Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
10/3/2015

DmC: Devil May Cry - Definitive Edition

DmC: Devil May Cry - Definitive Edition Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Capcom
Sviluppatore
Ninja Theory
Genere
Azione
Data di uscita
10/3/2015
Giocatori
1

Lati Positivi

  • Tantissimi contenuti e extra
  • Fluido e di grande impatto
  • Ottime migliorie in termini di bilanciamento

Lati Negativi

  • Pessimo lip-sync
  • Tecnicamente si poteva fare qualcosina in più

Hardware

DmC: Devil May Cry - Definitive Edition sarà disponibile su Xbox One e PS4 dal 17 marzo.

Multiplayer

Così come l'edizione originale il titolo non propone alcuna modalità multiplayer.

Modus Operandi

Abbiamo messo le mani sulla Definitive Edition di DmC grazie a un codice PS4 fornitoci da Halifax.
Recensione

Dante is back!

Capcom e Ninja Theory ripropongono il controverso reboot di Devil May Cry.

di Davide Persiani, pubblicato il

Sono passati circa due mesi dal lancio di Resident Evil HD ma Capcom è già pronta a regalarci un nuovo remaster dedicato a un'altra delle sue celebri IP. Tra qualche giorno sbarcherà infatti sul mercato una versione rivista e corretta di DmC: Devil May Cry, titolo che pur avendo sollevato diverse controversie all'epoca del suo debutto sulle console di vecchia generazione, si è comunque conquistato con pieno merito un posto sul palcoscenico videoludico che conta davvero: quello di nuova generazione. Il passaggio su Xbox One e PS4 con questa attesissima Definitive Edition avrà tuttavia prodotto i risultati sperati?

PICCOLI PASSI AVANTI

Ogni qualvolta ci si trova di fronte a un qualsiasi remaster, la prima cosa che salta agli occhi è ovviamente l'ottimizzazione tecnica, ma nel caso di questa Definitive Edition, le novità più rilevanti richiedono un occhio più acuto e allenato per essere notate e soprattutto apprezzate. Sebbene sia infatti innegabile che la resa a 1080p garantisca un impatto visivo molto più convincente e che i 60fps rendano l'azione ancor più fluida e spettacolare di quanto già non fosse su PS3 e Xbox 360, il prodotto brilla infatti per l'ottimo lavoro svolto da Ninja Theory in termini di ribilanciamento e ottimizzazione delle meccaniche.

Il lock-on manuale sarà probabilmente l'aggiunta più gradita di questo remaster agli occhi di tutti i vecchi appassionati della saga. - DmC: Devil May Cry - Definitive Edition
Il lock-on manuale sarà probabilmente l'aggiunta più gradita di questo remaster agli occhi di tutti i vecchi appassionati della saga.

Attraverso un minuzioso processo di riequilibrazione generale, il team di sviluppo ha reso l'esperienza più complessa e stimolante, dimostrando così di aver effettivamente ascoltato le richieste degli appassionati per migliorare la qualità complessiva di un'esperienza già di per sé superiore alla media. A salire, dunque, è stata prima di tutto la difficoltà media dell'esperienza, ora leggermente più vicina a quella dei primissimi capitoli della saga, ma le migliorie volte a soddisfare lo zoccolo duro della community si sono rivelate di molto superiori alle attese.

Oltre all'introduzione del lock-on manuale, che rende decisamente più appaganti i tanti combattimenti proposti, questa Definitive Edition spicca infatti per la presenza di due modalità, attivabili liberamente prima di ogni missione: la modalità Turbo, che permette di incrementare del 20% la velocità di gioco, accrescendo così non solo la spettacolarità intrinseca del prodotto ma anche le difficoltà, e la modalità Hardcore, riproposta in chiave ancor più brutale rispetto a quella vista nei precedenti capitoli della saga al fine di accrescere la profondità tattica di ogni singolo confronto armato, boss fight incluse.

I costumi aggiuntivi rappresentano la proverbiale ciliegina sulla torta per un'esperienza già di per sé estremamente completa. - DmC: Devil May Cry - Definitive Edition
I costumi aggiuntivi rappresentano la proverbiale ciliegina sulla torta per un'esperienza già di per sé estremamente completa.

Chiunque desideri assaporare la vera essenza di questo storico brand, rievocando così i ricordi dell'era in cui Dante dominava incontrastato il panorama action, avrà dunque più di un'occasione per mettere alla prova le proprie abilità. La perfezione tipica dei primissimi capitoli del brand in termini di equilibrio e profondità è ovviamente ancora lontana, ma nel complesso lo sforzo profuso dai ragazzi di Ninja Theory in questo senso è comunque apprezzabile.

A questo si aggiunge poi una prevedibile, ma comunque gradita, ricchezza di contenuti destinata a stuzzicare l'interesse di chiunque non avesse avuto modo di affrontare l'avventura nel suo insieme. Oltre all'avventura di base e ad alcune nuove skin (tra cui quella del caro vecchio Dante del primo DMC), questa Definitive Edition introduce infatti il DLC "La Caduta di Vergil" e il relativo Palazzo di Sangue, garantendo così parecchie ore di divertimento aggiuntive a tutti gli appassionati.

La trama, seppur spesso di cattivo gusto, si conferma piuttosto solida anche grazie alla presenza del DLC dedicato a Vergil.  - DmC: Devil May Cry - Definitive Edition
La trama, seppur spesso di cattivo gusto, si conferma piuttosto solida anche grazie alla presenza del DLC dedicato a Vergil.

L'aspetto meno convincente di questa riedizione è dunque, paradossalmente, il comparto tecnico. Sebbene, come peraltro accennato in apertura, i passi avanti rispetto alla prima edizione del prodotto siano evidenti, l'impressione è che il team di sviluppo avrebbe potuto fare qualcosa di più significativo per migliorare ulteriormente l'impatto visivo dell'esperienza. Se da un lato non si può infatti negare che il titolo brilli per fluidità e presenti modelli in linea con gli standard di nuova generazione, dall'altro è difficile non accorgersi di come le ambientazioni non abbiano goduto del medesimo "lifting".

Si tratta chiaramente di un peccato veniale che non pregiudica in alcun modo la qualità complessiva del pacchetto, ma considerando anche il pessimo lip-sync, rimasto tristemente inalterato rispetto all'edizione originale, è chiaro che il team di sviluppo deve aver gestito alcuni aspetti di questa riedizione con una certa approssimazione di fondo.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Quello di DmC: Devil May Cry si dimostra dunque un remaster di tutto rispetto, in grado di imporsi come una scelta prevedibilmente obbligata per chiunque si fosse perso le vicende del "nuovo" Dante all'epoca del suo debutto su Xbox 360 e PlayStation 3. Grazie a un'eccezionale fluidità, un miglior equilibrio generale e una discreta ricchezza di contenuti, questa Definitive Edition esalta infatti tutti i pregi dell'esperienza originale, assicurando ore e ore di divertimento in linea con le aspettative di un pubblico di fan notoriamente molto esigente. Peccato solo per l'aberrante lip-sync, problema che sarebbe stato facilmente risolvibile e che avrebbe accresciuto l'intensità di una narrazione già di per sé non proprio indimenticabile.

Commenti

  1. Zhu

     
    #1
    Questo DmC non mi ha mai entusiasmata... però sarebbe da provare!
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!