Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Italiano (sottotitoli)
PEGI
16+
Prezzo
€ 69,99
Data di uscita
6/10/2011

Dark Souls

Dark Souls Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
NAMCO
Sviluppatore
From Software
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
16+
Distributore Italiano
Bandai Namco Games
Data di uscita
6/10/2011
Lingua
Italiano (sottotitoli)
Giocatori
1
Prezzo
€ 69,99

Hardware

Il gioco non richiede alcuna configurazione hardware particolare. La versione X360 che abbiamo testato può essere installata su HD per un peso complessivo di 4GB. Per poter accedere alle funzionalità complete di gioco è però necessario disporre di una connessione a banda larga e, nel caso di X360, di un abbonamento a Xbox Live.

Multiplayer

La vera natura della modalità multiplayer non si manifesta nell’invasione dell’universo di altri giocatori o nel dare man forte negli scontri con i boss, ma nel condividere l’esperienza lasciando messaggi di aiuto o di semplice conforto nei momenti clou, oppure, semplicemente, lasciando traccia dei propri ultimi istanti di vita, di modo che altri giocatori non commettano lo stesso errore…

Modus Operandi

Abbiamo ottenuto copia del codice del gioco dal distributore italiano in versione X360. Abbiamo testato le potenzialità di gioco sia in modalità online che offline. La nostra prova si è interrotta (ma non conclusa!) a poco meno di 30 ore segnate, giocando “al buio”, senza aiuti esterni, sperimentando inizialmente con varie classi di personaggi e poi esplorando furiosamente l’ambiente sfruttando il bug di cui si legge nel testo principale.

Link

Recensione

Il cammino della speranza

Sempre meglio male accompagnati che soli

di Francesco Alinovi, pubblicato il

Se è vero che si tratta di un’esperienza fondamentalmente in solitaria, non è possibile concepire appieno Dark Souls senza la componente online. Non solo rinfranca il cuore vedere i fantasmi di altri giocatori seduti accanto al falò, oppure sentire i rintocchi della campana, segno che qualcun altro è riuscito a far fuori i boss sul tetto della Chiesa dei Non Morti: giocando online si diventa partecipi di un’esperienza collettiva, si è meglio disposti ad accettare la frustrazione perché si scopre che qualcuno prima di noi è riuscito a superare un dato ostacolo e ha lasciato un consiglio su come affrontare quel punto. La vera forza di Dark Souls, dunque, sta nella comunità dei suoi giocatori.

Non tutti i nemici rilasciano lo stesso numero di anime quando abbattuti. Alcuni non ne rilasciano affatto!  - Dark Souls
Non tutti i nemici rilasciano lo stesso numero di anime quando abbattuti. Alcuni non ne rilasciano affatto!

Questo non vuol dire che non si possa giocare offline. Chiaramente, da molto difficile diventa quasi impossibile ma, superato lo spaesamento iniziale e, soprattutto, entrati in possesso di buoni pezzi di equipaggiamento, anche la traversata in completa solitudine acquisisce un fascino sinistro. In tutta franchezza, Dark Souls non è un gioco difficile, è un gioco bastardo, e in questo c’è una bella differenza. Non basta avere occhi da tutte le parti, perché la morte sopraggiunge quando meno te l’aspetti: giusto per fare un esempio, appena si supera il secondo boss, si arriva all’imbocco di un ponte che conduce ad una nuova zona: ebbene, la prima volta non c’è altra soluzione che morire, semplicemente perché la minaccia è invisibile. Per non parlare delle creature oscene, come ratti e rane, che infestano le fognature e che possono avvelenare o impestare il giocatore. Mentre è possibile sopravvivere al veleno, dato che dopo un certo periodo l’effetto passa (ma, nel frattempo, avrete esaurito la vostra riserva di Estus), la peste maledetta uccide sul colpo. Il punto è che quando si riparte dal falò la propria energia (oltre ad altre statistiche) è dimezzata e questo stato permane fino a quando non si trova l’antidoto (dispensato solo da due personaggi che si trovano in aree diametralmente opposte). Se si è così incauti da venire appestati tre volte di seguito, ci si ritrova con un ottavo dell’energia, il che rende più facile ricominciare il gioco dall’inizio (anche se si hanno alle spalle più di 20 ore) piuttosto che continuare a tentare un recupero impossibile, dato che basta atterrare male da una sporgenza nemmeno toppo alta, o subire un solo colpo per morire…

