Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
16+
Prezzo
69,98 €
Data di uscita
25/3/2011

Crysis 2

Crysis 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
CryTek
Genere
Sparatutto
PEGI
16+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
25/3/2011
Data di uscita americana
22/3/2011
Lingua
Italiano
Giocatori
12
Prezzo
69,98 €

Lati Positivi

  • Ambientazione e avvenimenti coinvolgenti
  • Gameplay di grande respiro e spessore
  • Graficamente strepitoso
  • Accompagnamento musicale vibrante e incisivo
  • Multiplayer fresco e promettente
  • Implementazione del 3D esemplare

Lati Negativi

  • Troppi bassi nell'I.A.
  • Qualche rallentamento su Xbox 360 veramente pesante
  • Dove sono le impostazioni grafiche su PC?

Hardware

Crysis 2 è disponibile per PC, PlayStation 3 e Xbox 360. Le versioni testate per la recensione sono quelle per la console Microsoft e Personal Computer. In quest'ultimo caso per giocare è necessario possedere una configurazione composta almeno da un processore dual core a 2.0 GHz, 2 GB di RAM di sistema e una scheda grafica a partire da una GeForce 8800 GT o ATI HD 3850. Nel nostro caso, il gioco è stato testato su un i7 930 2.80 GHz, con 6 GB di RAM DDR3 2133 MHz e una scheda grafica GeForce GTX 480, alla risoluzione di 1920x1080 pixel, ottenendo ai massimi settaggi disponibili un frame-rate medio di circa 55 FPS con una visualizzazione tradizionale e tra il 2 e il 20% in meno ricorrendo a nVidia 3D Vision.

Multiplayer

Sono contemplate sei modalità multigiocatore competitive, aperte a un massimo di 12 partecipanti su console e 16 su PC.

Modus Operandi

Abbiamo giocato Crysis 2 presso gli uffici di Electronic Arts Italia per circa 25 ore. Un quantitativo di tempo speso per finire la versione Xbox 360 a livello Soldato e quella PC a Veterano, rispettivamente in italiano e in inglese, e per sperimentare diffusamente con entrambe a tutti gli altri livelli di difficoltà. Le nostre impressioni sul multiplayer si basano su prove effettuate su tutti e due i formati durante eventi stampa, periodi di beta e demo.

Link

Recensione

Il primo della classe

Un comparto grafico fuori dal comune.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

A quasi quattro anni di distanza dalla sua uscita, Crysis mantiene il primato grafico assoluto. Sì, su PC, Metro 2033 con il suo impressionante motion blur e S.T.A.L.K.E.R.: Clear Sky con i suoi god ray e il suo fumo volumetrico dinamico fuori portata negli anni sono riusciti a proporre aspetti tecnici in grado di superare i corrispettivi del titolo Crytek, ma complessivamente non c'è nulla sul mercato che possa rivaleggiare con lui. Almeno fino a oggi.

