Genere
Action RPG
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
€ 69,90
Data di uscita
24/6/2010

Demon's Souls

Demon's Souls Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Atlus
Sviluppatore
From Software
Genere
Action RPG
PEGI
16+
Distributore Italiano
Bandai Namco Games
Data di uscita
24/6/2010
Data di uscita americana
6/10/2009
Data di uscita giapponese
5/2/2009
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 69,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Lati Positivi

  • Sistema di combattimento profondo e vario
  • Atmosfera di grande livello
  • Longevità elevata
  • Voglia di giocarlo ancora una volta finito
  • PvP divertente
  • Boss fight ispirato e mai banale

Lati Negativi

  • Curva di apprendimento alta
  • Può risultare frustrante
  • Qualche raro bug
  • Giocato superficialmente perde molto

Hardware

Oltre alla confezione originale di Demon's Soul (provato per l'occasione in versione americana) è richiesta una console PlayStation 3 di qualsiasi regione. Il gioco non prevede istallazione su disco rigido.

Multiplayer

È possibile giocare in multiplayer online fino a tre giocatori in modalità co-op o PvP.

Link

Recensione

Un gioco d'altri tempi

Un eroe solo e senza nome...

di rogerw, pubblicato il

Sin dalle prima battute è facile intuire che ci troviamo di fronte a un sistema di combattimento estremamente curato e profondo, ma soprattutto Demon’s Souls vuole subito mettere in chiaro che non fa sconti a nessuno, basta un piccolo errore per lasciarci le penne. Almeno all’inizio - quando bisogna prendere confidenza con il sistema di gioco - la curva di apprendimento è decisamente alta. Ogni arma ha un suo preciso stile, può essere ottima contro determinati nemici e poco efficace contro altri.
Il gioco spingerà spesso a cambiare equipaggiamento e stile per affrontare i vari pericoli di Boletaria. La paura di fare anche solo un passo è una costante e questo costringe ad avanzare cauti e attenti, ma soprattutto a passare la maggior parte del tempo a scrutare quello che ci circonda per valutare la situazione di volta in volta, in modo da capire quale sia la mossa giusta da compiere.
Una volta finito il tutorial - morti a causa di un Boss che incontreremo più avanti nel gioco per una sana vendetta - ci ritroveremo sottoforma di anima nel Nexus, una zona sicura dalla quale è possibile accedere ai cinque mondi presenti nel gioco. Verremo risvegliati da una splendida e allo stesso tempo inquietante creatura dalle sembianze femminili - La Maiden in Black - che ci aiuterà ad allenare le nostre abilità in cambio di anime.
Nel Nexus possiamo anche comprare oggetti, fare potenziamenti di base alle armi, depositare il nostro bottino di battaglia o comprare magie di attacco o di difesa.
A questo punto toccherà a noi sovvertire le sorti di Boletaria affrontando ogni demone che ci si parerà davanti. Mettiamo subito in chiaro che la trama non è certo il punto forte di Demon’s Souls, è una scelta chiaramente voluta. I dialoghi con i Personaggi Non Giocanti sono relativamente brevi e generalmente solo di contorno.

ANIMA E CORPO

Sottoforma di anima la nostra barra della vita sarà ridotta a metà, ma in compenso i nostri colpi faranno sensibilmente più male; il nostro corpo mostrerà un aura blu e i nostri passi non faranno rumore. Ci sono vari modi per tornare in forma corporea, oltre all’utilizzo di rarissime pietre sparse per i livelli, i modi più divertenti sono fondamentalmente due: uccidere uno dei svariati Boss presenti nei cinque mondi da soli o in coop aiutando un amico che deve essere obbligatoriamente in forma corporea; oppure facendo PvP invadendo il mondo di un altro giocatore uccidendolo. Se l’invasione dovesse fallire, ci verrà sottratto un livello e di conseguenza un punto nella statistica più alta.
Il sistema di comunicazione tra due giocatori si basa esclusivamente sul linguaggio del corpo, tramite movimenti è possibile salutare, inchinarsi e cosi via.

