Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
8/10/2010

Enslaved: Odyssey to the West

Enslaved: Odyssey to the West Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Bandai Namco
Sviluppatore
Ninja Theory
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Bandai Namco Games
Data di uscita
8/10/2010
Data di uscita americana
5/10/2010
Lingua
Sottotitoli in italiano
Giocatori
1

Hardware

Il gioco è in lavorazione per PlayStation 3 e Xbox 360, escludendo dunque la piattaforma PC. La data di uscita è al momento indicativa, e riferita all'autunno 2010.

Multiplayer

Non è prevista alcuna modalità a più gocatori.

Link

Eyes On

Intervista a Tameem Antoniades

Il Chief Creative del progetto risponde alle nostre domande.

di Jacopo Mauri, pubblicato il

Approfittando della ghiotta occasione, abbiamo intervistato Tameem Antoniades, Chief Creative in carica per lo sviluppo del gioco. Curiosità circa la fonte d'ispirazione, ma anche sulle differenze narrative, stilistiche e di gameplay rispetto a Heavenly Sword sono solo alcuni dei temi al centro delle nostre domande cui, con grande simpatia, Tameem ha risposto.

Nextgame.it: Innanzitutto, dove avete preso l'ispirazione, e come siete arrivati all'idea alla base del gioco?

Tameem Antoniades: Dopo l'esperienza di Heavenly Sword volevamo spostarci su un nuovo progetto, sfruttando una nuova proprietà intellettuale e intraprendendo uno sviluppo multipiattaforma. Abbiamo dunque ripreso “A journey to the West”, un libro la cui storia annovera personaggi molto carismatici, come Monkey, inserendoli in un'avventura epica. Nei primi sei mesi abbiamo lavorato molto alla struttura del gioco, e l'idea nella nostra testa era quella di fare qualcosa di completamente diverso da Heavenly Sword, su cui avevamo lavorato troppo, fino a diventare stanchi di quel genere di ambientazione e storia, preferendo invece spostarci in un contesto futuristico, a 150 anni da oggi.

Nextgame.it: Com'è stato lavorare con l'Unreal Engine per realizzare un gioco così colorato e ricco di sfaccettature?

Tameem Antoniades: Quel che abbiamo trovato, iniziando a lavorare con l'Unreal Engine, è stato un tool molto affascinante e ricco di opzioni. Lo abbiamo preso e ci abbiamo lavorato molto per adattarlo alle nostre esigenze specifiche, non è stato molto difficile e anzi pensiamo di averlo sfruttato bene.

Nextgame.it: A quali giochi vi siete ispirati?

Tameem Antoniades: Sicuramente uno dei principali è stato Another World per Amiga, ricco di fascino nel suo essere pieno di cinematiche, con una struttura fortemente basata su una storia-guida. È stato un ottimo spunto per noi che volevamo costruire una grande avventura, e non restare legati all'ambito dell'azione confezionando un picchiaduro.

Nextgame.it: Cosa puoi dirci dei livelli di difficoltà presenti?

Tameem Antoniades: Sarà possibile giocare a livello facile o medio, e terminata questa seconda modalità verrà sbloccato anche il livello difficile. Questo livello di difficoltà, che influisce sul comportamento dei nemici, potrà però essere cambiato anche in corsa, per chi vuole provare una sfida diversa in un particolare capitolo dell'avventura.

Nextgame.it: Nel gioco ci sono due personaggi: avete valutato l'idea di inserire anche una modalità cooperativa?

Tameem Antoniades: Inizialmente sì, ci abbiamo pensato. Ma l'idea era di far vivere al giocatore l'avventura nei panni di Monkey, e non ci piaceva l'ipotesi di interrompere questa prospettiva per passarla nelle mani di Trip. Oltretutto, questo personaggio è fisicamente molto debole e il suo unico scopo è sopravvivere: non penso che sarebbe stato particolarmente adatto ad essere un personaggio controllato dal giocatore.

Nextgame.it: Quindi non avremo mai l'occasione di controllare Trip durante l'avventura, nemmeno per un breve cambio di prospettiva?

Tameem Antoniades: No, ci sarà solo il controllo indiretto tramite cui darle indicazioni sul fermarsi piuttosto che seguirci, eseguendo dunque alcune azioni di base. Sarà comunque possibile seguirla con lo sguardo in particolari momenti in cui l'azione lo richiede.

Nextgame.it: Quali location reali sarà possibile trovare nel gioco?

Tameem Antoniades: Il gioco è ambientato per un buon 25% nella città di New York, e prima che la coppia di protagonisti inizi a spostarsi verso Ovest è possibile riconoscere la città grazie ad alcuni elementi quali l'Empire State Building o la Grand Central Station. Nel proseguire il viaggio, invece, l'ambiente di gioco diventa più astratto e selvaggio, con panorami irreali.

