Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
€ 59,90
Data di uscita
29/10/2010

Fable III

Fable III Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microsoft Game Studios
Sviluppatore
Lionhead Studios
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
16+
Distributore Italiano
Microsoft
Data di uscita
29/10/2010
Data di uscita americana
26/8/2010
Data di uscita giapponese
28/10/2010
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
2
Prezzo
€ 59,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Lati Positivi

  • Ottimo stile grafico e belle ambientazioni
  • Sistema di controllo molto valido
  • Elevata longevità
  • Possibilità di "interpretare" il personaggio

Lati Negativi

  • Motore grafico poco evoluto
  • Inventario molto limitato
  • Difficoltà molto bassa
  • Interazione coi personaggi tediosa

Hardware

Per giocare occorre una console Xbox 360 PAL, un joypad e una copia originale di Fable III. Il gioco è installabile su hard disk permettendo così di velocizzare notevolmente i caricamenti.

Multiplayer

Fable III include opzioni di gioco cooperativo online per due partecipanti. Altre funzioni online permettono di commerciare con altri giocatori.

Link

Recensione

La terza favola di Lionhead

Una cruenta fiaba tra spade, galline e rivoluzionari.

di Stefano Castelli, pubblicato il

Quella di Fable è probabilmente una delle saghe più discusse degli ultimi anni, principalmente a causa del vizio del suo creatore, Peter Molyneux, di promettere importanti caratteristiche di gioco che puntualmente mancano nel prodotto finito. Fortunatamente, quella di Fable è anche e sopratutto una serie di action-RPG ben costruiti e piuttosto curati che hanno raccolto grande consenso dal pubblico, con oltre sette milioni di copie vendute fra i due primi capitoli. In dettaglio, Fable II fu accusato di essere una mera riproposizione del primo capitolo aggiornato all'hardware di Xbox 360 e con qualche aggiunta poco consistente, una critica che possiamo tutto sommato considerare fondata ma che fortunatamente non va ad applicarsi a questo terzo episodio, per tutta una serie di motivi che andiamo ora ad analizzare.

Bentornati ad Albion!

Fable III è nuovamente ambientato nel mondo di Albion, un classico micro-universo fantasy popolato da umani, licantropi e svariate altre creature più o meno magiche. A differenza dei primi due capitoli, però, le vicende si svolgono in un contesto "storico" differente: per l'esattezza, circa un secolo dopo le avventure di Fable II. Albion nel frattempo è stata scossa da una possente rivoluzione industriale, la polvere da sparo ha preso il sopravvento, la magia è praticamente scomparsa e, in generale, il mondo si è evoluto. In questa cornice inedita ci viene chiesto di decidere se il nostro alter-ego è un maschio o una femmina. O meglio, un principe o una principessa, dal momento che impersoneremo il fratello di re Logan, regnante di Albion e figlio dell'ultimo grande Eroe.
Purtroppo le cose a corte non vanno bene: Logan è un re ingiusto che viene oramai definito tiranno dai suoi sudditi, la gente delle montagne non ha nulla da mangiare, i boschi vengono rasi al suolo per alimentare le fornaci delle fabbriche e chi osa ribellarsi finisce davanti al plotone di esecuzione. Insomma, Albion ha nuovamente bisogno di un Eroe e il caso (beh, non proprio) vuole che costui sia proprio il protagonista, in fuga dalla reggia dopo aver disobbedito - con tragiche conseguenze - a un ordine diretto del re.
Quanto descritto finora compone in pratica la prima ora di gioco di Fable III, primo spezzone di un lungo tutorial che introdurrà sia la storia che le meccaniche di gioco. Fuggiti dalla reggia dovremo infatti organizzare l'insurrezione per ribaltare Logan e ridare dignità al popolo di Albion e il modo migliore per farlo è iniziare a guadagnarsi la fiducia della gente.

Buono o cattivo?

Uno dei tormentoni che da sempre accompagnano Fable è la possibilità/necessità di prendere scelte che modificano il profilo morale del vostro personaggio. In parole povere: il vostro eroe è buono o cattivo? Non c'è molto spazio in Fable III per le vie di mezzo, e nella maggior parte dei casi le vostre decisioni penderanno dalla parte della bontà (tasto A) o della cattiveria (tasto X), con una minima presenza di opzioni "neutre" (tasto Y). Ad esempio, approcciando alle persone che popolano i villaggi e le città di Fable III avremo accesso a una serie di azioni che ci permettono in qualche modo di "comunicare". Inizialmente, per citarne una, potremo stringere la mano ai passanti oppure ruttare loro bellamente in faccia (peti e rutti, come da tradizione, sono una colonna portante di Fable III...). Mano a mano che il nostro personaggio si evolverà acquisiremo tutta una serie di opzioni extra, come giocare a battimano, danzare, emettere peti (appunto...), minacciare, insultare e altro ancora. Ognuna di queste azioni (e la loro reiterazione) modificherà il modo in cui i personaggi considerano il nostro eroe e ci farà eventualmente guadagnare preziosi punti-gilda che serviranno al potenziamento del personaggio.
Se da un lato un sistema di interazione tanto elementare e funzionale è un pregio, dall'altro diventa ben presto stucchevole dover fischiettare o danzare con ogni singolo cittadino che incontriamo per ottenere popolarità, specie considerando che alcune animazioni sono piuttosto lunghe e magari andranno ripetute una trentina di volte per acquisire abbastanza familiarità con la gente di un nuovo luogo (alcune missioni richiederanno proprio cose simili, almeno inizialmente).
Una simpatica novità di Fable III è rappresentata dal menu del nostro personaggio. O meglio, dall'assenza del medesimo: premendo Start in qualsiasi momento saremo infatti teletrasportati immediatamente presso il Santuario del nostro eroe, una rappresentazione fisica del menu e dell'inventario. Qui, accedendo a una serie di stanze (rapidamente raggiungibili tramite il pad direzionale) avremo accesso all'armeria, al guardaroba, alla mappa del mondo (con possibilità di viaggio rapido praticamente ovunque), alla lista delle missioni e ad altro ancora. Un'idea simpatica che inizialmente colpisce molto positivamente, ma che alla lunga fa rimpiangere l'impostazione classica, specie quando si va in cerca di qualche informazione specifica.

