Genere
ND
Lingua
Inglese
PEGI
ND
Prezzo
€ 4
Data di uscita
16/6/2011

Donkey Kong

Donkey Kong Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo EAD
Distributore Italiano
Virtual Console 3DS
Data di uscita
16/6/2011
Data di uscita americana
16/6/2011
Data di uscita giapponese
15/6/2011
Lingua
Inglese
Prezzo
€ 4

Lati Positivi

  • Level design semplice, croccante, veloce e ad orologeria
  • I livelli più articolati richiedono studio, soprattutto se si vogliono recuperare tutti gli oggetti
  • Longevità più che soddisfacente
  • Grafica eccellente (per un Game Boy)

Lati Negativi

  • Solo nelle ultime due aree emergono livelli davvero impegnativi
  • Conversione dura e pura: niente opzione Super Game Boy, niente 3D

Hardware

Pubblicato in origine su Game Boy, Donkey Kong può essere scaricato su Nintendo 3DS attraverso la piattaforma di distribuzione digitale Virtual Console.

Multiplayer

Non sono state incluse modalità multiplayer.

Modus Operandi

Abbiamo acquistato regolarmente il gioco da Virtual Console e l'abbiamo portato a termine, senza però raccogliere tutti gli oggetti in ogni singolo livello. Il contatore del nostro Nintendo 3DS segnala sei ore e otto minuti di gioco totali.

Link

Recensione

Scimmione vintage

Un tuffo nel passato con Donkey Kong.

di Andrea Maderna, pubblicato il

Col lancio delle funzionalità online di Nintendo 3DS, avvenuto a inizio giugno, si è resa accessibile la Virtual Console portatile, che permette di recuperare attraverso l'ultima macchina tascabile Nintendo i classici usciti su quelle che l'hanno preceduta. L'attenzione è stata subito rubata dall'imperdibile The Legend of Zelda: Link's Awakening DX, ma poco dopo si è manifestato anche un piccolo, largamente ignorato, gioco per Game Boy, padre spirituale della serie Mario vs. Donkey Kong, che invece merita tutta l'attenzione del mondo. Sì, anche se è in bianco e nero (o magari giallo e verde).

seguito a sorpresa

Donkey Kong (Donkey Kong '94 per gli amici) si apre generando un po' di confusione: l'utente poco informato può avere l'impressione di trovarsi semplicemente davanti a una conversione ben fatta (anzi, con grafica migliorata) del Donkey Kong originale, quello da sala giochi. Il che non sarebbe comunque male, se consideriamo che Nintendo, in edizione casalinga, ce l'ha sempre propinato con un livello in meno del dovuto (anche su Virtual Console, ovvio). Però, certo, se nel 1994, dopo aver pagato denaro sonante una cartuccia Game Boy, ti ritrovavi semplicemente di fronte al vecchio Donkey Kong, un po' ci rimanevi male. E invece...
E invece, dopo aver completato i quattro livelli classici, ecco che il caro vecchio Donkey, a sorpresa, s'inalbera, rapisce nuovamente la fanciulla e scappa via, dando inizio al gioco vero e proprio. Questo Donkey Kong, infatti, è un vero e proprio seguito dell'originale, con un pizzico di Donkey Kong Jr. e una spruzzata di novità. Ciascuna delle nove ambientazioni che compongono l'avventura vede al suo interno una serie di livelli, tutti incentrati sulla necessità di recuperare una chiave e trascinarsela fino all'uscita, mentre si evitano ostacoli, si affrontano nemici e si risolvono puzzle ambientali. Ogni tre livelli, scatta il confronto con lo scimmione, all'interno di sezioni che citano e ricordano per struttura il Donkey Kong originale e che ci chiedono di raggiungere la cima del livello o di colpire il gorilla lanciandogli addosso i suoi stessi barili.

L'impianto grafico è di grande spessore, per un gioco Game Boy, specie considerando la varietà di ambientazioni e nemici - Donkey Kong
L'impianto grafico è di grande spessore, per un gioco Game Boy, specie considerando la varietà di ambientazioni e nemici

un gioiellino dimenticato

Platform classico, semplice e irresistibile, questo Donkey Kong offre un centinaio di livelli ottimamente strutturati, all'insegna di un level design usa e getta, perfetto per il consumo da passeggio tanto quanto per l'assunzione compulsiva. Staccarsene è veramente difficile, a meno di ritrovarsi bloccati e frustrati in quella manciata di livelli dalla struttura ludica particolarmente complessa. La sfida è di ingegno e abilità, quasi sempre incentrata sul capire come affrontare al meglio il percorso, ma in ogni caso basata anche sulle mere capacità manuali. L'insieme di mosse e abilità a disposizione, che fra salti, piroette, oggetti da raccogliere, martelli e barili sembra pescare a piene mani da tutta la mitologia “mariesca” degli anni ottanta e anticipa perfino i salti multipli di Super Mario 64, contribuisce a creare un gioco appassionante e da cui è difficile staccarsi.
Vecchio nell'impianto grafico e nella struttura, con un'opzione di salvataggio che si manifesta solo dopo la sconfitta del boss (quindi ogni quattro livelli), Donkey Kong è esattamente il vecchio gioco che è lecito attendersi da un acquisto su Virtual Console. È però un vecchio gioco fresco, divertente e di grande qualità, che ha per di più il vantaggio di essere tutto sommato relativamente famoso e, quindi, esperienza nuova per molti giocatori moderni. Se l'idea di rinunciare per qualche ora al 3D e ai mille colori offerti dalla console Nintendo non vi disgusta, dategli una chance. Non ve ne pentirete.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Semplice, divertente, impegnativo, provoca assuefazione, dura il giusto. Un gran bel gioco che merita tutti i pochi soldi che costa.

Commenti

  1. Vittorio Colarelli

    #1
    Che Bei TEMPI : ) , ci spregavo tutte le giornate per finirlo
  2. TraXtorM

     
    #2
    Finito quando ero piccolo.
    Boss Finale EPICO.
  3. giopep

     
    #3
    HAhahaha, sì, il boss finale che ti segue con gli occhioni è anche piuttosto inquietante. :D
  4. Bisboch

     
    #4
    l'ho amato tanto. Ero diventato amico di un bambino vicino di casa principalmente per giocarci (tutto bene, se non fosse nel '92 avevo già 18 anni, ehm).
    Però dai, l'opzione super game boy sarebbe stata praticamente gratis, e ci sta anche con la filosofia dura e pura nintendo, ovvero "ti offro esattamente quello che c'era nella cartuccia originale e nulla più". C'era tutto, nella cartuccina originale, anzi, questo Donkey Kong fu proprio uno degli alfieri del Super Game Boy. Ragion di più - storica - per dargli il colore. Se oltretutto il 3DS emula un Game Boy Color (e Link's Awakening DX ne è la prova) la cosa lascia di stucco.
    Detto questo non ascoltate un vecchio scurreggione, e provate questa figata di gioco:D
    B.
  5. giopep

     
    #5
    Lamentarsi di come Nintendo pubblica i suoi classici è un dovere stupido e inutile. Perché tanto sai di non poterti aspettare altro. :D
  6. Bisboch

     
    #6
    "un dovere stupido e inutile". Wowz, scrivi come Cesare Pavese ^_^
  7. giopep

     
    #7
    HAhahahahah, questa non me l'avevano mai detta.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!