzo, ma parlare di "zona regolare" nel design dei livelli di Crysis 2 è molto relativo. :)
  10. Bruce Campbell87

     
    #10
    minchia, solito trattato di Teo. Grandissimo :D
Continua sul forum (2008)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!