Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
39,90 Euro
Data di uscita
28/9/2007

Enemy Territory: Quake Wars

Enemy Territory: Quake Wars Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Splash Damage
Genere
Sparatutto
PEGI
16+
Distributore Italiano
Activision Italia
Data di uscita
28/9/2007
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
64
Prezzo
39,90 Euro

Hardware

Abbiamo provato Enemy Territory: Quake Wars su due computer diversi. Il primo è un MacPro con due processori Core2Duo da 2,66 GHz, 2 GB di memoria Ram e scheda video Ati Radeon X1900; il secondo è un datato PC con processore Pentium 4 HT da 2,4 GHz, 2 GB di memoria Ram e scheda video Ati Radeon X800XT. Nel primo caso abbiamo provato a spingerci a 1600*1200 con tutti gli effetti al massimo e antialiasing 4X: il gioco resta ancorato ai 30 FPS nella maggior parte dei casi, ma alcuni cali ci hanno convinti ad abbassare un po' le pretese, scegliendo una risoluzione da 1280*1024 pixel e la configurazione di dettaglio "high". Sul secondo computer, abbiamo dovuto utilizzare una risoluzione piuttosto bassa (1024*768) e i dettagli minimi, cosa che rende il gioco davvero bruttino a vedersi. Però si può giocare senza grossi problemi.

Multiplayer

Enemy Territory: Quake Wars è un gioco espressamente pensato per il multigiocatore, ma permette di allenarsi sulle mappe utilizzando bot al posto di giocatori reali. Le modalità di gioco sono tre: Campagna (sono presenti quattro campagne da tre missioni ciascuna), Obiettivo (una singola mappa) e Stopwatch (singola mappa, le squadre si scambiano i ruoli al termine di ogni sfida).

Link

Recensione

Che classe fai?

Guida alla scelta del proprio alter-ego combattente.

di Simone Soletta, pubblicato il

D'accordo, il gioco ha installato i suoi cinque gigabyte di dati sul disco rigido, il profilo è creato ed è giunta l'ora di cominciare a combattere. "Quale ruolo scegliere?" è la prima domanda che vi porrete una volta raggiunta la lobby del gioco. Le possibilità sono cinque per ogni fazione, vediamo nel dettaglio le abilità di ognuna di queste: la versione in nostro possesso è quella americana, quindi le classi Strogg le citeremo nell'originale inglese.

SOLDATI E AGGRESSOR

Sono le "truppe" di terra, i veri combattenti, quelli che si avvalgono dell'arsenale d'attacco più ampio. Ogni soldato può contare su una dotazione di base composta da un coltello, una pistola (il modello Strogg spara un fascio elettrico), alcune granate, una carica esplosiva e uno strumento per ingranarla. La scelta dell'arma principale è invece lasciata al giocatore: ce ne sono quattro, Lacerator, Obliterator, Hyperblaster e Nailgun per gli Strogg e Fucile d'Assalto, Lanciarazzi, Mitragliatrice pesante e Fucile a Pompa per i GDF.
Questi singoli strumenti d'attacco sono sostanzialmente analoghi nella capacità di apportare danno al nemico: la Nailgun, per esempio, ha gli stessi vantaggi e svantaggi del fucile a pompa, devastante a breve raggio, inutile da distante.

MEDICI E TECHNICIAN

La prima classe "di supporto", importantissima soprattutto nelle mappe più grandi. La dotazione di base prevede un'arma bianca, una pistola e alcune granate, a cui si possono associare un mitragliatore o un fucile a pompa - o nailgun - come arma principale. Il compito di questa classe, però, è quello di mantenere in salute i compagni, e quindi i medici GDF sono dotati di defibrillatore e i Technician Strogg di uno strumento analogo (Stroyent Tool). Grazie a questi è possibile rianimare i compagni "uccisi" dai nemici, in modo da evitare che debbano attendere un nuovo respawn per ritornare in gioco. I soldati di questa classe possono poi distribuire sulla mappa medikit che i compagni possono utilizzare per curarsi e, solo nel caso dei GDF, invocare il lancio di un'ulteriore cassa di medicamenti che permette di distribuire medikit in maggiori quantità.
Il Medico e il Technician, insomma, sono importantissimi poiché contribuiscono a mantenere unito il fronte di attacco, che altrimenti verrebbe minimizzato dalle costanti morti in battaglia e dal relativo ritardo dovuto alla necessità di attendere l'ondata di respawn successiva.