Aggirare la barriera

Mentre gioco difficile si supera giocando secondo le regole, un gioco bastardo può essere superato solo barando, ovvero aggirando le limitazioni del gioco stesso: per esempio, una volta imparato a memoria il giro, farsi inseguire da tutti i nemici del Borgo dei Non Morti fino a un punto particolare per fare farming di anime. Per sconfiggere la maggior parte dei nemici, poi, conviene affrontarli uno alla volta, attirandoli con un dardo e poi continuando a girare intorno al bersaglio per colpirlo alle spalle. È vero che diventa un procedimento meccanico, ma davvero non c’è altra soluzione, se non una probabile disfatta.

Anche se irti di pericoli, alcuni scorci sono in grado di lasciare senza fiato  - Dark Souls
Anche se irti di pericoli, alcuni scorci sono in grado di lasciare senza fiato

Un altro bug che ci ha permesso di proseguire nell’esplorazione (che potrebbe essere rimosso con una patch alla pubblicazione ufficiale del gioco) riguarda il fatto che resettando la console (in questo caso X360) dopo il messaggio di morte, mentre parte lo schermo di caricamento, una volta riavviato il gioco si riparte dal punto esatto in cui si è schiattati, con l’energia al massimo e senza aver perso un’anima. Credeteci: in certi frangenti si perde meno tempo a ricaricare il gioco (resettato) che a ripetere da capo un’intera sezione.
Sempre a livello di bug, non si può non citare la fisica rag-doll delle creature, che continuano a rimbalzare sullo schermo quando ci inciampiamo contro. Ci sono poi dei momenti in cui il motore di gioco non riesce proprio a stare al passo delle ambizioni del team di sviluppo e il frame-rate crolla vertiginosamente.


Commenti

  1. auron2002

     
    #1
    Frustrante?
    Azz... bye bye...
  2. Stefano Castelli

     
    #2
    falinovixPronti a morire? Non è poi così traumatico quando ci si fa l’abitudine…

    Eh, purtroppo non l'ho letta perché mi sto mantenendo più ignorante possibile sul gioco. :)


    Son corso al commento e ho letto praticamente quello che mi aspettavo. Per me resta un acquisto sicuro.
  3. jpeg

     
    #3
    Possibilità che recensiate anche la versione PS3, giusto per confermare che i cali vertiginosi menzionati nell'articolo siano 'esclusiva' di quella 360?
  4. Wolfgang

     
    #4
    Insomma, more of the same. Lo prendo più avanti, anche perché il primo l'ho finito di recente.
  5. Vladimiro

     
    #5
    "L’unica seria minaccia al divertimento è la soglia di accessibilità: le prime 10/15 ore di gioco le passerete imprecando." Io ho passato qualcosa come 1 ora e mezza a bestemmiare perche' mi segavano ogni 4 secondi.. poi ho capito che avevo sbagliato strada (modello "uh guarda, questo ha gli occhi rossi!" di DS).

    Gioco splendido, congratulazioni a From Software.
  6. AVV.

     
    #6
    meno accessibile? più bastardo?formattazione dell'hard-disk schiattando all'ultimo livello di difficoltà? RROD dopo un tot di morti? ecchecazz...

    scommetto 10 abbonamenti silver che il gladiatore parte ignudo XD
  7. Godot

     
    #7
    Stefano CastelliEh, purtroppo non l'ho letta perché mi sto mantenendo più ignorante possibile sul gioco. :)


    Son corso al commento e ho letto praticamente quello che mi aspettavo. Per me resta un acquisto sicuro.
    Si può leggere tranquillamente la recensione. Di spoileroso non c'è nulla. ;)
  8. 123.....

     
    #8
    mio mio mio mio mio miooooooo!!!

    So già che tirerò giù tutti i santi dal paradiso..
  9. utente_deiscritto_6190

     
    #9
    Felicissimo per 2 motivi, vale a dire quello che non mi piaceva di DS:

    1) nerfata la magia;
    2) un open world che recupera la struttura di King's Field, molto migliore del restart asfissiante di DS.

    Ora basta aspettare.
  10. Mdk7

     
    #10
    La questione della peste è... agghiacciante. O_O
Continua sul forum (2083)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!