Genere
Azione
Lingua
Testi in italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 69,99
Data di uscita
9/9/2011

Dead Island

Dead Island Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Deep Silver
Sviluppatore
Techland
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
KOCH Media
Data di uscita
9/9/2011
Lingua
Testi in italiano
Giocatori
1-4
Prezzo
€ 69,99

Hardware

Dead Island è in sviluppo sui formati PC, PlayStation 3 e Xbox 360.

Multiplayer

Prevista una modalità cooperativa che permetterà di entrare e uscire liberamente dalla partita in qualsiasi momento.

Modus Operandi

Ci siamo recati negli uffici Deep Silver e abbiamo provato per circa un'ora una demo Xbox 360, avventurandoci in diverse ambientazioni, da una cittadina devastata a scenari più selvaggi.

Link

Hands On

Morte in scena

Tiriamo le somme, almeno per il momento.

di Andrea Maderna, pubblicato il

Abbiamo parlato di combattimento e diventa inevitabile dire qualcosa anche sui veri protagonisti di ogni storia di zombi che si rispetti: i morti viventi. In Dead Island se ne vedranno di parecchi tipi e durante la nostra prova ne abbiamo affrontati diversi. I non-morti classici rispecchiano i canoni basilari del genere e si aggirano claudicanti per gli ambienti, tutt'altro che devastanti se affrontati uno per volta, ma sempre capaci di mettere in difficoltà grazie a una “dentata” improvvisa, oltre che sempre letali se presi sottogamba, specie poi quando si presentano all'appello in folto gruppo. Ma c'è parecchio d'altro.

Se uno zombi ci afferra durante un combattimento, scatta un veloce Quick Time Event per liberarsene - Dead Island
Se uno zombi ci afferra durante un combattimento, scatta un veloce Quick Time Event per liberarsene

di male in peggio

Non mancano gli amati/odiati zombi centometristi, che il team di sviluppo definisce “infetti”. L'idea è che si tratti di persone che sono cadute vittima del virus da relativamente poco tempo e, pur essendo ormai trasformate, non hanno ancora raggiunto un pieno stadio di decomposizione. Per questo motivo sono in grado di correre e si rivelano estremamente aggressivi e pericolosi, anche se per fortuna “annunciano” il loro arrivo con dei versi particolarmente inquietanti. Fra di loro, poi, si trovano anche degli zombi “palestrati”, particolarmente resistenti agli attacchi e pericolosi perché in grado di sferrare ceffoni che mandano il giocatore gambe all'aria. Non mancano, poi, seguendo la scia tracciata da Left 4 Dead e relativo seguito, gli zombi dalle mutazioni particolarmente insidiose. Nel corso della nostra prova ne abbiamo incontrati due, parecchio diversi fra loro. Il primo è una specie di mutazione ricoperta di pustole, pronte ad esplodere e causare ingenti danni nelle immediate vicinante. Ovviamente, per quanto pericoloso, può rivelarsi molto utile per far fuori in un colpo solo eventuali altre presenze.
Il secondo, che abbiamo incontrato in un contesto dove giocava sostanzialmente il ruolo di boss, ma che non dubitiamo diventi presenza ben più costante nelle fasi avanzate di gioco, è una sorta di Tank, Tyrant o semplicemente grosso energumeno dai gusti un po' particolari in fatto di abbigliamento. Le sue braccia sono bloccate da una camicia di forza, ma le sue gambe sono libere e fortissime, in grado di farlo scattare come pochi e costringere alla fuga. All'apparenza invulnerabile, può in realtà essere ferito con attacchi alle spalle e richiede quindi la classica tecnica di schivata e assalto a tradimento. Ma nulla vieta di rivolgergli contro gli ambienti di gioco, facendo magari esplodere una tanica di benzina nelle vicinanze.

Questo bestione può essere abbattuto solo colpendolo alle spalle - Dead Island
Questo bestione può essere abbattuto solo colpendolo alle spalle

grande potenziale, qualche dubbio

Un aspetto importante del gioco sta nel modo in cui il supporto alla cooperativa è stato implementato. Ne potremo parlare a dovere solo dopo averla provata (magari in occasione dell'E3 2011?), ma fa comunque piacere constatare che Dead Island, giocato in solitaria, non dà assolutamente l'impressione di stare perdendosi qualcosa. Non è, insomma, un Left 4 Dead, uno di quei giochi in grado di esprimere davvero il proprio potenziale solo se affrontati in multiplayer. La natura ampia delle mappe, le possibilità di approccio tattico alle situazioni e il modo in cui tutto è costruito, senza dubbio, pongono buone basi per un sano godimento in multiplayer, ma il giocatore solitario dovrebbe trovarsi serenamente a proprio agio in un'avventura che sembra potersi comunque esprimere al meglio e avere molto da offrire sul fronte del gameplay.
Le preoccupazioni, perché è inevitabile avere almeno qualche riserva, sono sostanzialmente legate a due aspetti per i quali è comunque giusto dare allo stato attuale il beneficio del dubbio. Da un lato c'è tutto quel che abbiamo detto sulla componente narrativa, che potrebbe e dovrebbe fare la differenza, sia per mantenere alto l'interesse anche al di là del puro squartar carni, sia per sfruttare appieno l'enorme potenziale drammatico che lo scenario offre e dare al tutto un senso che vada oltre il semplice eseguire una missioncina di recupero oggetti dietro l'altra. Dall'altro c'è la realizzazione tecnica, di sicuro competente, certo da tarare anche sulle esigenze e i limiti imposti da un'ambientazione così ampia e liberamente esplorabile (senza contare che non sappiamo come sarà la versione PC), ma che allo stato attuale non fa proprio gridare al miracolo e manca forse un po' di quel carattere al contrario presente in abbondanza nella suggestiva colonna sonora e nel lavoro svolto sui trailer. Insomma, il punto è che vorremmo veder andare al posto giusto tutti i tasselli di un potenziale gran gioco. Perché in potenza son bravi tutti, ma quando si arriva al dunque basta poco per finire in disastro. Un po' come è accaduto sull'isola di Banoi.