Nextgame.it: Sarà possibile giocare a Enslaved durante il prossimo E3?

Tameem Antoniades: Sì, sarà sicuramente presentata una versione dimostrativa giocabile, ancora non so se sarà la stessa presente oggi, ma posso dire per certo che “qualcosa” di giocabile sarà presente.

Nextgame.it: Durante la presentazione è stato detto che il gioco contempla un unico finale: quanto sarà lunga l'avventura, e perché un giocatore dovrebbe riprendere daccapo il gioco una volta terminatolo?

Tameem Antoniades: Sulla durata effettiva del gioco, al momento, non saprei essere molto preciso. D'altro canto, la longevità è stata uno degli aspetti più criticati di Heavenly Sword, e dunque un punto cui abbiamo prestato molta attenzione. Non penso tutt'ora, comunque, che fare un gioco più lungo sia sufficiente, è inutile avere quaranta ore di gioco noiose. Ad ogni modo, la longevità generale sarà simile a quella degli attuali giochi d'avventura, e il livello di difficoltà renderà il tutto più interessante, con la storia che sarà il vero aspetto trainante per la curiosità del giocatore. Gli incentivi per ripetere l'avventura sono da ricercare nel raggiungimento di tutti gli achievements, nella raccolta di tutti gli orb, e nella possibilità di sbloccare un nuovo livello di difficoltà più ostico.

Nextgame.it: Per questo gioco avete intrapreso una direzione multi-piattaforma, ma senza arrivare su PC. C'è un motivo dietro questa scelta? Ci sono differenze tra la versione per Xbox 360 e PlayStation 3?

Tameem Antoniades: No a dire il vero no. Semplicemente, non c'era ragione per Namco di sviluppare questo gioco anche per PC, quindi è stata una loro decisione. Sulle differenze, fin dall'inizio abbiamo voluto che il gioco venisse identico su entrambe le piattaforme, e durante lo sviluppo abbiamo lavorato senza far caso all'una o all'altra, concentrandoci solo sul gioco.

Nextgame.it: Grazie di tutto, ci rivediamo a Los Angeles!


Commenti

  1. Mdk7

     
    #1
    Occhio che ci scappa la sorpresa.
    PS: Jacky puzza.
  2. Jacky

     
    #2
    Mdk7 ha scritto:
    Occhio che ci scappa la sorpresa.
    PS: Jacky puzza.
     
    E tu ne hai ben donde per dirlo! :D
  3. Mdk7

     
    #3
    Jacky ha scritto:
    E tu ne hai ben donde per dirlo! :D
       Eccome.
    :asd:

    Ci si vede presto mitico! :|3
  4. Jacky

     
    #4
    Mdk7 ha scritto:
    Eccome.
    :asd:
    Ci si vede presto mitico! :|3
     A Los Angeles ;)
    Eh, e appena finito di caricare sti 356 terabyte di assets passo a leggerti, poco ma sicuro!
  5. Mdk7

     
    #5
    Jacky ha scritto:
    A Los Angeles ;)
    Eh, e appena finito di caricare sti 356 terabyte di assets passo a leggerti, poco ma sicuro!
      io ho già spiato il tuo articolo, uaz uaz uaz. :->
     Appuntamento a LA caro, can't fucking wait. 
    Mi raccomando: cerca info sui peggiori ghetti della costa ovest, così andiamo alle 2 di notte a cercare negozietti di alimentari rischiando stupri e coltellate, proprio come a Barcellona.   :'D
  6. CANNU

     
    #6
    Nell'intervista, quando accenna "A journey to the West" (viaggio verso occidente) credo si riferisca a Saiyuki, antica leggenda cinese da cui è tratto l'omonimo manga\anime.
  7. Mdk7

     
    #7
    CANNU ha scritto:
    Nell'intervista, quando accenna "A journey to the West" (viaggio verso occidente) credo si riferisca a Saiyuki, antica leggenda cinese da cui è tratto l'omonimo manga\anime.
      http://it.wikipedia.org/wiki/Viaggio_in_Occidente :)
  8. CANNU

     
    #8
    Mdk7 ha scritto:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Viaggio_in_Occidente :)
      esatto è proprio lui :approved:
  9. Jacky

     
    #9
    Mdk7 ha scritto:
    Mi raccomando: cerca info sui peggiori ghetti della costa ovest, così andiamo alle 2 di notte a cercare negozietti di alimentari rischiando stupri e coltellate, proprio come a Barcellona.   :'D
     
    E mica per niente il nostro albergo è a Little Tokyo :D
  10. the TMO

     
    #10
    avete finito di farvi le seghe a vicenda?
    Vi odio in maniera inimmaginabile.
Continua sul forum (13)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!