Genere
MMORPG
Lingua
Italiana
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Dofus 2.0

Dofus 2.0 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Sviluppatore
Ankama Games
Genere
MMORPG
Lingua
Italiana

Link

Speciale

Proseguendo oltre Dofus

Ovvero: come evolvere il mondo di un MMORPG

di Stefano Castelli, pubblicato il

Grazie allo stile accattivante e ad un intelligente modello di commercializzazione che ha anticipato di mesi molti giochi Free2Play, la base di giocatori di Dofus è cresciuta molto rapidamente fino a raggiungere la notevole quota di oltre undici milioni di iscritti. Da notare come la stessa community italiana sia piuttosto attiva, con oltre duecentomila giocatori "attivi". Un aspetto molto positivo della gestione di Dofus è il continuo rilascio di nuovi contenuti - veri e propri capitoli - che aggiungono elementi al mondo di gioco e portano avanti una vera e propria trama. Ankama ha dunque pensato bene di sfruttare tale successo per espandere il mondo di Dofus oltre le barriere del MMORPG. La prima mossa è stata quella di creare Dofus Arena, l'estensione PVP del gioco che permettesse di imbastire combattimenti fra utenti. Pubblicato online nel 2006, Dofus Arena è un gioco di scontri tattici a turni basato nello stesso universo di Dofus ma completamente slegato nelle meccaniche: ad esempio, anziché controllare il proprio personaggio l'utente diventa il coach di un team di lottatori che dovrà affrontare le squadre gestite da altri giocatori sparsi nel mondo. Successivamente, è stato annunciato l'arrivo di un vero e proprio seguito per Dofus, intitolato Wakfu.

Mille anni dopo...

Pur essendo ambientati esattamente nello stesso mondo di Dofus, gli eventi raccontati in Wakfu si svolgono ben mille anni dopo le vicende del primo videogame: un lasso di tempo così vasto ha permesso agli sviluppatori di stravolgere completamente gli equilibri del mondo di gioco, introducendo nuovi equilibri, personaggi e locazioni.

Wakfu è un progetto di maggior respiro rispetto a Dofus, a partire dalla realizzazione del motore di gioco - non più in Flash ma basato sun vero e proprio client - per arrivare all'implementazione di numerose funzioni avanzate come ad esempio un vasto sovra-strato di interazioni sociali che permettono tra le altre cose di gestire movimenti politici, con tanto di elezioni cui parteciperanno i giocatori stessi per eleggere i loro candidati. Attualmente in fase di beta anche per quanto riguarda la versione in italiano, Wakfu seguirà le orme di Dofus proponendo un modello "freemium" in cui i giocatori potranno iniziare a partecipare gratis ed acquistare poi via via altri contenuti. Noi di Videogame.it abbiamo avuto modo di partecipare alla prima fase di beta di Wakfu, traendone le ottime impressioni che potete consultare in questa anteprima. Parallelamente allo sviluppo di Wakfu Ankama ha anche lanciato la realizzazione di tutta una serie di progetti collaterali, che hanno espanso il mondo di Dofus oltre l'ambito dei MMORPG. Il primo è ad esempio la realizzazione dello spin-off sportivo Gobbowl, che sarà disponibile in italia col nome Pappaball, portando così a quattro le diverse esperienze online disponibili.


Commenti

  1. link900

     
    #1
    Su Dofus ci ho passato tanto di quel tempo che ho perso il conto, forse anche più di quello che ho passato su FFXI.. peccato non ci sia un contatore delle ore di gioco.. ora che ci penso ormai è un bel pò che non attivo, saran passati 7 mesi..
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!