Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Electronic Entertainment Expo 2010

Speciale

[E3 2010] EA Press Conference

I giochi "hardcore" dominano l'evento del publisher americano.

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Ci perdonerete se saltiamo un po' troppo presto alle conclusioni, affermando che la conferenza di Electronic Arts all'E3 2010 è risultata, in fin dei conti, un po' una delusione. Non tanto per il valore dei giochi mostrati, elevato quanto basta per poter parlare di un publisher in ottima salute, ancora più deciso nel puntare i riflettori sui grandi nomi a cui può attingere attraverso l'iniziativa EA Partners (vedi Epic Games e Crytek), quanto piuttosto per la mancanza di veri e propri annunci clamorosi, che rischiano ormai di diventare una rarità per l'evento californiano. Allargando infatti la critica a tutta l'industria dei videogiochi, l'impressione è che, ormai, l'E3 di Los Angeles sia piuttosto un "contenitore" di tutto quanto viene annunciato nei restanti mesi dell'anno, e non più il palcoscenico dal quale provare a stupire o sorprendere la platea e, di conseguenza, anche i giocatori a casa.
Adesso che abbiamo sputato il rospo, possiamo passare alle buone notizie: il già ampiamente anticipato Need for Speed: Hot Pursuit sviluppato da Criterion appare in forma smagliante (non per niente è già previsto in uscita a metà novembre), scelto addirittura come apripista dell'evento e giocato in diretta e in modalità multiplayer competitiva, poliziotto contro pirata della strada, in un rocambolesco inseguimento su un tracciato montano, circondato da una fitta vegetazione. In realtà il gameplay non è sembrato affatto rivoluzionario - e non è che ci si potesse aspettare stravolgimenti da un capitolo che cerca orgogliosamente di tornare alle origini di questa serie - ma l'ottimo comparto tecnico e tutto il "contorno" in termini di matchmaking e modalità multiplayer sembra poter tenere in piedi tranquillamente tutto il gioco.

in cerca di spazio

Proseguendo nella ricerca di un'affermazione "autoriale", già chiara all'E3 dell'anno scorso, il CEO John Riccitiello ha continuato a chiamare sul palco tutti i vari producer dei giochi protagonisti dell'evento, da Steve Papoutsis di Dead Space 2 a Cliff Bleszinski di Bulletstorm passando per Cevat Yerli di Crysis 2, facendosi sostituire dal solito Peter Moore per tutto ciò che riguardava l'etichetta EA Sports. Dei tre giochi d'azione che abbiamo appena citato, Bulletstorm è forse quello che ci ha impressionato di più in termini di gameplay, sarà forse perché si tratta di una proprietà intellettuale nuova e perché al timone del progetto troviamo l'inedita accoppiata Epic/People Can Fly, due nomi che non hanno certo bisogno di presentazioni.
Di contro, le demo giocate degli altri due sequel eccellenti, ovvero stracolma di necromorfi da fare a fette (nel vero senso della parola), la Central Station newyorkese della dimostrazione di Crysis 2 è apparsa un po' sottotono sia tecnicamente che per quanto riguarda l'ispirazione artistica.
C'è anche da dire che mentre il gameplay più compassato di Dead Space 2 aiutava il pubblico a concentrarsi sui dettagli, i ragazzi di Crytek hanno invece scelto di fare più rumore possibile, frastornando la platea con un combattimento forse un po' troppo frenetico perché se ne potesse trarre un qualche giudizio. Molto più spettacolare - e non poteva essere altrimenti - la successiva presentazione di una cut-scene di Crysis 2 in 3D stereoscopico, da godere attraverso gli appositi occhialini, accompagnata dall'annuncio che questa funzionalità sarà "compresa nel prezzo" in tutte e tre le versioni del gioco, previsto in uscita a fine anno.

