Blog

Fuori una!

di Simone Soletta, pubblicato il

Conferenza Nintendo all'alba, seguita da una prima giornata di E3 2009 densa di cose da fare. C'è un po' di stanchezza, ovvio: sono le 22 e avrò non meno di 10 articoli da scrivere. Se non di più... tutta roba bella, sostanzialmente, quindi è meglio cominciare subito.

Però un minimo di commento da blog ci sta, e non si può che partire da Nintendo. Non tanto dalla conferenza in sé, di cui ho già scritto abbondantemente, quanto dell'organizzazione. In tutta franchezza trovo impensabile che una casa importante come Nintendo lasci metà degli invitati in una sala a guardare la conferenza stessa su uno schermo. A quel punto, uno se ne sta a casa e si guarda tutto in streaming, basta saperlo. Per fortuna ero tra i fortunati che hanno visto la conferenza "live" (utile, se non altro, per fare qualche foto), ma chi è stato "rimbalzato" nel cinemino laterale certo non era contento.

Mettiamoci anche il fatto che, come al solito, la grande N ha organizzato il suo evento al mattino presto (meno di altri anni, ma sempre presto): con la conferenza che apre i battenti alle 9 e la registrazione da fare, giocoforza ci si deve alzare ben prima delle sette e correre, per non rischiare di finire in fondo alla sala. Salvo poi finirci comunque, visto che il "braccialetto blu" ti relega in galleria. Se non altro, in passato si poteva contare su colazioni pantagrueliche, con ogni ben di Dio a disposizione. Quest'anno un caffé e camminare, e pure il cameriere-barista che "serviti da solo, non mi pagano abbastanza per servirti, amico". Bello.

Insomma, da chi sta vendendo carrettate di console e di giochi, e guadagnando fiumi di soldi, ci si aspetta un po' più d'attenzione e rispetto per chi ha fatto un salto dall'altra parte dell'oceano per vedere dal vivo quanto Nintendo ha da dire.

Che poi, da qualche tempo, sia "poco" anche quello, beh, è un altro discorso...

Per fortuna la giornata si è poi raddrizzata: per me SEGA, Sony, Disney Interactive (occhio a Split Second!) e tante cose belle di cui scrivere. Un grande lavoro fatto da tutti i ragazzi qui, tantissimi articoli pronti da leggere nel nostro "elencone" presente in home page, e per la prima volta anche una produzione video costante e massiccia direttamente dalla fiera: non l'avevamo mai fatto, ma credo che ce la stiamo cavando davvero bene.

Infine, dedicato ai ragazzi del forum: ho chiesto esplicitamente ai producer di Bayonetta come mai le proporzioni della protagonista siano così curiose. Mi immaginavo, per esempio, che la scelta fosse stata dettata da esigenze coreografiche (le gambe così lunghe utili per enfatizzare l'eleganza di certi movimenti, di certe animazioni), cose così.

La risposta è stata secca e precisa: "Così è bellissima". E che gli vuoi dire?


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!