Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
25/3/2011

Crysis 2: Retaliation

Crysis 2: Retaliation Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
CryTek
Genere
Sparatutto
PEGI
16+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
25/3/2011
Data di uscita americana
22/3/2011
Lingua
Italiano
Giocatori
12

Hardware

Per giocare vi servirà una console Xbox 360 con una copia originale di Crysis 2 e almeno 180 MB di spazio disponibile su hard disk. Il Retaliation Map pack è anche disponibile per PlayStation 3 e PC.

Multiplayer

Il Retaliation Map Pack riprende le opzioni multiplayer di Crysis 2 senza aggiungere nuove modalità.
Recensione

Crysis 2: Retaliation Map Pack

Quattro nuove mappe per scatenare le nano-tute 2.0.

di Stefano Castelli, pubblicato il

Pubblicato circa due mesi fa su PC, PlayStation 3 e Xbox 360, Crysis 2 si è rivelato un buon esponente del genere FPS dotato, tra l'altro, di una sezione multiplayer molto curata ed articolata (analizzata in un nostro articolo dedicato). Come per ogni bravo sparatutto in prima persona che arriva nell'era del DLC selvaggio, ecco qui puntalissimo il primo set di mappe aggiuntive (quattro) che andranno ad integrare la già nutrita selezione di campi di battaglia di Crysis 2 alla modica cifra di una decina di euro. Senza lasciarci andare a giudizi su quello che ormai è un trend consolidato più o meno apprezzabile scarichiamo le quattro mappe inedite in edizione Xbox 360, indossiamo la nano-tuta 2.0 e ci lanciamo nelle nuove zone di combattimento.

Tra i vascelli di Shipyard

Giudicare le mappe extra di un gioco come Crysis 2 è abbastanza difficoltoso dal momento che nel suo pacchetto "base" questo sparatutto include già un set di arene molto completo e vario. Chiaramente per evitare ridondanze e giustificare così un eventuale acquisto da parte dei giocatori gli sviluppatori hanno dovuto spremersi le meningi per formare un poker di mappe adeguate. Premettiamo sin da ora che in buona parte ci sono riusciti, sia per qualità che, sopratutto, per varietà. Dovendo iniziare con l'analisi delle singole mappe perché non partire dalla meglio riuscita? Shipyard è un'arena che si estende principalmente in ampiezza, ambientata all'interno di un molo in cui sono ormeggiati degli incrociatori. Banchina e navi formano una mappa frastagliata e ricca di nascondigli, praticamente perfetta per risvegliare il fetente cecchino che è in noi: le navi stesse (un paio di grandi dimensioni in due sezioni distinte della mappa) si sviluppano su più livelli e rappresentano ottime posizioni sopraelevate per cecchinare gli avversari. Completano la mappa un paio di edifici su tre piani e una zona affollata di container che formano un singolare labirinto in cui tendere agguati. A mani basse, Shipyard è il cuore all'occhiello del Retaliation Map Pack.

Nei corridoi di Compound

Già che abbiamo eletto la regina tra le quattro mappe del pacchetto, tanto vale identificare subito il fanalino di coda. Compound è un'arena che definire "banale" è quasi riduttivo. Una serie di grigi edifici, un paio di cortiletti e qualche viuzza sono gli elementi che formano quest'arena in penombra, che tutto sommato sembra uscita da un pomeriggio di pura pigrizia di un level designer. Non si tratta, per carità, di una mappa brutta da giocare: la grande quantità di stanze e pareti si presta molto a scontri a fuoco ravvicinati (amanti degli shotgun, siete avvisati!) e l'arena risulta molto divertente in caso venga affrontata da una grande quantità di giocatori (con conseguente carneficina piuttosto continua). Il problema è che già il gioco base offre un paio di mappe sullo stesso stile di Compound e forse strutturate anche meglio (viene da pensare ad esempio a Parking Lot), per cui unendo ridondanza di struttura a scarso appeal visivo della mappa stessa di ottiene la peggiore tra le quattro aggiunte del Retaliation Map Pack.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!