CONDIVIDERE E COMUNICARE

La filosofia di From Software si basa sull’aiuto reciproco e per godere appieno della loro ultima fatica è consigliato giocare in modalità online, cosi da leggere i messaggi lasciati sul terreno da altri giocatori poco prima di sezioni pericolose: leggere un messaggio prima di affrontare un Boss spesso può salvare la vita. Inoltre cliccare sulle pozze di sangue sparse per i livelli può essere utile per capire – tramite una sorta di replay – cosa ha sbagliato chi quella sezione di gioco l’ha già provata.
Provare, sbagliare e poi condividere la propria esperienza è uno dei principi fondamentali di Demon’s Souls; non si è obbligati a farlo, ma aiutando il prossimo è possibile trovare qualcuno che ricambi il favore “raccomandando” il messaggio da voi lasciato e regalandovi una cura gratuita che magari arriva proprio nel momento utile.
Sbagliare ha un suo prezzo, però: una volta morti tutte le anime guadagnate fino a quel momento saranno perse e conservate nella pozza di sangue venutasi a creare sul punto di morte. Per recuperarle avrete solo una possibilità: morire una seconda volta nel tentativo di riacquisirle significherà perderle definitivamente.
Sebbene la cosa possa sembrare frustrante e crudele, questo è il prezzo da pagare che Demon’s Souls chiede al giocatore; ogni morte inoltre, aumenta il potere dei demoni di quel mondo spingendolo verso l’oscurità, rendendo i nemici più coriacei, ma allo stesso tempo più generosi in fatto di anime e oggetti rilasciati dopo la morte. Al contrario, ogni demone ucciso porterà positività nel mondo, indebolendone i suoi abitanti, ma rendendoli anche più avari di oggetti.
La “Tendenza del mondo”, positiva o negativa che sia, influenzerà lo stesso attivando determinati eventi o locazioni altrimenti inaccessibili. Stessa cosa dicasi per la “Tendenza del personaggio”: uccidere un Personaggio Non Giocante vi renderà malvagi facendo apparire nuovi PNG spietati che vi assegnerano nuove missioni a tema.
Ogni azione compiuta è irreversibile: per esempio, uccidere il fabbro che si occupa del potenziamento delle vostre armi, significherà rinunciare a quella possibilità fino alla fine senza facoltà di recupero. Il gioco salva i progressi spesso e in maniera silenziosa, anche da questo punto di vista Demon’s Souls è assolutamente spietato.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
From Software tira fuori un gioiellino dal cilindro: Demon’s Souls è il classico gioco che non ti aspetti, poco pubblicizzato, quasi un tentativo, una scommessa... completamente vinta. Ma non sarà amore a prima vista: serve un atto di fede, serve guardare oltre l’aspetto esteriore. Qui la sostanza supera decisamente la forma. L’atmosfera medievale tetra e rarefatta, ma allo stesso tempo apocalittica e desolante contribuisce a far immergere completamente il giocatore nel personaggio, e i cinque mondi di Demon’s Souls restituiscono tutti questa sensazione sebbene siano completamente diversi l’uno dall’altro. La quantità e qualità delle armi che influenzano in modo concreto lo stile di gioco valorizzando il sistema di combattimento, unito ai duelli con i Boss - avvincenti e mai uguali - sono la vera essenza di questo gioco e lo rendono senza ombra di dubbio una delle migliori produzioni di questa generazione. Il livello di sfida è altissimo e costringe il giocatore a dare il meglio di se in ogni occasione, da questo punto di vista Demon’s Souls esegue una selezione naturale. Verrebbe da dire che non è un gioco per tutti, ma allo stesso tempo ogni giocatore di videogame che si rispetti dovrebbe provarlo e dargli una possibilità. <i>Rosario Maresca</i> Grezzo, sbilanciato e frustrante, ma allo stesso tempo accattivante e stimolante, Demon's Soul sembra un videogame uscito da altri tempi, quando i progressi dei giocatori erano basati su continui tentativi e lunghe sessioni potevano essere compromesse da un singolo errore. Il gusto della scoperta si unisce con un eccellente sistema di combattimento e una sfiziosa implementazione dell'online per dare vita a uno dei migliori action-GDR pubblicati negli ultimi anni. Peccato davvero per una resa grafica decisamente sotto-sviluppata, per un'interfaccia decisamente caotica e per una trama davvero poco sviluppata, nonché per un livello di difficoltà che può facilmente risultare proibitivo, specialmente per chi è abituato agli standard dei videogame odierni. Bello, ma non per tutti. <i>Stefano Castelli</i>

