Genere
Guida
Lingua
Italiano
PEGI
3+
Prezzo
ND
Data di uscita
5/4/2016

DiRT Rally

Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Codemasters
Sviluppatore
Codemasters
Genere
Guida
PEGI
3+
Distributore Italiano
KOCH Media
Data di uscita
5/4/2016
Lingua
Italiano

Lati Positivi

  • Un piacere da giocare con il volante. Divertente anche con il pad
  • Modelli delle auto di buona fattura

Lati Negativi

  • Alcune texture non sono convincente.
  • Parco opzioni non ricchissimo.

Hardware

DiRT Rally è disponibile su PS4, PC e Xbox One.

Multiplayer

DiRT Rally dispone di una componente online sufficientemente ampia e varia.

Modus Operandi

Abbiamo ricevuto la versione PS4 di DiRT Rally dal distributore.

Link

Recensione

Il re del controsterzo

Codemasters torna nel mondo dei rally con un titolo esaltante e impegnativo

di Dario Ronzoni, pubblicato il

A quattro mesi di distanza dall’esordio su PC, l’ultimo lavoro di Codemasters dedicato al mondo dei rally arriva finalmente su console, confermando quanto di buono visto alla sua prima apparizione. Senza troppi giri di parole, Dirt Rally è un gran gioco, un titolo di corse che fa respirare le atmosfere dei vecchi racing di qualche anno fa, quando le software house osavano ancora sfidare il mercato con titoli tutt’altro che indulgenti nei confronti dei giocatori.

Un nuovo campione della categoria

Per la prima volta da anni ci sentiamo di scomodare i primi Colin McRae Rally, per restare in casa Codemasters, o addirittura l’ormai leggendario Richard Burns Rally per trovare validi metri di paragone per l’ultimo arrivato nel mondo della guida in controsterzo. Dirt Rally è un titolo difficile, dannatamente difficile, ma allo stesso tempo appagante per chi si era ormai stancato di produzioni blandamente arcade e dal tasso di sfida pari a zero. Affrontare una prova speciale tra i boschi scandinavi o nel fango gallese, a bordo di mezzi che spaziano dagli albori della categoria fino ai mostri contemporanei, sarà un’esperienza a tratti catartica. Va detto, il pad non è a conti fatti la periferica ideale per godersi al meglio un titolo con queste caratteristiche, ma anche senza volante Dirt Rally riuscirà a divertire senza risultare eccessivamente frustrante.

La leggendaria Lancia Delta S4 impegnata sui salti finlandesi. Ogni modello presente è stato riprodotto con buona dovizia di particolari - DiRT Rally
La leggendaria Lancia Delta S4 impegnata sui salti finlandesi. Ogni modello presente è stato riprodotto con buona dovizia di particolari
Dirt Rally per console è il fedele port della versione PC, il che si traduce in modalità e parco auto pressoché identici. Forse sta qui il limite maggiore del titolo Codemasters, caratterizzato com’è da un ventaglio di modalità piuttosto risicato. Oltre alla Carriera, lunga e immersiva al punto giusto, restano infatti solo i rally personalizzabili per numero di tappe (solo sei ambientazioni complessive), gli Hillclimb, con la mitica Pikes Peak, e i Rally Cross, per sfide testa a testa su tre sole piste. D’accordo badare alla sostanza, ma qualche pista o modalità in più ce la saremmo aspettata. Se non altro, l’online conferma quanto di buono mostrato su PC, con sfide giornaliere, settimanali e mensili che dimostrano l’impegno riposto da Codemasters nella proposta multiplayer.

Anche l’occhio vuole la sua parte

L’EGO Engine dà sicuramente il meglio di sé su PC, ma su PS4 e Xbox One la conversione non appare troppo castrata e anzi, gira solida a 60fps e 1080p in tutte le situazioni (su Xbox One la risoluzione dinamica può scendere a 900p, ma senza evidenti cali di qualità). I modelli delle auto sono ben realizzati, sia nelle visuali esterne che in quelle degli abitacoli, dettagliati e realistici. Negli anni ci siamo abituati a giochi capaci di proporci centinaia di auto diverse, vere e proprie enciclopedie virtuali della storia delle quattro ruote. Neppure in questo Dirt vuole seguire la massa: pur proponendo numerose vetture, Codemasters preferisce badare al sodo, mettendo in pista solo i modelli realmente più significativi della storia dei rally. Ecco allora comparire le mitiche Fulvia e Stratos, passando per le spaventose Gruppo B degli anni Ottanta, fino alle moderne protagoniste degli anni Duemila. Il modello dei danni è ben implementato sia da un punto di vista visivo che reattivo.

Non poteva mancare la Polo dominatrice di questi ultimi anni. Il parco macchine, ricco ma non ricchissimo, racchiude al suo interno buona parte dei modelli che hanno fatto la storia di questo sport - DiRT Rally
Non poteva mancare la Polo dominatrice di questi ultimi anni. Il parco macchine, ricco ma non ricchissimo, racchiude al suo interno buona parte dei modelli che hanno fatto la storia di questo sport
Dove talvolta la resa grafica generale cala un po’ è nella realizzazione di determinati elementi di contorno, come la vegetazione: in alcune prove speciali del rally greco, per esempio, noteremo una qualità delle texture non all’altezza del resto dell’offerta, ma stiamo cercando il classico pelo nell’uovo. Da un punto di vista strettamente rallistico, la precisione delle note del navigatore è inappuntabile in ogni circostanza, anche se la voce scelta per la versione italiana, caratterizzata da una leggera ma percepibile inflessione dialettale, può risultare a tratti un po’ fuori posto.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Dirt Rally è senza dubbio il miglior gioco dedicato alle corse in controsterzo dai tempi di Richard Burns Rally. In un’epoca di produzioni che strizzano l’occhio al giocatore casual, l’ultimo lavoro di Codemasters riporta i piloti virtuali all’eroismo e all’adrenalina dei vecchi racing degli anni Novanta e dei primi Duemila. Il tutto si traduce in una simulazione che non perdona, difficile e ricca di insidie, che potrà essere affrontata al meglio solo ricorrendo a un volante. Anche col semplice pad, tuttavia, sarà possibile ricavarne un’esperienza di gioco appagante e coinvolgente. Avremmo solo sperato in qualche modalità in più, ma anche così ci troviamo di fronte a un nuovo caposaldo della categoria, senza discussioni.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!