medaglie in multiplayer

Restando in tema di sparatutto in prima persona, un'altra presentazione abbastanza spettacolare, seppur di un gioco che ormai conosciamo abbastanza bene, è stata quella della modalità multiplayer di Medal of Honor, sviluppata com'è noto dagli svedesi DICE (gli autori di Battlefield) e portata sul palco dell'Orpheum Theatre insieme a ben ventiquattro (!) giocatori che, pad alla mano e di fronte a un impressionante mosaico di schermate in movimento, hanno iniziato a fronteggiarsi - suddivisi in due squadre - in una delle modalità che troveremo a contorno della campagna single-player, sviluppata invece internamente da EA Los Angeles, all'interno di una mappa ambientata in Afghanistan.
La buona notizia, per quanti avessero intenzione di pre-ordinare il gioco per una qualunque delle tre piattaforme, è che la beta inizierà tra pochissimo: il 21 giugno, per l'esattezza, e il 17 giugno per i possessori di Battlefield Bad Company 2. Tanto per restare in argomento, quest'ultimo riceverà la sua prima espansione il prossimo inverno e sarà ambientata interamente in Vietnam.

quel che resta del giorno

Come avrete intuito, l'enfasi posta quest'anno sul catalogo "hardcore" è stata nettamente maggiore che negli scorsi anni, segno che il reflusso di Wii in termini di investimento da parte dei publisher è ormai impossibile da nascondere, mentre la deriva "casual" delle console HD sembra tutt'altro che irresistibile in questa nuova fase. Le stesse presentazioni del nuovo Madden e di Active 2 si sono svolte in un clima di totale "neutralità" in merito alle piattaforme, senza particolare enfasi sui nuovi sistemi di controllo PlayStation Move e Xbox 360 Kinect (quest'ultimo si è visto solo per qualche minuto).
Parecchio deludente, tanto per concludere come abbiamo iniziato, la presenza degli studi BioWare nel corso dell'evento, chiamati ad annunciare una singola caratteristica di Star Wars: The Old Republic - ovvero la possibilità per i giocatori di possedere un'astronave - e a lanciare un lungo filmato in grafica precalcolata che, per quanto bello da vedere, non ha ovviamente nulla a che fare con il gioco in sé. Delle serie di Mass Effect e Dragon Age, nemmeno l'ombra, così come rimane misterioso il contenuto della "sorpresa" annunciata qualche giorno fa da Valve Software: l'aver incrociato Doug Lombardi fuori dal teatro ci aveva fatto ardentemente sperare in una sua apparizione sul palco della conferenza di EA, ma così non è stato.


Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    EA ha chiaramente (e giustamente?) abbandonato Wii, direi.
  2. TOMCAT

     
    #2
    E che il Wii (purtroppo) lo stanno abbandonando in parecchi...
  3. Stefano Castelli

     
    #3
    TOMCAT ha scritto:
    E che il Wii (purtroppo) lo stanno abbandonando in parecchi...
     Beh, la stessa Ubisoft ha decisamente ridotto il supporto a Wii.
    A parte il fatto che anche il DS sembra sparito nel nulla cosmico dalle conferenze third-party.
  4. babalot

     
    #4
    sì, però ci terrei anche a sottolineare che non c'era cmq nulla né per Move né per Kinect. a meno che la roba Move non si veda oggi da Sony ma non credo. tra pochissimo dovremmo anche vedere se esiste un supporto terze parti a 3DS... boh, insomma, cmq mi pare che l'anti-casualizzazione della conferenza di EA non sia da interpretare come anti-Nintendo, tutt'altro. secondo me hanno semplicemente capito che gli eventi come l'E3 sono seguiti solo dai giocatori, non certo dai nonni...
  5. Stefano Castelli

     
    #5
    babalot ha scritto:
    sì, però ci terrei anche a sottolineare che non c'era cmq nulla né per Move né per Kinect. a meno che la roba Move non si veda oggi da Sony ma non credo. tra pochissimo dovremmo anche vedere se esiste un supporto terze parti a 3DS... boh, insomma, cmq mi pare che l'anti-casualizzazione della conferenza di EA non sia da interpretare come anti-Nintendo, tutt'altro. secondo me hanno semplicemente capito che gli eventi come l'E3 sono seguiti solo dai giocatori, non certo dai nonni...
    Guarda, credo che Sony mostrerà qualcosa per Move proprio prodotto da EA alla sua conferenza. Possibile?
    Sapevo che EA stava lavorando ai controlli per Move in molti suoi giochi, per dire.
    Che poi Ea sia rimasta scottata "in generale" dai giochi casual è un altro discorso.
    Aggiungo: inserire dei controlli tramite Move in Medal Of Honor è TUTTO fuorché da intendersi come una mossa "casual".
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!