Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Fable: The Journey

Fable: The Journey Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microsoft Game Studios
Sviluppatore
Lionhead Studios
Genere
Azione

Hardware

Fable: The Journey uscirà nel 2012, in esclusiva per Xbox 360. L'avventura Lionhead richiederà l'utilizzo del sensore Kinect.

Multiplayer

Al momento, non è previsto alcun supporto multiplayer.

Modus Operandi

Abbiamo assistito alla presentazione a porte chiuse di Fable: The Journey presso il mini auditorium allestito all'interno dello stand E3 di Microsoft. La dimostrazione pratica è stata gestita da alcuni sviluppatori Lionhead, con Molyneux in persona presente in sala.
Eyes On

Galoppando s'impara

La potenza è nulla senza controllo...

di Marco Mottura, pubblicato il

Non pensate tuttavia che Lionhead abbia deciso di rinunciare al 100% alla tanto decantata connotazione emozionale del rapporto: il vostro destriero non sarà mai un mero mezzo di trasporto, ma al contrario diventerà un autentico compagno di avventura da accudire e da trattare con rispetto e dedizione, portando ad un livello superiore il legame già visto nella saga con il cane. L'importanza del cavallo in Fable: The Journey è in effetti assoluta, anche e soprattutto in senso ludico: tramite l'amico equino avrete infatti modo di esplorare liberamente un'area di oltre trecento miglia quadrate, gestita con una struttura di tipo open world.
La demo giocata di fronte ai nostri occhi è servita per dimostrare esplicitamente come durante questa fase non esistano rotaie o costrizioni di alcun tipo: comodamente seduti, guiderete il vostro carretto, servendovi di redini invisibili da manovrare via Kinect per curvare a destra e sinistra, spronare la vostra cavalcatura e
quant'altro (con annessa la possibilità di morire finendo ad esempio in un burrone!). Durante gli spostamenti a cavallo potrete inoltre godervi il panorama - con l'head tracking abilitato in modo da controllare l'orientamento
della visuale - e soprattutto dedicarvi alla raccolta di energia magica, facendo rifornimento presso appositi cristalli sparsi per il mondo.

A KIND OF MAGIC

Così come il cavallo rappresenta il fulcro delle fasi di esplorazione, l'energia magica è la componente fondamentale di quelle di combattimento. Gli sviluppatori hanno giocato dinnanzi ai nostri occhi la stessa parte
di demo vista alla conferenza Microsoft (quella con l'assalto ad un accampamento di creature goblinoidi, che si conclude con il duello contro una sorta di orco minaccioso ma non troppo), cogliendo ad ogni modo l'occasione per spiegare in maniera più approfondita alcune dinamiche, per illustrare la bontà di un sistema di controllo oggettivamente ambizioso e per lasciarsi andare a golose anticipazioni.
Innanzitutto partiamo dall'annosa questione delle rotaie: al momento le fasi di lotta sono in effetti su binari, ma ci è stato promesso - letteralmente, i ragazzi di Lionhead hanno usato proprio quel termine - che nella versione finale e definitiva anche i combattimenti saranno gestiti in maniera completamente libera, senza ricorrere a binari di sorta. Il come verrà gestita la deambulazione durante passaggi tanto intensi e delicati rimane al momento un autentico mistero, ma Molyneux e soci assicurano di essere arrivati a concepire un sistema di navigazione in spazi 3D davvero promettente, che verrà tuttavia svelato soltanto nei prossimi mesi.

Con il cavallo sarete liberi di seguire i sentieri... o di ignorarli, passando per i campi alla ricerca di location segrete - Fable: The Journey
Con il cavallo sarete liberi di seguire i sentieri... o di ignorarli, passando per i campi alla ricerca di location segrete

L'APPRENDISTA STREGONE

I combattimenti di Fable: The Journey appaiono come una sorta di versione impazzita ed assolutamente atipica di Dragon Quest Swords. Con il semplice movimento delle mani è possibile incanalare il mana,
facendo comparire sullo schermo sciami di particelle bluastre; a quel punto, eseguendo gesti più o meno complessi (sempre e comunque senza avere un hud a schermo che suggerisca invasivamente il da farsi), si
andranno a scegliere i diversi tipi di attacchi disponibili. Alcuni esempi? Sfregando rapidamente le mani si può potenziare l'energia (colorando il pulviscolo magico di rosso), per poi sprigionare un devastante incantesimo puntando lo schermo con un movimento simile a quello utilizzato in Child of Eden. Alzando rapidamente le braccia sopra la testa con un movimento ad arco, verrà rallentato l'incedere del tempo, in modo da trovare preziosi spiragli nelle manovre offensive dei nemici. O ancora, avvicinando i pugni e tracciando una linea nell'aria si creerà un dardo incantato, da scagliare contro bersagli posti in posizioni strategiche (controllandolo nello spazio 3D dopo il lancio in modo da correggerne la traiettoria).
Per quanto ancora evidentemente ad uno stadio di sviluppo piuttosto arretrato, il potenziale sembra essere intrigante: l'intenzione di Lionhead è quella di offrire un sistema di combattimento unico, che trasmetta la sensazione di avere effettivamente a che fare con la magia (addirittura gli sviluppatori hanno parlato di voler variare la resa degli incantesimi a seconda della dimestichezza manuale dell'utente, rendendo i sortilegi qualcosa di tutt'altro che automatico e scriptato). Se a ciò aggiungiamo il bagaglio di feature caratteristiche di Fable - dal sistema di scelte morali alla cura per l'atmosfera e i dettagli di contorno - l'attesa nei confronti di The Journey non può che essere elevata: riuscirà il buon vecchio Molyneux a compiere l'impresa, o si
risolverà tutto in un nulla di fatto?


Commenti

  1. Lylot72

     
    #1
    Pensa, io pensavo fosse porcheria :).

  2. vudux

     
    #2
    Altre balle a nastro di molyneux, una 4 volta non ci casco.
  3. Mdk7

     
    #3
    In realtà è molto molto ambizioso come progetto.
    però è vero che col Mulino le panzane sono sempre una minaccia concreta.

    EDIT: segnalo che è stato editato un paragrafo, quello con la faccenda di Milo... prima Arturo aveva mangiato per strada un paio di righe piuttosto importanti.
    Anche perché francamente quando mi hanno detto che Milo era diventato un cavallo ci sono rimasto... perplesso. :D
  4. Gidus

     
    #4
    Non so come riusciranno a non renderlo su binari senza comprometterne pesantemente il gameplay. Osservo con curiosità...mi dispiace solo che probabilmente non vedremo più un seguito "normale" della saga.
  5. Lylot72

     
    #5
    Gidus...mi dispiace solo che probabilmente non vedremo più un seguito "normale" della saga.
    Io invece penso che ritorneranno subito al tradizionale finita quest' esperienza.
  6. Gidus

     
    #6
    Lylot72Io invece penso che ritorneranno subito al tradizionale finita quest' esperienza.

    Speriamo, perché la saga di Fable mi è sempre piaciuta nonostante le megasparate. In ogni caso se ne parlerà con il 720 XD
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!