Genere
Picchiaduro
Lingua
Manuale in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
54,90 Euro
Data di uscita
16/8/2003

Def Jam Vendetta

Def Jam Vendetta Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
EA Sports BIG
Genere
Picchiaduro
PEGI
12+
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
16/8/2003
Lingua
Manuale in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
54,90 Euro

Lati Positivi

  • Adrenalinico e coinvolgente
  • Personaggi davvero carismatici
  • Multiplayer dannatamente divertente
  • Colonna sonora di prim'ordine

Lati Negativi

  • Alcune incertezze nei controlli
  • Rimane pur sempre un gioco "simil-wrestling"

Hardware

Per giocare a Def Jam Vendetta occorrono una confezione originale del gioco in versione PAL e una PlayStation 2 o un GameCube europei. Per il salvataggio dei dati di gioco dobbiamo disporre delle relative Memory Card, e per poter giocare in quattro sarà necessaria (nel caso della console Sony) la presenza di un MultiTap con il quale connettere i relativi joypad. Sono supportate le funzioni analogiche e di vibrazione di entrambi i controller.

Multiplayer

Pezzo forte di Def Jam Vendetta è sicuramente il multiplayer, ricco di una serie di sfide in grado di accontentare ogni palato. Il gioco in quattro è sicuramente la parte più divertente dell'intera proposta, potendosi fregiare di una discreta realizzazione tecnica e di personaggi incredibilmente carismatici. Sostanzialmente infinito.
Recensione

Def Jam Vendetta

Sono sempre così incacchiati verso il mondo che il più delle volte viene da chiedersi: ma dopo aver passato angherie di tutti i generi come fanno a sfogarsi solamente attraverso la musica? Questi rappettoni sono tutto fumo e niente arrosto? Assolutamente no e Def Jam Vendetta è pronto a dimostrarlo fra sangue, sudore e una sequenza di botte da capogiro!

di Nikola Togut, pubblicato il

Ma sì, in fondo sono anch'essi esseri umani e non solamente star dello spettacolo più o meno montate. Stiamo ovviamente parlando dei famosi cantanti rapper americani, quelli tanto per intenderci, che ritmano canzoni contro la società, le ingiustizie, o più semplicemente fanno della loro musica lo strumento più consono a trasmettere la loro rabbia repressa o il loro mai sopito senso di rivalsa. Daccordo che probabilmente nel Vecchio Continente non hanno mai goduto di quella grande considerazione tipica della cultura "underground" statunitense da dove traggono origine, ma è indubbio che il loro fascino più o meno marcato siano sempre riusciti a trasmetterlo anche dalle nostre parti. A questo punto, avrà sicuramente pensato Electronic Arts, perché non prendere spunto da questi personaggi per dare corpo a un videogioco ispirato proprio ai sentimenti espressi dalla loro musica? Detto fatto e ovviamente il videogioco non poteva che essere un bel picchiaduro, tosto e incavolato come deve essere un vero rapper. E se poi ci aggiungiamo una sfilza di artisti veramente esistenti e farciamo il tutto con un po' di sano wrestling e una colonna sonora d'eccezione? Prendiamo tutti gli ingredienti, shakeriamo per bene il tutto ed ecco fatto Def Jam Vendetta!

SAPER CANTARE, MA ANCHE PICCHIARE

Questo, sia ben inteso, non vale di certo per i nostri neo eroi capaci a quanto sembra di svolgere in assoluta tranquillità entrambe le cose. E se le abilità canore non potranno mai essere messe in discussione (daltronde sono tutti membri della nota etichetta Def Jam da cui trae nome il prodotto) discorso diverso rimane quello sull'abilità di lotta, tutta ancora da dimostrare soprattutto alla faccia del papabile acquirente. Spalanchiamo il padiglione auricolare dunque e stampiamoci ben in mente queste parole: si, sanno cantare, ma sanno pure "suonarsele" di santa ragione! E lo fanno in tante maniere diverse e con una classe che nulla ha da invidiare ai famosi "attori" del noto wrestling americano, a cui invece rimane da invidiare quel sano cinismo e quel pizzico di cattiveria che solo un videogioco con questi carismatici personaggi può riprodurre con tanta fedeltà. Dunque ricapitolando per ora abbiamo accennato a una buona giocabilità, a un appeal certamente particolare ma dall'indubbia qualità, a una colonna sonora di peso e, aggiungiamo prematuramente, c'è anche un più che decoroso motore grafico. Siamo di fronte a una sorta di capolavoro quindi? Capolavoro è parola fin troppo pesante e caricherebbe il gioco di qualità che malgrado tutto non gli appartengono, ma nessuno avrà da ridire se lo definiamo più semplicemente come una piacevole e alquanto inaspettata sorpresa.

QUESTIONE DI MOSSE!

