Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Dishonored

Dishonored Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Bethesda Softworks
Sviluppatore
Arkane Studios
Genere
Azione

Modus Operandi

Abbiamo dato un'occhiata al gioco nel corso di un evento organizzato da Bethesda a Londra.

Link

Eyes On

Confronto diretto

Come un cambio di approccio può cambiare tutto.

di Marianna Cecere, pubblicato il

Due approcci molto differenti, quindi, ma che non saranno gli unici possibili in Dishonored. Come già ricordato, se da un lato le missioni si succederanno in maniera lineare, ciascuna di esse rappresenta un’entità e uno scenario a sé, nel quale Corvo può muoversi liberamente e nel quale dovrà trovare da solo il modo di andare avanti. Non esiste un’unica soluzione giusta a ciascun problema, nè una sola via d’accesso a un edificio o una stanza, e sarà necessario guardarsi intorno e improvvisare usando il proprio intuito, la propria capacità di osservazione e, naturalmente, le abilità e gli oggetti a disposizione del personaggio. E se da un lato la violenza può apparire la via più semplice e breve, dall’altro un approccio più cauto permetterà di risparmiare le preziose risorse del gioco, cioè gli elisir creati dai “filosofi naturali” Sokolov e Piero, che proteggono il protagonista dalla pestilenza che sta flagellando la popolazione di Dunwall e gli permettono di riguadagnare la salute e l’energia perduti. La scelta tra i due approcci, o meglio su come e in che quantità dosare forza bruta e cautela (le possibilità sono infinite), spetterà quindi esclusivamente al giocatore. È bene tenere a mente, in ogni caso, che il gioco tiene traccia dello stile di combattimento e dell’eventuale numero di uccisioni, e che alcuni dettagli del mondo (la quantità di ratti e di Piangenti, le persone infettate dalla peste), dei dialoghi e della trama cambieranno di conseguenza, con la possibilità di accedere a un finale differente a seconda del comportamento tenuto durante l’avventura.

I Tallboys sono guardie che indossano un esoscheletro dai lunghi trampoli, per proteggersi dal contatto con i ratti e le vittime della pestilenza - Dishonored
I Tallboys sono guardie che indossano un esoscheletro dai lunghi trampoli, per proteggersi dal contatto con i ratti e le vittime della pestilenza

DUNWALL E DINTORNI
Ci è stato confermato che, nonostante l’ambientazione sia molto vasta e complessa, con varie isole dalle culture distinte, Dishonored sarà ambientato soltanto all’interno di una singola città. Dunwall, tuttavia, avrà molto da offrire: la trama sarà, come ricordato, lineare, ma verrà raccontata in maniera più visiva che narrativa, con un gran numero di dettagli sparsi in giro per la città e che andranno colti tenendo occhi e orecchie ben aperti, e lasciando che sia il giocatore a trarre le proprie conclusioni. Pur non entrando nei dettagli, Smith e Colantonio hanno accennato al fatto che Corvo non è l’unico a essere dotato di poteri soprannaturali, e che nel corso della trama incrocerà alcuni suoi simili ed entrerà nuovamente in contatto con i il misterioso Esterno, una creatura proveniente dal Vuoto (l’ “aldilà” del mondo di Dishonored, dove non esistono inferno e paradiso) che sembra agire secondo imperscrutabili motivazioni.

Alla sequenza giocata ha fatto seguito una presentazione dell’ambientazione e dell’aspetto artistico del gioco, meno dinamica ma non per questo meno interessante, ad opera del direttore grafico di Arkane Sebastien Mitton e del direttore della progettazione visiva di Zenimax Viktor Antonov. Dopo aver illustrato alcune delle loro fonti di ispirazione, da Metropolis di Fritz Lang a Blade Runner (mondi realistici, con una forte personalità e creati “con amore”), Mitton e Antonov hanno spiegato il processo creativo che li ha portati a creare un mondo steampunk che con lo steampunk classico non ha nulla a che vedere. L’impronta vittoriana degli edifici è ispirata, naturalmente, a Londra, ma anche Edinburgo si è rivelata importante per plasmare quella che poi è diventata Dunwall: una città cinta di mura, dove il tempo e le stagioni sembrano aver smesso di esistere, illuminata dalla luce aspra delle lampade a olio, che la vestono di colori acidi e di ombre scure e nette.

Corvo acquisisce nuovi poteri raccogliendo rune in giro per Dunwall e spendendole in un apposito menu. Ci sono 12 abilità, ciascuna con due livelli di potenza - Dishonored
Corvo acquisisce nuovi poteri raccogliendo rune in giro per Dunwall e spendendole in un apposito menu. Ci sono 12 abilità, ciascuna con due livelli di potenza

Il fiume che attraversa Dunwall svolge anch’esso un ruolo importante, vista la possibilità di prendere il controllo dei pesci e usare i canali per spostarsi, e particolare attenzione è stata riservata alla prospettiva vista dal basso, con Mitton e Antonov impegnati, sembra, a scattare foto rasoterra per scoprire come appare il mondo visto dagli occhi di un ratto.
Va detto che non tutte le soluzioni e le idee confluite in Dishonored sono particolarmente nuove o originali, ma bisogna dire che il gusto risultante dall’unione di tutti gli ingredienti ci è sembrato deciso, insolito e ricco di personalità. Questo, naturalmente, era solo un assaggio, e non sappiamo quanto ancora dovremo attendere per gustare il piatto completo, dal momento che la data di uscita resta fissata genericamente entro il 2012.


Commenti

  1. mister

     
    #1
    Ma la Bethesda sorprende sempre con questi tipi di giochi, lo prenderò sicuramente ma non so se al primo giorno.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!