SUPERARE OGNI LIMITE

Tagliamo subito la testa al toro: a parte la definizione meno spinta delle texture più elaborate e la minor vastità delle ambientazioni, la versione PC di Crysis 2 è superiore a Crysis in praticamente ogni aspetto. L'illuminazione del predecessore, già di livello notevole, viene surclassata da quella adottata oggi da Crytek, che grazie all'inclusione di elementi di Global Illumination in tempo reale registra un salto di qualità notevole: vedere la luce “rimbalzare” sulle lamiere di un'auto, la visiera di un casco nemico, la corazza di un alieno o altro ancora trasmette alla scena una brillantezza, un calore e una naturalità che non hanno attualmente metri di paragone. Volendo però distanziarsi dalla pedissequa riproduzione della realtà, Crytek ha poi aggiunto lo splendore visivo di alcuni aloni proiettati da certe fonti luminose, sulla falsariga di quelli resi celebri da Killzone 2 e Mass Effect 2, che arricchiscono ulteriormente il colpo d'occhio.
I modelli dei personaggi e la loro mimica facciale durante gli intermezzi narrativi si stagliano su standard di eccellenza paragonabili a quelli del predecessore, mentre corposi sono i passi in avanti compiuti nella rappresentazione dei raggi del sole che, quando interagiscono con altri effetti, come ad esempio il fumo, creano giochi che lasciano a bocca aperta. Analoghi potenziamenti si registrano nei particellari, in particolare per le esplosioni, che risultano più piene e roboanti, le scintille, il fuoco (semplicemente il miglior non dinamico sulla piazza), il fumo (questo parzialmente dinamico) e i detriti di vario genere. Migliorate anche la resa dell'acqua, sebbene non possa contare su una fluidodinamica competitiva, e la pulizia generale dell'immagine, ora più morbida e coesa, quantomeno al livello di dettaglio più alto, e con la riserva che vedremo fra poco. Fa inoltre piacere constatare che è stato arginato un problema cronico del CryEngine 2: il LOD. Continuano ad esserci elementi che si costruiscono a vista, ma al settaggio grafico più elevato disponibile la loro entità è sicuramente più trascurabile che nel primo Crysis e soprattutto in Warhead.
A proposito di impostazioni grafiche, arriva però una mazzata: il menu propone gli stessi preset della demo multiplayer (Gamer, Advanced e Hardcore) senza poter intervenire praticamente su nient'altro, a parte la risoluzione e il V-Sync. Non è nemmeno possibile regolarsi a piacimento l'anti-aliasing (che comunque ad Hardcore si rivela irreprensibile). Un modo di porsi che risulta davvero poco concepibile da parte di un team come Crytek e di un brand come questo, che hanno fatto le loro fortune grazie anche a un pubblico particolarmente attivo sul fronte delle sperimentazioni tecniche. Un pubblico che, a meno di ripensamenti in forma di patch, dovrà darsi da fare per vie traverse, armeggiando con i file di configurazione.
Un'altra fonte di amarezza si rilevano taluni aspetti, in particolare certe texture, riguardo cui si avverte la sensazione che si potesse spingere di più, specie quando, come vedremo più sotto, a livello di asset non sembra esserci una differenza così determinante rispetto alla versione Xbox 360.

MAXIMUM OPTIMIZATION

A risollevare il morale ci pensano le performance. D'accordo, la macchina impiegata per la recensione è ottima (sebbene non al top) e, d'accordo, l'ambientazione cittadina avrà sicuramente aiutato ad alleggerire lo streaming dei dati, ma non può non fare comunque estremamente piacere vedere un Crysis perfettamente giocabile e pienamente godibile all'uscita. E dove si gode veramente è con il 3D, riguardo cui la nuova tecnica “lossless” messa a punto da Crytek ha mantenuto le promesse, rivelandosi prodigiosa: fruito tramite 3D Vision, Crysis 2 si è caratterizzato per un calo di prestazioni sensibilmente più contenuto rispetto a quanto fa di solito registrare il sistema di visualizzazione stereoscopica di nVidia. A parità di scena, nel passaggio tra 2D e 3D si perde infatti tra il 2 e il 20%, contro il 30-40% di casi analoghi.
In cambio si ottiene una fra le migliori implementazioni del 3D sulla piazza, con personaggi vividi e corposi e strutture ambientali piene, che acquistano parecchio “spessore”, bucando praticamente lo schermo. Gli effetti risultano più plausibili e pulsanti, mentre i già citati fasci luminosi alla Killzone 2 si proiettano su un piano in rilievo, fornendo un ulteriore strato di profondità. Complice anche il nuovo HUD, la sensazione di essere dentro la Nanotuta e più in generale di interpretare un personaggio dotato di una sua fisicità e “presenza scenica”, come già negli altri Crysis, è straordinaria. Assolutamente da provare, se si ha anche solo minimamente il pallino per questa tecnologia.