Quanto sono importanti le mosse un picchiaduro lo sappiamo tutti, ma alle volte ci sfugge un particolare che non può e non deve essere trascurato: la caratterizzazione dei personaggi e la loro successiva implementazione all'interno di un universo di gioco, al fine di renderlo il più accattivante possibile o affinché, come minimo, rimanga ben fisso nella mente del giocatore. Sotto questo punto di vista Def Jam Vendetta si presenta ai nostri occhi come un piccolo gioiello, contraddistinto da una sequenza di mosse vasta e decisamente varia (oltre 1500 le combinazioni disponibili) a cui vanno ad aggiungersi una serie di colpi speciali creati ad hoc per ogni personaggio. E fra una combo ben riuscita, un salto volante dall'angolo del ring e un classico sfottò al nostro avversario non c'è niente di meglio che calcare la mano con dei colpi talmente pittoreschi e cruenti da togliere il fiato (e la vita) al nostro rivale. Effettuare la tanto agognata mossa non è però cosa semplice e il tutto dipende dalla nostra spettacolarità nel combattimento, dal relativo entusiasmo del pubblico e soprattutto dalla presenza di un'apposita barra d'energia. Ma non c'è da disperarsi, perché non è questo l'unico modo per poter sconfiggere l'avversario di turno, che potremo prendere per sfinimento e successivo countdown, o a cui potremo infliggere una cocente umiliazione inveendo contro i suoi arti fino a portarlo al KO.

MA ESISTE UNO SCOPO?

Sappiamo tutti che in un gioco del genere la storia rappresenta solamente una mera scusa per giustificare il sano combattimento in campo e il titolo Electronic Arts non fa eccezione a questa regola: chiamati a sostituire un nostro amico durante degli incontri clandestini ci ritroviamo ben presto a lottare per non essere sopraffatti dal classico Boss di turno, desideroso quanto mai di porre fine alla nostra infinita sequela di vittorie. Più classico di così si muore, anche se di classico non si può propriamente parlare, vista la presenza dei noti cantanti, di un parco lottatori composto da oltre quaranta personaggi più o meno reali, e della possibilità di lottare e di veder lottare anche delle seducenti ragazze, in pratica le solite "gallinelle" di turno che affollano il mondo non propriamente "sano" delle lotte clandestine, dove però non si limitano solamente a fare presenza sul ring... (lasciamo vivo il gusto della scoperta). Se però la rincorsa al potere, oppure guadagnare un mucchio di denaro (e perché no anche rispetto), o più semplicemente potenziare il nostro alter ego non dovesse bastare, non ci vorrà molto per scaldare la poltrona di casa con le altre modalità di gioco presenti e in special modo grazie al punto di forza vero e proprio del titolo: il multiplayer. Sì, le possibilità di cimentarsi nel più canonico dei survival o delle sfide contro il computer in affascinanti tutti contro tutti non mancano di certo, ma - come spesso accade - le sfide fra quattro amici sono ben altra cosa. Da questo punto di vista Def Jam Vendetta raggiunge vette di giocabilità eccelse, con un susseguirsi di combattimenti frenetici altamente coinvolgenti e caratterizzati da un tasso tecnico più che discreto. Scordiamoci le sequenze da "funanboli del joypad" di un Virtua Fighter 4: a farla da padrone saranno le combinazioni in accoppiata, la capacità di sferrare il colpo giusto al momento giusto e quel sano pizzico di "bastardaggine" capace di farci mettere al tappeto un amico che fino a pochi secondi prima si rivelava fedele compagno di ring: una goduria davvero "selvaggia".

PLAYSTATION 2 O GAMECUBE?

Non c'è molto da dire, in effetti, sulle differenze esistenti fra le due versioni del titolo Electronic Arts. Considerando il fatto che la linea generale intrapresa nel caso di titoli multipiattaforma è ormai chiaro da tempo le due piattaforme presentano una Def Jam Vendetta sostanzialmente uguale dal punto di vista grafico, fatta eccezione per un problema di aliaising leggermente accentuato nella versione PlayStation 2 e una maggior velocità di caricamento dei dati per quanto concerne il GameCube. Questa uguaglianza si rispecchia anche nella qualità del comparto sonoro e lo stesso dicasi per il sistema di controllo e la risposta ai comandi, invero un po' lenta quando si tratta di dover calamitare le nostre "cure e attenzioni" su un avversario diverso da quello precedentemente selezionato. Ciò nonostante l'impatto complessivo rimane decisamente gradevole agli occhi, con lottatori personalizzati alla grande e dotati di un carisma unico, arene di gioco lugubri o incredibilmente sfarzose a seconda degli ambienti e delle situazioni, colori e texture convincenti, animazioni e fluidità impeccabili. Sopra tutto però si piazza la traccia sonora e la gestione della telecamera (quest'ultima sempre puntigliosa nel riprendere le più spettacolari delle mosse), potendo ovviamente contare sui più famosi brani musicali pubblicati dalla stessa etichetta discografica. Lasciamo al parola al commento per tutte le considerazioni conclusive.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Che strani titoli i giochi di lotta in stile "wrestling". Non possiedono la profondità di un canonico picchiaduro (Tekken & soci), alle volte propongo personaggi che più che risultare carismatici riescono solamente a strappare qualche fragorosa risata, e molte volte finisco con lo stancare ben presto il giocatore. Nonostante questo, però, sono strani perché... divertono! L'aspetto su cui fanno leva non sono le mosse impossibili, bensì l'entusiasmo generale che gira attorno a questi bestioni e le sane ore di martellamento che sanno dispensare a destra e a manca. Niente fronzoli quindi e Def Jam Vendetta non fa eccezione potendo inoltre fregiarsi di una serie di lottatori/cantanti famosi, caratterizzati con una cura certosina, e di una modalità in multiplayer capace di catturare velocemente chiunque si ritrovi fra le mani un joypad. Cercate qualcosa di immediato e soddisfacente? Acquistate senza timori il titolo Electronic Arts... l'ottima giocabilità e la buona musica che lo contraddistinguono non vi deluderanno di certo.