Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Electronic Arts

Electronic Arts Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts

Link

Notizia

Meno negozi e più download per EA

Il colosso americano si concentra sui giochi "solo per Internet".

di Alessandro Martini, pubblicato il

John Riccitiello, amministratore delegato di Electronic Arts, ha annunciato a Reuters che intende ridurre il numero di titoli "tradizionali" prodotti durante il suo nuovo anno fiscale, in favore di più produzioni dirette a Internet come i giochi via Facebook o i titoli acquistabili solo online.

EA, come altri produttori del resto, anticipa un netto incremento di pubblico per questo nuovo settore (che ha dato segni di crescita negli ultimi mesi) a discapito degli acquisti fatti direttamente nei negozi. Per questa ragione, il numero di giochi "tradizionali" prodotti ogni anno scenderà da 50 a 40 o anche a 30, secondo le dichiarazioni dello stesso Riccitiello.




Commenti

  1. die81

     
    #1
    naturale evoluzione...
  2. Cloro

     
    #2
    Meglio.... Una differenza di 20 o 30 giochi, rispetto al passato, su cui risparmierò NON acquistandoli.

    ABBASSO IL DIGITAL DELIVERY!!!!!!!!
  3. Phobos

     
    #3
    Ma quand'è che sbattono fuori riccitiello? -__-
  4. ILSIGNORE

     
    #4
    Ottima notizia!
  5. utente_deiscritto_8705

     
    #5
    die81 ha scritto:
    naturale evoluzione...
     Di naturale non c'è proprio niente. Che poi finchè si parla di titoli PSN e XBLA ok, se si parla d'altro e a questi prezzi (più alti di quei retail) se li possono tenere stretti nei loro server.
  6. Seph|rotH

     
    #6
    Viewtiful Joe™ ha scritto:
    Di naturale non c'è proprio niente. Che poi finchè si parla di titoli PSN e XBLA ok, se si parla d'altro e a questi prezzi (più alti di quei retail) se li possono tenere stretti nei loro server.

    In realtà l'unica cosa innaturale sono i prezzi del dd.

    Per il resto sono d'accordo pure io che sia una naturale evoluzione (almeno per il mercato PC).

    Cla.
  7. utente_deiscritto_8705

     
    #7
    Seph|rotH ha scritto:
    In realtà l'unica cosa innaturale sono i prezzi del dd.
    Per il resto sono d'accordo pure io che sia una naturale evoluzione (almeno per il mercato PC).
    Cla.
       Io dico che di naturale c'è poco perchè non è una richiesta del mercato. Sono i produttori che si stanno muovendo in questa direzione forzando i consumatori. Al momento PSP Go sta prendendo legnate parecchio forti tanto che già si stanno adoperando per unlettore UMD esterno. Su PC magari è diverso, però fino a quando tengono questi prezzi, per me il DD rimane una bella ripassata senza vasella.
  8. Andhaka

     
    #8
    Viewtiful Joe™ ha scritto:
    Io dico che di naturale c'è poco perchè non è una richiesta del mercato. Sono i produttori che si stanno muovendo in questa direzione forzando i consumatori. Al momento PSP Go sta prendendo legnate parecchio forti tanto che già si stanno adoperando per unlettore UMD esterno. Su PC magari è diverso, però fino a quando tengono questi prezzi, per me il DD rimane una bella ripassata senza vasella.
     La discrimante rimarrà sempre il prezzo e pare che il mondo dei produttori di VG sia intenzionato a mettercelo proprio dove non batte il sole.
    .
    il che è strano. Uno dei gadget in ascesa di questi tempi è il lettore di e-books tipo il Kindle o il nuovo Nook... e se vai a guardare i prezzi dei libri in quel formato trovi offertone, una marea di vecchi libri gratis e libri nuovissimi a 10 dollari.
    .
    Invece di seguire questo esempio sui VG si fa la PSP GO con giochi anche vecchi a prezzo pieno... davvero sembrano farlo apposta a mettersi i bastoni tra le ruote.
    .
    Cheers
  9. Bluemoon

     
    #9
    per Natale ho fatto un po' di compere. al pensiero del solo DD tremo. ma dubito che si avvererà, almeno a breve. insomma, il piacere di "avere" la cosa fisica, scartala ecc. è come per i libri. ok, il kindle potrà anche essere pratico, si risparmia tempo e spazio, e farà anche bene ad amazon all'amazzonia (boh, i consumi energetici però...), ma un libro è un libro. in fondo sono pure quelli i piaceri che ci fanno scattare la molla e spendere, quindi perché toglierceli? avremo i due canali sicuramente per un po'.
  10. Seph|rotH

     
    #10
    Andhaka ha scritto:
    La discrimante rimarrà sempre il prezzo e pare che il mondo dei produttori di VG sia intenzionato a mettercelo proprio dove non batte il sole.
    .
    il che è strano. Uno dei gadget in ascesa di questi tempi è il lettore di e-books tipo il Kindle o il nuovo Nook... e se vai a guardare i prezzi dei libri in quel formato trovi offertone, una marea di vecchi libri gratis e libri nuovissimi a 10 dollari.
    .
    Invece di seguire questo esempio sui VG si fa la PSP GO con giochi anche vecchi a prezzo pieno... davvero sembrano farlo apposta a mettersi i bastoni tra le ruote.
    .
    Cheers

    Vero, però non si può paragonare il costo di produzione di un libro a quello di un VG (forse ai tempi del C64 o dell'Amiga, oggi sicuramente no).

    I prezzi di Steam sono molto alti e totalmente sconvenienti sulle nuove uscite, però sui giochi con un più di un anno sul gobbone sono imbattibili. E' chiaro che se uno vuole i giochi il day one o quasi, gli e-store tipo play.com rimangono la scelta migliore, ma secondo me sul semi-vecchio il dd ha parecchio da dire (oggi per dire Steam vende Tomb Raider Underworld a 7,49 euro).

    Il problema sono le console: non so quanta gente sia disposta a scaricarsi un GT5 (per esempio), con la consapevolezza di non poterlo rivendere, a un prezzo quasi uguale a quello del negozio (il mercato dell'usato su PC è quasi inesistente).

    Cla.
Continua sul forum (52)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!