MEZZI E TALENTO

Crytek ha la fama di essere formata unicamente da esperti di programmazione freddi e matematici, senza sensibilità o cuore. Una reputazione immeritata, dato che aveva già dimostrato con i suoi titoli precedenti di saper trasmettere emozioni e di saper compiere alcune scelte decisamente indovinate in fatto di coinvolgimento. La crescita che fa registrare con Crysis 2 da questo punto di vista, tuttavia, è eccezionale. A lasciare davvero il segno, nell'ultimo progetto dello studio tedesco, sono la forza e la coesione di gran lunga più spiccate con cui tecnica e contenuto vanno di pari passo. New York è ritratta in un modo che non può lasciare indifferenti: mentre si è nel pieno dell'azione, spesso si può notare di sfuggita che sullo sfondo c'è un paesaggio da cartolina, e poi volgendo la sguardo altrove un altro, e un altro ancora. Quel genere di “set piece” su cui altri team costruirebbero un intero livello e che qui invece vengono proposti con grande “spreco”, all'interno di una visione capace di sposare una forza scenografica solitamente propria di sparatutto più guidati con il respiro e l'organicità di un'esperienza più libera. Wall street, la Statua della Libertà, i ponti sull'Hudson, Times Square e tanti altri simboli immediatamente riconoscibili della Grande Mela sono lì, ma spesso vengono proposti in condizioni inusuali, capaci di toccare nel vivo. Ci sono poi situazioni in cui una stessa ambientazione cambia radicalmente volto, di fronte a noi, a seguito di eventi devastanti. La “bellezza catasfrofica” di cui ci parlava Yerli durante il nostro primo incontro ravvicinato con il gioco, circa un anno fa, è realtà.
A completare adeguatamente le immagini intervengono le musiche di Hans Zimmer. Dopo la colonna sonora di Call of Duty: Moder Warfare 2, il compositore tedesco firma un altro gioiello capace di dare risalto agli avvenimenti con saliscendi che spaziano tra un numero veramente ampio di sonorità e timbriche, dalle sue tipiche ma sempre efficaci “fanfarate” a melodie dal retrogusto etnico, arrivando a passaggi di jazz nero con spruzzate di pianoforte. A un confronto diretto con la versione originale, infine, l'adattamento in italiano risulta buono, nonostante uno dei cattivi sia affidato all'onnipresente Pietro Ubaldi, e, finalmente, può contare su una voce della Nanotuta che non sfigura miseramente rispetto all'originale.

LA MIGLIOR GRAFICA SU CONSOLE?

Facendo le debite proporzioni, Crysis 2 su Xbox 360 è ugualmente impressionante che su PC. Crytek è riuscita a infilare nell'ormai vetusto hardware della console Microsoft un numero e sopratutto una qualità di contenuti che fino ad oggi non credevamo possibile. Volendo limitare i confronti al genere degli sparatutto, semplicemente, oggi non esiste un titolo che contempli tutto quello che il team di Cevat Yerli è stato in grado di portare su questa piattaforma. L'illuminazione è sopraffina, di un altro campo da gioco rispetto a quanto visto finora, così come il rendering, che si caratterizza per uno “spazio-colore” e una qualità dei materiali che su console non si vedono affatto tutti i giorni. Difficilmente da qui alla prossima generazione rivedremo su una console Microsoft un acciaio così “vero” come quello delle armature dei fanti Ceph o plexIglass dalla consistenza paragonabile a quella di certi pannelli solari, mentre magari contemporaneamente a schermo si scatenano effetti di luce e particellari dal livello di compressione di gran lunga meno sacrificato in confronto a quanto viene di solito proposto da titoli analoghi.
Su Xbox 360 Crysis 2 è dunque simbolo di potenza bruta e tecnica all'avanguardia, ma i miracoli non sono di questo mondo, men che meno di casa a Francoforte. L'immagine è afflitta da un certo, evidente, quantitativo di scalette, la fluidità ha qualche calo e il colpo d'occhio è spesso flagellato dal cambio al volo di dettaglio di certi elementi (problemi, questi ultimi due, che dovrebbero ridursi installando il gioco, anche se non abbiamo potuto verificare). Ci sono dunque passaggi in cui il titolo Crytek offre un quadro un po' scomposto, alternati ad altri in cui regge tendenzialmente meglio, offrendo un impatto più omogeneo, e altri ancora dove lo spettacolo ha veramente del sensazionale. Ma se su certe sbavature si può ancora ancora chiudere un occhio alla luce di quanto offerto complessivamente a schermo, qualcosa di più si poteva fare per alcuni momenti in cui il frame-rate crolla a picco, compromettendo pesantemente anche la giocabilità. Nel nostro caso si è trattato di tre o quattro fastidiose situazioni, che con ogni probabilità, rinunciando a qualcosa o lavorando ulteriormente di cesello, si potevano evitare.
Chiudiamo, infine, con alcune note per gli amanti dei confronti diretti, da cui emergono alcuni aspetti interessanti, quantomeno per i tecnofili. Crysis 2 su Xbox 360 appare sostanzialmente come Crysis 2 PC in piccolo. Per essere maggiormente precisi, dettaglio più, dettaglio meno, equivale alla versione Personal Computer settata a Gamer. A un paragone uno contro uno con la versione PC settata ad Hardcore, si può evincere come i contenuti siano sostanzialmente gli stessi (il che dovrebbe dirla lunga su qual è stata la versione di riferimento durante lo sviluppo), anche se texture e shader su PC risultano di un passo più definiti. Più marcate invece le differenze per tutto ciò che è “rifinitura”, come qualità e livello di compressione degli effetti e delle ombre, algoritmi di anti-aliasing e anisotropia, distanza visiva e infine sorgenti di luce, che in alcuni casi su console sembrano ricreate con soluzioni posticce, laddove su PC appaiono interamente dinamiche. In entrambi i casi, comunque, tanto di cappello a Yerli e compagni.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Pur con qualche evidente sbavatura tecnica e di gameplay, Crytek è riuscita colpire nel segno, offrendo un grande FPS con una grandissima grafica, sia che si parli di PC che di Xbox 360.

Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    Ed ecco qui la succinta recensione del buon Teokrazia. :)

    Per quanto mi riguarda aggiungo che si tratta forse del miglior gioco che abbia provato finora nel 2011 (magari di fianco al versatile LBP2).

    Tecnicamente è ottimo, la campagna sembra molto longeva (come conferma Teo), il multiplayer è strutturato benissimo ed è un ottimo mix tra realismo e fantascienza (risultando a modo suo unico...) e l'IA dei nemici è eccellente.

    Se state cercando un gioco che merita davvero il prezzo pieno richiesto probabilmente con Crysis 2 non sbagliate di una virgola.
  2. Dark76

     
    #2
    primo
    leggo XD
  3. |Sole|

     
    #3
    A certa gente dovremmo spezzare tre falangi. O forse no?
  4. Dark76

     
    #4
    Stefano CastelliEd ecco qui la succinta recensione del buon Teokrazia.

    Per quanto mi riguarda aggiungo che si tratta forse del miglior gioco che abbia provato finora nel 2011 (magari di fianco al versatile LBP2).

    Tecnicamente è ottimo, la campagna sembra molto longeva (come conferma Teo), il multiplayer è strutturato benissimo ed è un ottimo mix tra realismo e fantascienza (risultando a modo suo unico...) e l'IA dei nemici è eccellente.

    Se state cercando un gioco che merita davvero il prezzo pieno richiesto probabilmente con Crysis 2 non sbagliate di una virgola.



    io cercavo una recensione anche per ps3
    no eh. ?
    TEOOOOOOOOOOOO
    p.s: sembra un gran gioco XD e immaginavo le 5 stelle
    Teo complimenti per il papiro..devo rileggermelo per benino ora...devo metabolizzarlo XD
  5. auron2002

     
    #5
    Azz... pesanti i vistosi cali di frame su 360 (li odio) e l'i.a. non esaltante.
    Mmm...
  6. Madison045

     
    #6
    Ottima recensione molto dettagliata!
    Mi sono convinto lo compro.
  7. Stefano Castelli

     
    #7
    auron2002Azz... pesante i vistosi cali di frame su 360 (li odio) e l'i.a. non esaltante.
    Mmm...


    Non fare cavolate e corri a pigliarlo.
  8. utente_deiscritto_19700

     
    #8
    150 euro spesi ottimamente

  9. Stefano Castelli

     
    #9
    Riguardo l'IA... ci metterei un "dipende". Come scrive teo, affrontare un nemico con rapporto 1 a 1 equivale a ripetere quello che avviene in Half Life 2: cioè, avere a che fare con un mezzo imbecille. Sotto questo aspetto Crysis 2 sta parecchio sotto Halo Reach, per dire.

    Quando invece i nemici agiscono in squadra le cose vanno meglio e certi passaggi risultano decisamente ostici per come 'sti infami riescono a coprirsi l'un l'altro. Affrontando le situazioni "popolose" in zone regolari diventa abbastanza facile prevedere come si comporteranno i nemici e quindi toglierli di mezzo, ma parlare di "zona regolare" nel design dei livelli di Crysis 2 è molto relativo. :)
  10. Bruce Campbell87

     
    #10
    minchia, solito trattato di Teo. Grandissimo :D
Continua sul forum (2008)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!