Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
59,90 Euro
Data di uscita
6/6/2003

Enter The Matrix

Enter The Matrix Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Atari
Genere
Azione
Distributore Italiano
ATARI Italia
Data di uscita
6/6/2003
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
59,90 Euro

Hardware

Enter the Matrix sarà disponibile su PC, PlayStation 2, Xbox e GameCube.

Multiplayer

Non sono previste modalità multigiocatore per Enter the Matrix.

Link

Anteprima

Enter the Matrix

Pillola rossa o pillola azzurra? Quante volte ci siamo domandati cosa avremmo scelto, al posto di Neo... La consapevolezza di una vita fasulla o la certezza di un futuro da braccati, in un mondo infernale dominato dalle macchine? Neo la sua scelta l'ha fatta e noi, volenti o nolenti, dovremo aiutarlo nella sua missione...

di Simone Soletta, pubblicato il

Il sistema di "bloccaggio" dei nemici, un classico nei giochi di combattimento tridimensionali, risulta efficace e assai poco limitante, visto che durante gli scontri con più di un avversario sarà comunque possibile distribuire calci e pugni in egual misura a tutti gli avversari.
Molto del merito della realizzazione delle animazioni è da ricercarsi nello sfruttamento delle più avanzate tecniche di motion capture, alle quali anche gli attori protagonisti del film hanno dovuto sottoporsi. Carrie Ann Moss, Keanu Reeves e compagni, quindi, a margine delle riprese del film, hanno dovuto indossare le classiche tutine nere ricoperte di sensori per contribuire, con le loro performance, alla riuscita tecnica del gioco.
Ovviamente, all'interno della matrice è lecito aspettarsi di poter utilizzare qualche potere particolare, ed ecco che il concetto di bullet time si pone massicciamente alla nostra attenzione. Sul lato destro dello schermo troviamo infatti una particolare barra, quella dedicata alla focalizzazione.
Quando il nostro personaggio sarà sufficientemente concentrato potrà attivare la modalità bullet time o effettuare particolari mosse (correre lungo i muri, per esempio), a tutto svantaggio dei poveri tapini che si troveranno a incrociare la nostra strada. Salti lunghissimi e calci volanti devastanti sono solo alcune delle azioni che i protagonisti potranno compiere a mani nude, mentre con le armi è lecito attendersi la possibilità di prendere la mira con molta, molta calma. Tutto questo viene realizzato con grande immediatezza, basta la pressione di uno dei grilletti per cominciare a dominare Matrix in lungo e in largo, plasmando a proprio piacimento le leggi fisiche alle quali tutti gli altri sono obbligati a rispondere.

LA STRADA PER ZION

Sebbene la componente preponderante di Enter the Matrix sia rappresentata dalle missioni "a piedi" all'interno della matrice, per spezzare ulteriormente il ritmo di gioco e rendere il tutto più vario Shiny ha pensato ad alcune missioni a bordo di veicoli, durante le quali dovremo raggiungere degli obiettivi prefissati cercando di evitare le mille insidie che Matrix ha pensato per noi. Abbiamo potuto provare una di queste missioni nella quale erano presenti ambedue i protagonisti, cosa che ci permetteva non solo di guidare a rotta di collo sulle strade cercando di raggiungere per tempo il nostro obiettivo, ma anche di agire sul solito grilletto per far sporgere il compagno dal finestrino e impiegarlo per rallentare gli inseguitori grazie a un efficace fuoco di copertura.
Oltre alle missioni in auto all'interno di Matrix, dovremo affrontare una serie di livelli all'interno del mondo reale alla guida della Logos. Lanciati a tutta velocità nei cunicoli sotterranei che caratterizzano il mondo di Matrix, quindi, dovremo evitare i robot che cercheranno di ostacolare la nostra avanzata e, naturalmente, il modo migliore per farlo sarà quello di mettere pesantemente mano alle armi. La prima impressione è che questo genere di livelli siano stati aggiunti proprio per dare un po' di varietà, visto che le sparatorie all'interno dei tunnel sembrano più un sotto-gioco che non una sezione a sé stante.

WELCOME TO THE REAL WORLD

Enter the Matrix ha tutte le carte in regola per diventare un vero e proprio "cult game". Non solo il titolo, dal punto di vista puramente "giocoso" appare più che promettente, ma il fatto che non sia solamente un gioco basato su una licenza ma parte integrante dell'universo di Matrix lo rende particolarmente appetibile a tutti i fan del background disegnato dai fratelli Wachowski. Basterebbero le lunghe sequenze filmate, realizzate appositamente per il gioco, ad accendere l'attenzione di ogni Matrix-fan che si rispetti, ma fa piacere costatare che, per una volta, non ci si è fermati allo sfruttamento del nome e del look dei personaggi di un film ma che si è cercato di spingere lo sfruttamento di una licenza un bel po' più in là. Non resta che attendere maggio, sperando che Shiny Entertainment riesca a calibrare tutto alla perfezione.