Commenti

  1. babalot

     
    #1
    letta tutta. bella prova e gioco interessante assai.
    .
    solo, non mi piace per niente il tizio grosso con la camicia di forza. ok magari incontrarne uno solo ma già due sarebbe ridicolo: che ci fa un esercito di pazzi enormi con la museruola su un isola tropicale/villaggio turistico?
    .
    in L4D il discorso è impostato diversamente perché ti dà l'idea che un qualunque zombie potrebbe diventare tank attraverso una specifica mutazione e cmq l'abbigliamento è in secondo piano o abbastanza generico da non attirare l'attenzione (vedi la felpa con cappuccio dell'hunter, per dire).
  2. Lylot72

     
    #2
    babalotletta tutta. bella prova e gioco interessante assai.
    .
    solo, non mi piace per niente il tizio grosso con la camicia di forza. ok magari incontrarne uno solo ma già due sarebbe ridicolo: che ci fa un esercito di pazzi enormi con la museruola su un isola tropicale/villaggio turistico?
    .

    La cosa invece è abbastanza scontata.

    Be ci può stare un laboratorio segreto gestito da militari, esperimenti, ecc. da dove si è propagato il virus, mutante.L' isola nasconde questo segreto :D

    Un classico, scommetto che al 90% sarà così.
  3. efus

     
    #3
    gran bella recensione! sono proprio curioso di vedere un video in gameplay di questo gioco, poi il fatto che, fonalmente, si riproducano i danni inflitti in maniera realistica mi esalta. Non vedo l'ora di far saltare braccia e gambe!! concordo con quanto detto da babalot....i giganti fotocopia in camicia di forza non mi esaltano...comunque speriamo ne esca un capolavoro e non una ciofeca.
  4. babalot

     
    #4
    Lylot72La cosa invece è abbastanza scontata.

    Be ci può stare un laboratorio segreto gestito da militari, esperimenti, ecc. da dove si è propagato il virus, mutante.L' isola nasconde questo segreto :D

    Un classico, scommetto che al 90% sarà così.
    po esse. ma già mi perde un po' di hype se è così :( preferivo un'epidemia misteriosa senza complotti dietro e il puro e semplice bisogno di sopravvivere in un'ambiente "normale" in cui persone normali sono mutate in zombi.
    .
    @efus: guarda che è solo un'anteprima! ;)
  5. Stefano Castelli

     
    #5
    Nei Top 5 della prestigiosa classifica "Castelli's Most Wanted E Basta".
  6. xsecuzione

     
    #6
    quoto Lylot72!

    Speriamo davvero che la causa non sia la solita società segreta militare. Dare la colpa a qualche evento naturale ancora sconosciuto sarebbe davvero grandioso.
  7. Stefano Castelli

     
    #7
    xsecuzionequoto Lylot72!

    Speriamo davvero che la causa non sia la solita società segreta militare. Dare la colpa a qualche evento naturale ancora sconosciuto sarebbe davvero grandioso.

    Ma se anche fosse sarebbe un dettaglio decisamente secondario rispetto all'esperienza.
  8. AVV.

     
    #8
    ma sbaglio o ha una grafica della madonna?
  9. xsecuzione

     
    #9
    Stefano CastelliMa se anche fosse sarebbe un dettaglio decisamente secondario rispetto all'esperienza.

    Mhmmm non lo so...Perchè giocare sapendo che stai cercando di sopravvivere a qualcosa di ignoto può secondo me aumentare anche l'immersività e l'empatia col protagonista...ed una cosa del genere sicuramente influenza tantissimo anche l'esperienza...

    P.S. ovviamente se tutto ciò è raccontato in maniera appropriata.
  10. Bluemoon

     
    #10
    la storia della base militare e dello zampino del governo mi pare fosse già stata confermata, no?
    poi può essere che han cambiato tutto, ma serviva anche a giustificare l'arsenale bellico che si dovrebbe trovare in alcune zone della mappa, a patto di rischiare un po' di più.
Continua sul forum (47)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!