Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
5/3/2010

Dementium II

Dementium II Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
SouthPeak
Sviluppatore
Renegade Kid
Genere
Azione
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
5/3/2010
Giocatori
1

Hardware

Dementium II sarà disponibile per Nintendo DS.

Multiplayer

Non sono previste modalità multiplayer.
Eyes On

Back into the madness

Prepariamoci a un viaggio tra pazzia e realtà.

di Fabio Mogavero, pubblicato il

Dementium fu il primo (e per molti versi, l’unico) FPS horror che vide luce su Nintendo DS. Fu accolto come una piacevole sorpresa da alcuni, meravigliati dalla possibilità di percorrere corridoi cupi e d’atmosfera sull’allora nuovo handheld Nintendo; per altri fu invece poco più di una futile applicazione, o al meglio un’occasione mancata a causa della ripetitività dello schema di gioco, della mancanza di originalità e della pochezza del titolo tout court. Tra un mese circa i ragazzi di Renegade Kid avranno la possibilità di tornare sugli scaffali con un nuovo capitolo del loro gioco orrorifico per cercare di far ricredere gli scontenti e offrendo ai fan la possibilità di tornare a percorrere i claustrofobici corridoi della follia in Dementium II.

così iniziò la follia

Il teatro degli eventi sarà ancora una volta all’insegna della pazzia: nei panni di William Redmoor vagheremo in un centro per la riabilitazione di malati mentali e capire come uscirne sarà il nostro compito. L’inizio delle nuove disavventure non sarà dei più originali: ci sveglieremo all’interno di una cella senza alcun ricordo degli avvenimenti che ci hanno fatto precipitare in questa scomoda situazione. Diverrà presto chiaro che le cose, da lì in avanti, non possono far altro che peggiorare: la realtà inizierà confondersi e sfrangiarsi letteralmente intorno a noi, trasportandoci in una raccapricciante dimensione alternativa nella quale i pazienti vengono sostituiti da zombie ed interstiziali aberrazioni a cui la letteratura videoludica horror ci ha abituato da Alone in the Dark in poi.
Dopo questa visione, in un flash, tutto torna come prima: gli zombie che venivano verso di noi non si rivelano altro che guardie dotate di storditori elettrici che, con fare poco amichevole, ci vengono incontro procedendo nei bianchi corridoi. Giusto il tempo di accorgerci che non siamo più all’interno della nostra cella e di sbarazzandoci dei nostri avventori e possiamo iniziare a passeggiare nei corridoi del manicomio.
C’è decisamente qualcosa di sbagliato là fuori. O in noi...

Barlumi di luce

Dementium II ha tutto il necessario per essere molto meglio del suo predecessore.
Si preannuncia più varietà nei mostri che ci troveremo ad affrontare, scampando dall’egemone duo zombie-coi-calzoni/verme del primo episodio. Un bizzarro boss che è stato possibile avvistare presentava per esempio quattro braccia e una gigantesca bocca – zeppa di denti affilati – dalla quale ci riverserà del vomito tossico.
Maggior importanza verrà questa volta data alle armi a breve raggio, in modo da incoraggiare il combattimento corpo a corpo, anche tenendo conto della scarsità di munizioni che verranno trovate per le armi più convenzionali. Tramite un martello ci sarà data la possibilità, a un certo punto dell’avventura, di rompere le porte chiuse per scoprire nuove sezioni esplorabili.
Uno dei difetti peggiori del precedente capitolo consisteva nell’obbligo di mantenere l’essenziale torcia elettrica accesa per ampie sezioni di gioco. Ciò significava non poter utilizzare armi ma, al contrario, procedere in un infinito switch tra coni di luce e spari al buio secondo una traiettoria supposta. In Dementium II ci sarà finalmente data la possibilità di utilizzare una pistola e, nel medesimo istante, vedere chiaramente il nostro obiettivo.

comode novità

Per quanto riguarda il comparto grafico non sembrano esserci sorprese.
Il motore sarà quello utilizzato anche per il precedente gioco dei Renegade Kid, Moon, a sessanta fotogrammi al secondo costanti. Dementium II salverà i nostri progressi automaticamente ogni qual volta varcheremo una soglia, il che, se da un lato rende fattibile una fruizione mordi-e-fuggi, dall’altro potrebbe infastidire chi avrebbe voluto tatticamente programmare un’esplorazione preventiva dell’ambiente di gioco.
Altra nuova caratteristica, banale ma importante, sta nella possibilità di portare con sé pillole per la guarigione che si troveranno nei tetri corridoi e sgabuzzini dell’ospedale, anziché doverli sprecare o percorrere lunghi percorsi di backtracking per recuperarne qualcuno.
I controlli funzionano in maniera simile alla precedente iterazione dell’FPS horror, scorrendo lo stick del DS sullo schermo inferiore per controllare la visuale di quello superiore, mentre con la croce direzionale ci si potrà muovere. L’unica variazione sarà rappresentata dai comandi per accucciarsi e per saltare, ora presenti sul touch screen. Presente su quest’ultimo sarà anche la mappa del livello, visibile senza bisogno di cambiare schermata.

Sopravvivere

Un’interessante – ancorché rischiosa – applicazione del Survivor Mode sarà presente nel gioco. In origine saranno presenti due sole stanze ripiene di mostruosità assortite: nella prima troveremo una barra di ferro e delle pillole medicinali, nella seconda un revolver e dei proiettili. Banalmente, una volta sterminati i nemici, ne arriveranno altri, più forti.
Questo scheletro minimo varierà: procedendo nel gioco scopriremo che a ogni livello completato corrisponderanno delle nuove stanze che andranno ad aggiungersi alle prime due, insieme a nuove armi e mostri, così da ampliare progressivamente la modalità Survival.
Dementium II sembra quindi aver affilato e perfezionato gli aspetti in cui il primo difettava, promettendo di esibire un mix di atmosfera e – questa volta – di solidità assieme a una storia degna di questo nome, che potrebbe farci voler fare, ancora una volta, due passi in manicomio.


Commenti

  1. XESIRROM

     
    #1
    bello bello bello bello bellooooooooo!!! come il primo ancora di più a me piace dementium (rima un po' idiota con l'accento sulla u ma va la prrr)
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!