Spadaccino, mago o tiratore?

Quale che sia l'attitudine che terrete verso il mondo di Albion, state pur certi che dovrete combattere molto frequentemente. Tra briganti, mostriciattoli (sì, i classici Hobbe...) e soldati dell'amato fratellone, ci sarà la stretta necessita di menare le mani e Fable III ci darà modo di farlo in tre modi principali: con un arma corpo a corpo, con un'arma da fuoco e con la magia. Tre pulsanti del joypad sono infatti deputati ciascuno a una delle funzioni sopra citate. Per il corpo a corpo basterà premere X per sferrare un attacco, tenerlo premuto per mettersi in parata oppure tenerlo premuto e spostare lo stick digitale verso un nemico per scatenare un attacco speciale. Inoltre premendo X mentre si è a contatto con un nemico è possibile scatenare mosse speciali che uccidono l'avversario in un solo colpo (solitamente eseguibili su un nemico allo stremo). Per le armi da fuoco dovremo invece usare il tasto Y, mirando con lo stick analogico verso i nemici. In alternativa potremo tenere premuto il grilletto sinistro del joypad mentre si imbraccia un'arma a lunga gittata per mirare con una visuale in prima persona: quest'opzione torna particolarmente utile per attivare interruttori a distanza o colpire oggetti bonus sparsi per i livelli. Anche con le armi da fuoco è possibile "caricare" il colpo tenendo premuto Y ed effettuato così colpi mirati particolarmente letali (accompagnati dall'immancabile zoomata sul nemico, al rallentatore). Infine il tasto B scatenerà l'incantesimo attualmente selezionato: si parte con "semplici" palle di fuoco e si potranno poi aggiungere altri sei incantesimi, tra cui fulmini, tempeste di ghiaccio e spade magiche che trafiggono i nemici. In fase avanzata di gioco sarà anche possibile indossare due guanti magici anziché uno solo, mischiando così il potere di due incantesimi in combinazioni devastanti, tutte da sperimentare. Anche gli incantesimi, infine, possono venire caricati per eseguirne versioni potenziate, mentre evitando di inclinare lo stick analogico verso i nemici consente di attivare attacchi che colpiscono l'area circostante il nostro eroe, utilissimi in caso di mischie. Non strettamente legato agli attacchi è il pulsante A, usato per effettuare delle provvidenziali capriole che rappresentano il miglior modo di schivare i colpi avversari.


Commenti

  1. PaulVanDyk

     
    #1
    stavolta scaffale per mesi e mesi, da recuperare eventualmente in tempi di crisi assoluta.
  2. Stefano Castelli

     
    #2
    Stefano Castelli ha scritto:
    La terza favola di Lionhead: Una cruenta fiaba tra spade, galline e rivoluzionari.
    Visto che me lo stanno chiedendo in molti: no, durante la recensione, pur avendo finito il gioco e ricomianciato pure fino ad un certo punto, non sono incappato in buggoni. Un paio di glitch, ma niente di grave. Ed è già uscita una prima patch, per cui il tutto dovrebbe rimanere parecchio solido.
  3. Arit72

     
    #3
    PaulVanDyk ha scritto:
    stavolta scaffale per mesi e mesi, da recuperare eventualmente in tempi di crisi assoluta.
       Straquoto.:nworthy:
  4. auron2002

     
    #4
    Non vedo l'ora che sia venerdì :sbav:
  5. xPeter

     
    #5
    Domandina: nella versione nostrana c'è l'opzione per settare l'audio originale?
    In Fable2 avevano rilasciato il file scaricabile del parlato in inglese, ma solo dopo qualche tempo dall'uscita del gioco...
  6. Great75

     
    #6
    Stefano Castelli ha scritto:
    Visto che me lo stanno chiedendo in molti: no, durante la recensione, pur avendo finito il gioco e ricomianciato pure fino ad un certo punto, non sono incappato in buggoni. Un paio di glitch, ma niente di grave. Ed è già uscita una prima patch, per cui il tutto dovrebbe rimanere parecchio solido.
      Una domanda: ma se si usano le magie, compaiono le striature fosforescenti sul volto come accadeva nel II?
    Comunque, bella recensione: un gioco "rilassante" e non troppo impegnativo... aspetto venerdi...:sbav:
  7. auron2002

     
    #7
    Great75 ha scritto:
    Una domanda: ma se si usano le magie, compaiono le striature fosforescenti sul volto come accadeva nel II?
    Comunque, bella recensione: un gioco "rilassante" e non troppo impegnativo... aspetto venerdi...:sbav:


    Esatto! Bingo: rilassante e non troppo impegnativo.
    Lo voglio :sbav:
  8. mandarino

     
    #8
    La serie Fable già mi piace ma vorrei (a questo punto speriamo nel 4) un Fable più maturo, con quest più complicate e maggior difficoltà, poi sarebbe per quanto mi riguarda davvero perfetto.
    tanto per fare un paragone con altri giochi Fallout 3 è la versione matura di Borderlands.
  9. Bruce Campbell87

     
    #9
    bella recensione onesta :clap:
  10. danielsaaan

     
    #10
    complimenti per la recensione!! non vedo l'ora di giocarci!!
Continua sul forum (529)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!