INGEGNERI E CONSTRUCTOR

Si tratta dei costruttori delle due fazioni in lotta. Hanno a disposizione una dotazione di base identica a quella di Medici e Technician, ai quali si aggiungono un paio di pinze (un drone riparatore per lo Strogg) attraverso le quali è possibile costruire alcune installazioni e riparare mezzi e installazioni fisse danneggiati. In pratica, Ingegneri e Costruttori sono i "medici" delle cose che vengono disseminate sulla mappa, e inoltre sono chiamati a compiti fondamentali per la vittoria, come la costruzione di ponti necessari per permettere ai mezzi alleati di raggiungere il nemico.
Lo strumento successivo è un binocolo, attraverso il quale i soldati di questa classe possono disporre le installazioni fisse a loro disposizione: torrette anti-uomo, anticarro e intercettatori di attacchi d'artiglieria nemici.
Infine, l'Ingegnere e il Costruttore sono gli unici in grado di disporre sulla mappa mine di prossimità, che vanno armate utilizzando le pinze e il drone riparatore (e con questi stessi strumenti, i soldati di questa classe possono disarmare mine e cariche esplosive disposte dai nemici).

FIELD OPS E OPPRESSOR

C'è ben poco da scegliere in termini di dotazioni di base con questa classe: l'arsenale è fisso e invariabile, almeno inizialmente. La particolarità di questo tipo di soldati è un'altra: quella di gestire gli attacchi "pesanti" da installazioni distanti dal centro del conflitto. Utilizzando il binocolo possono piazzare sul terreno uno tra tre possibili cannoni d'artiglieria, di diversa funzione e utilità, che poi potranno sfruttare puntandoli verso il nemico con un apposito strumento. Serve qualche istante perché il bersaglio venga acquisito, dopodiché l'artiglieria fa fuoco colpendo molto pesantemente e con precisione diversa a seconda del cannone installato.
Inoltre Field Ops e Oppressor possono chiamare un attacco dall'alto, un bombardamento per il GDF e un attacco da una stazione orbitale lo Strogg. In ambedue i casi si tratta di definire un'area-bersaglio (con un fumogeno per i GDF, con un segnalatore per gli Strogg) e... allontanarsi velocemente dalla zona d'attacco, segnalata comunque in modo molto evidente sullo schermo.
I soldati di questa classe sono a dir poco fondamentali, perché possono spazzare via intere linee nemiche (soldati e installazioni fisse) con un solo attacco d'artiglieria ben piazzato. Ovviamente, è importantissimo coordinarsi con i compagni in modo da evitare stragi inutili nel tentativo di aprire la strada a soldati, ingegneri e spie.

COVERT OPS E INFILTRATOR

La prima particolarità che si incontra quando si scelgono queste classi è la disponibilità di un fucile da cecchino per i GDF e di un Railgun per gli Strogg. Questa classe, insomma, è quella "silenziosa", che attacca da distante, che è capace, grazie a un apposito strumento per l'hacking, di assumere le sembianze di un soldato nemico caduto in battaglia, di disabilitare le installazioni fisse del nemico, di intervenire per "spegnere" dispositivi come i generatori di scudi degli Strogg.
Si tratta, forse, di una classe meno utile in generale rispetto alle altre, tranne in quei casi in cui la sua presenza è richiesta espressamente dai compiti che dovremo svolgere per vincere. Però è sempre affascinante e una spia ben addestrata nella propria fazione aiuta non poco a capire come si sta muovendo il nemico.
Completa la dotazione di questa classe una telecamera spia detonabile e una granata fumogena (GDF); un drone volante esplosivo e un teletrasportatore (Strogg).

ESPERIENZA E RICOMPENSE

Il "punteggio" di Enemy Territory: Quake Wars non è legato solamente ai semplici "frag", ma viene calcolato in base alle azioni che ogni soldato svolge sul campo. In pratica, ogni volta che assolveremo a un compito specifico, otterremo dei punti di esperienza che, raggiunti certi ordini di grandezza, porteranno a un avanzamento di grado.
Non si tratta unicamente di un bonus visivo, poiché con alcuni di questi gradi vengono conferite alle singole classi migliori armi e migliore abilità. Per esempio, un Ingegnere esperto può contare su mine autoinnescanti, e non deve così armarle una a una usando le pinze. Di questi bonus ce ne sono sedici per ogni classe divisi in quattro categorie, e vanno dalla riduzione del rallentamento dovuto all'uso di armi pesanti al bloccaggio automatico dei bersagli per i tiri di artiglieria. Insomma, impegnarsi sul campo di battaglia paga eccome, e quindi è importante darsi da fare!