Commenti

  1. Vladimiro

     
    #1
    Concordo con la recensione in linea di massima, molto molto meno con questo pezzo:

    "Peccato davvero per una resa grafica decisamente sotto-sviluppata, per un'interfaccia decisamente caotica e per una trama davvero poco sviluppata, nonché per un livello di difficoltà che può facilmente risultare proibitivo, specialmente per chi è abituato agli standard dei videogame odierni."

    La resa grafica e' quella che e', ma va contestualizzata in un prodotto che non e' proprio uscito ieri e che si presentava decisamente low-budget. Quanto al discorso sull'interfaccia, non la trovo caotica ma piuttosto semplice e intuitiva. Il livello di difficolta' non e' proibitivo, ma questo e' un gioco che ti mette alla prova, ostico e sicuramente non adatto a tutti (specialmente a chi si aspetta un tutorial di 20 ore con aiuti ogni 3 passi).
  2. Dark76

     
    #2
    è il gioco che mi manca di piu da quando non ho la ps3... amo il genere e quindi per ora rosico
  3. Stefano Castelli

     
    #3
    Vladimiro ha scritto:
    La resa grafica e' quella che e', ma va contestualizzata in un prodotto che non e' proprio uscito ieri e che si presentava decisamente low-budget.

    Non si può contestualizzare una valutazione dicendo al lettore che il gioco è "low budget": sempre 50 e passa euro costa. :)
    E graficamente Demon's Soul non è una cima. Ha i suoi bei momenti, per carità, ma è sporchissimo, molte animazioni sono robotiche, gli effetti speciali languono e via dicendo. Insomma, secondo me quel passaggio ci sta tutto. I pregi del gioco stanno altrove. :)


    Quanto al discorso sull'interfaccia, non la trovo caotica ma piuttosto semplice e intuitiva.

    Anche qui dissento, specie su "intuitiva". L'interfaccia secondo me è davvero pessima.

    Il livello di difficolta' non e' proibitivo, ma questo e' un gioco che ti mette alla prova, ostico e sicuramente non adatto a tutti (specialmente a chi si aspetta un tutorial di 20 ore con aiuti ogni 3 passi).
     Si, questo è vero. E' un gioco molto severo. Non "proibitivo", ma può comunque scoraggiare i giocatori meno smaliziati e pazienti.
  4. Vladimiro

     
    #4
    Stefano Castelli ha scritto:
    Non si può contestualizzare una valutazione dicendo al lettore che il gioco è "low budget": sempre 50 e passa euro costa.
    E graficamente Demon's Soul non è una cima. Ha i suoi bei momenti, per carità, ma è sporchissimo, molte animazioni sono robotiche, gli effetti speciali languono e via dicendo. Insomma, secondo me quel passaggio ci sta tutto. I pregi del gioco stanno altrove.


    No e non voglio certo dire che bisogna gridare al miracolo grafico, solo puntualizzare il perche' il titolo abbia quella resa, ovvero non stiamo parlando di un gioco uscito 1 mese fa e nemmeno di una roba spacca budget tipo KZ2 e compania bella.
    Solo quello intendevo. :)

    Stefano Castelli ha scritto:
    Anche qui dissento, specie su "intuitiva". L'interfaccia secondo me è davvero pessima.


    Rispetto la tua opinione ma non la condivido: non capisco davvero come possa essere caotica quel tipo di interfaccia. Ma vabbe' sui gusti non sto a discutere ovviamente. :)
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!